Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

03/08/20 ore

POLITICA

Crisi di governo: voci dissonanti a sinistra: Macaluso, Cacciari, Bertinotti

Sui social del web, che non contano poco per le determinazioni che devono prendere le forze politiche durante questa crisi, comincia a circolare una battuta: “mezzo mondo vuole che PD e Movimento 5 Stelle stringano un patto di governo… meno buona parte dei loro elettori”. Giornali e talk show, in effetti, accreditano che davvero “mezzo mondo” si muova nel senso di favorire l’abbraccio: dalle stanze del Vaticano agli uffici di Bruxelles, con il contorno del sindacato di Landini che, addirittura, starebbe già approntando parte del programma del futuro dicastero, e delle intromissioni un po’ sopra le righe di importanti politici fuori confine. Trovare voci dissonanti potrebbe quasi risultare un’impresa, ma non è così. di L.O.R.

Crisi di governo. Guerra lampo o di posizione?

Un po’ tutti i soggetti politici di questa crisi di governo devono affrontare un dilemma di natura tattica: meglio una guerra lampo o di posizione? La Lega di Salvini, dopo aver denunciato l’inerzia in cui il governo Conte si era arenato, è sembrata optare per la prima soluzione: puntare rapidamente al voto e capitalizzare l’aumento di consensi registrato alle europee... di Luigi O. Rintallo

Una crisi più grossa del previsto

Proprio così, una crisi più grossa del previsto, un po' da parte di tutti. Certo, Salvini ne esce con una sconfitta, e non di poco conto, ma anche con la possibilità di rientrare in campo, in quanto la soluzione della crisi non sta nella ricomposizione di un governo qualsiasi pur di non tornare alle elezioni (per quanti in un nuova consultazione popolare hanno molto o poco da perdere), ma richiede il formarsi (quanto meno) della consapevolezza che la crisi attuale è il risultato ultimo del percorso politico dell’Italia e dell’Europa del secondo dopoguerra, una storia che non può essere ignorata. di Silvio Pergameno

Dove va la crisi?

Secondo i riti, invero ormai anacronistici e superati dal ritmo che viviamo, il Capo dello Stato procede alle consultazioni dei rappresentanti politici per risolvere la crisi del governo presieduto da Giuseppe Conte. Sui media ci si sbizzarrisce nel prefigurare i possibili esiti, ma va riconosciuto come la situazione determinatasi permette se non altro di delineare con maggiore nettezza i contorni dello scenario politico italiano. di Luigi O. Rintallo

Rappresentanza politica e consenso. Caparbio percorso di una classe dirigente preda di una tisi dell’anima

Mentre la platea politico-mediatica attende i riflessi politici del discorso del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, tappa interlocutoria dellacrisi in corso, è opportuno soffermarsi sul rapporto tra rappresentanza politica e consenso. Se lo facciamo considerando un periodo ampio, che inizia almeno dalla metà degli anni Settanta, scopriamo alcuni caratteri costanti che rivelano il manifestarsi di un problematico divario fra le domande emergenti nel Paese e le scelte operate dai gruppi dirigenti, siano essi politici o economico-amministrativi. di Luigi O. Rintallo

Nel Partito Democratico sempre duri di comprendonio

Parlare di “suicidio politico” di Salvini, nel caso di un suo ripensamento sulla crisi, come fa l’ex ministro del PD Graziano Del Rio, già sindaco per nove anni di Reggio Emilia,  significa dimostrare di non avere chiari i caratteri della situazione politica e sociale che viviamo. Confermando la storica disposizione a definirsi solo come antitesi rispetto all’avversario prescelto, dal PD finora non giunge alcun contributo serio alla comprensione dei motivi per cui nell’arco di quattro anni si sia dimezzata la percentuale dei consensi fra gli elettori. di Luigi O. Rintallo