Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/02/18 ore

TEATRO

Porgy and Bess è la storia infinita dei suoi colori

Oltre a essere di gran lunga l’opera più nota dell’intera produzione statunitense, Porgy and Bess è stata quella dalla storia certamente più travagliata e questa versione, in scena al teatro Erkel di Budapest, non fa eccezione, anzi. di Vincenzo  Basile

Conversazione con Francesca De Sapio sul suo libro “Per ogni persona incontrata” e altro

Francesca De Sapio ci accoglie nella sua bella casa romana. Con Lei c’è Vito Vinci, regista, sceneggiatore e attore… "mio compagno e amico da 23 anni ricorda Francesca (…accompagna con grande amore e pazienza ogni mio percorso di scrittrice, attrice e regista. È stato lui il primo a credere e a sostenermi nella stesura di questo romanzo)". Roberto Granese, che nel tempo libero segue come webmaster i siti di Agenzia Radicale e Quaderni Radicali, questa sera è in veste di cameraman … Ero curioso di conversare con Lei. Avevo assistito al Cinema Quattro Fontane a Roma alla presentazione del libro “Per ogni persona incontrata”, edito da  D'ORO COLLECTION…

 

- Conversazione con Francesca De Sapio sul suo libro “Per ogni persona incontrata” e altro (Agenzia Radicale Video)

Al Teatro Erkel di Budapest Rossini è la contemporaneità della sua Italiana ad Algeri

L’Opera sorprende al primo impatto. L’apertura del sipario svela un gruppo di sinuose Cat Woman, tutte nel tipico, minimalista, lattice nero e in alcuni casi dorato. Si muovono con grazia ferina sullo spazio di un’essenziale eleganza pur nell’intensa allusività esotica (scenografo:Balazs Csiegler), suddiviso in tre piani prospettici susseguenti, quelli della reggia di Mustafà (Bakonyi Marcell) ricco e potente Bey di  Algeri, manco a dirlo, sciupafemmine incallito. di Vincenzo Basile

Vampirok Balja. Il primo morso affascina il secondo incanta

All’inizio fu Tanz der Vampire, il film del 1967. Poi il titolo originale fu ingentilito per il pubblico americano nel più frivolo Pardon Me, But Your Teeth Are in My Neck(da noi “Per favore non mordermi sul collo”), con l’intento di dare più risalto alla componente comica e parodistica. di Vincenzo Basile

Conversazione con Pamela Villoresi, voce recitante di una Duse passionaria e innamorata della libertà

Una performance intesa e molto coinvolgente. Il pubblico ha manifestato il suo consenso con lunghi applausi. Pamela Villoresi ha vissuto come voce recitante il personaggio di Eleonora Duse nel recital "La musica dell'anima" che Todi Festival ha proposto al Teatro Comunale in prima nazionale. Il bel testo è di Maria Letizia Compatangelo e lo spettacolo è stato accompagnato da Marco Scolastra che al piano ha fatto rivivere il rapporto indissolubile tra la Duse e la musica... (G.R.)

“Senza glutine”

Dal 26 aprile al 7 maggio prossimo è in scena al Teatro Argot Studio di Roma “Senza Glutine”, spettacolo nato da un testo di Giuseppe Tantillo, autore palermitano che ne ha curato la regia insieme con Daniele Muratore e che è presente anche sul palco in qualità di attore. di Regina Picozzi