Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/05/18 ore

MOSTRE

"TEL AVIV the WHITE CITY”

Proprio in questi giorni in cui Israele è messa sotto accusa da una massiccia campagna mediatica  che ha creato, in modo unilaterale, tanto sgomento nell’opinione pubblica mondiale per i fatti di Gaza, al Maxxi, pochi giorni fa, alla chetichella, solo per una selezionata lista di invitati, è stata inaugurata "TEL AVIV the WHITE CITY”, una mostra d’architettura che esalta la bellezza della più importante capitale mediorientale come a non voler urtare la suscettibilità di coloro che sono contro lo stato Sionista. di Giovanni Lauricella

Giovanni Neri, Opere recenti al Palazzo S. Chiara a Roma

Giovanni Neri è un artista giunto alla piena maturità che ci offre con la mostra a Palazzo S. Chiara una esaustiva panoramica della sua produzione pittorica, nato a Bologna nel 1951, vive e lavora tra Valsamoggia e Roma. Dipinge su diversi supporti tra cui tele, legno, cartoncino e carta utilizzando diverse tecniche (matite colorate, pastelli, acquerelli, acrilici, tempera, gessetti, china, sanguigna, smalti, vernici). Realizza anche monotipi e puntesecche. di Giovanni Lauricella

Il Palazzo Merulana e la collezione Cerasi

Una meritoria operazione da grandi mecenati dell’arte è stata appena inaugurata a Roma in quello che fu l’Ufficio  d’igiene in via Merulana a Roma che una volta dismesso ha rappresentato per anni il senso del degrado nel centro della città proprio in una zona ad alta densità d’immigrati con tutte le conseguenze che si possono immaginare. di Giovanni Lauricella

Robeto Capucci: Spettacolo onirico. Mostra proposta da Carolina Rosi e dalla Fondazione Eduardo De Filippo

Il 3 maggio 2018, nello storico Palazzo Scarpetta di Via Vittoria Colonna a Napoli, alle ore 11,30 è stata inaugurata la nuova sede operativa della Fondazione Eduardo De Filippo (FEDF), per merito di Carolina Rosi, moglie del compianto Luca De Filippo, nonché figlia del grande regista Franco Rosi e nipote della stilista Maria Mandelli, nota come Krizia. In tale circostanza, come omaggio al grande Roberto Capucci, è stata presentata in conferenza stampa, l’originale mostra di disegni per il teatro intitolata “Roberto Capucci. Spettacolo onirico”, aperta al pubblico da venerdì 4 maggio fino alla fine di giugno. di Giovanna D’Arbitrio

Sole Futurista alla Galleria Pulcherrima di Roma

La mostra Sole Futurista, progetto e curatela di Carla Mazzoni, esposizione di centocinquanta opere accompagnate da un interessantissimo catalogo di  Gastone Ranieri Indoni, Carla Mazzoni, Robertomaria Siena, Salvatore Ventura, è un’importate evento che rivela le grandi potenzialità della galleria Pulcherrima a Roma. di Giovanni Lauricella

Paula Doepfner: Nex time i see you

Nella galleria Mario Iannelli in mostra la giovane artista berlinese Paula Doepfner che investe le sue energie in un tema complicato che spazia dalla natura alle pulsioni mentali, dalla poesia alla musica con citazioni culturali e scientifiche che vanno oltre la conoscenza comune. di Giovanni Lauricella

Mitologie Urbane di Marco Cecioni al Frame di Napoli

Frame Ars Artes, la galleria d'arte dell'architetto Paola Pozzi, accoglie, a Napoli, al corso Vittorio Emanuele 423, le opere di quegli artisti che, per la loro particolarità, possono destare interesse. Come, in questi giorni, quelle di Marco Cecioni... di Adriana Dragoni

Roza Vulf “Floating World”

Roza Vulf è una fotografa di gran talento che tenta di esprimere con i suoi scatti il mondo a noi circostante quello che abitualmente abbiamo sotto gli occhi ma che lei coglie con molta sagacia nei momenti più particolari. Ne consegue una serie di foto nelle quali si può leggere una serie di vicissitudini umane in situazioni urbane che formano tutte insieme un mondo a parte, quello di Roza, unastreet photographer”,si chiamano così,fotografa vagabonda come i suoi personaggi da lei ritratti. di tristezza, la disperazione o la speranza ". di Giovanni Lauricella

Che cosa dice l'opera che si racconta?

