Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/10/21 ore

POLITICA

Vince la sinistra, perde la destra, ma la crisi politico-istituzionale italiana è sempre più grave. Conversazione di Giuseppe Rippa con Luigi O. Rintallo

La chiusura del voto amministrativo apre una nuova fase politica. L’esito delle elezioni dei sindaci nelle grandi città ha confermato le previsioni della vigilia, ma la lettura prevalente fornita dal circuito informativo fornisce interpretazioni che non paiono recepire la natura profonda della crisi politico-istituzionale in atto e insiste nel riproporre una rappresentazione del confronto in atto conforme ai più vieti cliché da rotocalco. Partendo dal risultato elettorale, il direttore Giuseppe Rippa, conversando con Luigi O. Rintallo, prova a descrivere la situazione e a riflettere sui nodi più problematici dei prossimi appuntamenti politici...

Amministrative 2021: il centrodestra ha perso, il centrosinistra non ha vinto. Conversazione di Giuseppe Rippa con Luigi O. Rintallo

All’indomani del voto amministrativo, Giuseppe Rippa commenta, conversando con Luigi O. Rintallo, la situazione politica evidenziando come molte letture del post-voto siano viziate da pregiudizi e forzature… L’elevata astensione fa capire come non sia effetto di una disaffezione dovuta a una specifica situazione, ma rappresenta una parabola che prende sempre più forma e testimonia una insoddisfazione per l’offerta che viene sottoposta all’esame dei cittadini elettori… il quadro generale precipita e i partiti fanno harakiri...

In nome dei Pubblici Ministeri. Conversazione con Giuseppe Gargani sul suo libro e sui Referendum sulla Giustizia

Ripubblicato dopo più di 10 anni, con alcune note introduttive che l'autore ha aggiunto, In nome dei Pubblici Ministeri. Dalla Costituente a Tangentopoli, storia di leggi sbagliate (Edizioni Lastaria), è un libro di Giuseppe Gargani che potrebbe essere definito profetico. La evidente crisi della Giustizia si rivela come una una vera e propria crisi della democrazia poiché è il cittadino che ha bisogno della terzietà del giudice per difendersi dalle violenze, dagli attacchi dei poteri e della malavita organizzata… Giuseppe Gargani, che si può definire un politico di lungo corso, discute con il direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale Giuseppe Rippa di questi temi…

 

 - In nome dei Pubblici Ministeri. Conversazione con Giuseppe Gargani con Giuseppe Rippa sul suo libro e sui Referendum Giustizia Giusta (Agenzia Radicale Video)

Sondaggi pieni, urne vuote: l'effetto Conte sul M5S

C'era una volta, e ora non c'è più, l'indice di gradimento di Giuseppe Conte, il più amato dagli italiani secondo i sondaggisti del circo mediatico della politica politicante. Lo certifica l'unico sondaggio che conta, quello che vivaddio si fa ogni tanto andando alle urne. La caduta libera del M5S è ormai inesorabile e il suo nuovo condottiero non l'ha frenata. di Antonio Marulo

Venerdì 2 luglio 2021 inizio raccolta firme per i referendum sulla Giustizia Giusta

Tra venerdì 2 luglio e domenica 12 settembre inizia e si conclude la raccolta firme per i referendum sulla Giustizia Giusta. Dovranno essere raccolte almeno 500.000 firme autenticate e certificate su 6 referendum per la Giustizia Giusta…

Conte: attacchi sotterranei a Draghi. La parabola di un finto leader in un quadro senza certezze, conversazione di Giuseppe Rippa con Luigi O. Rintallo

… Nello scenario attuale, la figura di Mario Draghi è un po’ subita perché in qualche modo attenua il premere dell’UE e rimedia alla montagna di sciocchezze compiute in precedenza: dalla disastrosa gestione iniziale della pandemia agli interventi mancati volti a contenere la seconda ondata, come pure a organizzare decentemente le vaccinazioni… Ecco dunque la figura di Giuseppe Conte, che non è proprio casuale come si è stati portati a credere dal ritratto disegnato dai media. Corrisponde piuttosto all’interfaccia ideale con i settori amministrativi e corporativi, propensi a esercitare il loro condizionamento e controllo profittando dei varchi aperti dalla profonda crisi della politica e delle altre istituzioni, di fatto minate dal generale fenomeno di delegittimazione in atto… Viene fuori adesso, larvatamente, una sottile linea di conflitto tra una serie di soggetti – e non tanto dei residui alogenici dei 5Stelle, quanto di settori dell’establishment identificabili appunto nel partito del Quirinale e in parte del PD – e le linee che ispirano invece Mario Draghi nei rapporti internazionali… Di questo e di altro parla Giuseppe Rippa conversando con Luigi O. Rintallo.