Gli ampi girali dei larghi viali d'accesso alla Reggia-Museo di Capodimonte suggeriscono il passeggiare lento e contemplativo di un mondo che fu. E un modo diverso di vivere. E da vivere, a volte, anche ora, se si potesse. Questo giardino da favola ci conduce al settecentesco palazzo borbonico. Dove, all'interno, al primo piano, c'è la sala numero Sei…  di Adriana Dragoni

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto

Roma città moderna è ripetuto come titolo in tantissimi libri ed è consueto nel campo dell’urbanistica, ma Da Nathan al Sessantotto mi suona un po’ strano.  Molte volte si fanno dei periodi storici molto bizzarri, già sarebbe meglio dire Dalle cinque giornate di Milano al 1968, per sottolinearne l’aspetto insurrezionale. Fu da quelle giornate mazziniane che iniziarono le sanguinosissime battaglie che portarono all’unità d’Italia … non a caso a Roma misero i ministeri, ma lasciamo perdere. Il problema è la memoria storica che non si può avere se la storia vacilla o è addirittura travisata. di Giovanni Lauricella

Eyedentity di Stephane Graff

Il ritratto del volto è colto da  Stephane Graff in una chiave allusiva molto intrigante. Parlo di un’analitica forma pronunciata interpretativa di un fenomeno, che costituisce il linguaggio artistico dell’artista franco-inglese che, come un Lombroso all’incontrario, vuole dimostrare che un viso ritratto da un quadro o da una foto non restituisce l’autentica identità… di Giovanni Lauricella

TURNER - Opere della Tate

A cura di David Blayney Brown, dal 22 marzo al 26 agosto 2018, al Chiostro del Bramante a Roma, per la prima volta in Italia più di 90 opere d’arte, tra schizzi, studi, acquerelli, disegni e una selezione di olii, conosciute oggi in complesso come ‘Turner Bequest’: furono realizzate, secondo il critico John Ruskin, per il suo ‘proprio diletto’. di Giovanni Lauricella

Donne di Felice Meo, alla galleria Frame di Paola Pozzi a Napoli

In questi giorni, stimolate anche dalle notizie di donne assassinate, vi sono numerosissime manifestazioni in sostegno della donna. Nelle quali l'affermazione parità uomo-donna è sentita sempre più chiaramente come uguaglianza tra gli esponenti dei due sessi. Non solo nell'ambito dei diritti civili ma anche nei comportamenti privati. di Adriana Dragoni

Imagine. Nuove immagini nell'arte italiana 1960-1969. Al Peggy Guggenheim di Venezia

Tra le celebrazioni più importanti di cui abbiamo parlato ultimamente per ricordare il periodo artistico del ’68 di spessore internazionale c’è  "Imagine. Nuove immagini nell'arte italiana 1960-1969" curata da Luca Massimo Barbero al Peggy Guggenheim, a Venezia. di Giovanni Lauricella

Francesco Lo Savio al Mart di Rovereto

Francesco Lo Savio (1935-1963) fu un grande artista romano apprezzato solo da una élite culturale, che forse per la brevissima carriera svolta, dal ’58 all’inizio del ’63, peraltro avuta in giovanissima età, tra i 23 e i 28 anni, è rimasto poco conosciuto. Come per non smentire il suo strano destino, ironia della sorte, è celebrato in questi giorni al Mart di Rovereto, come un confinato al quale i tirolesi dedicano una mostra antologica. di Giovanni Lauricella