Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/08/17 ore

POLITICA

5 Stelle, è andata molto maalox

La batosta era nell'aria, ma forse non così pesante. Alle elezioni amministrative i 5 stelle in pochi e marginali casi vanno al ballottaggio, con percentuali molto lontane da quelle che a livello nazionali ci offrono i sondaggisti al soldo dei talk tv.

Legge elettorale, la palese rottura

Come nelle migliori tradizioni, il casus belli è solo apparentemente marginale. Serviva il pretesto per formalizzare la crisi già in atto del patto a quattro sulla legge elettorale. Detto-fatto.

5 stelle, quel tocco di presunta costituzionalità alla legge elettorale

Eppure bisogna comprenderli. Non è facile far ingoiare la pillola alle masse del vaffa day; ed è complicato spiegare che ci si è seduti al tavolo con dei “miserabili con cui non vogliamo averci a che fare” (cit. Di Battista)...

I RAGGIanti annunci sui campi rom

C'era una volta la politica degli annunci di Matteo Renzi. Chi può dimenticarla: tutta slide e distintivo. Si decantavano in questo modo provvedimenti che non avevano nemmeno visto il tavolo di Palazzo Chigi. Eppure se ne dava conto come se fossero cosa fatta e certa, magari già fruttuosa. Con le dovute differenze, qualcosa di simile accade con Virginia Raggi, in preda a un comprensibile bisogno di dare la sensazione che qualcosa accade finalmente, dopo quasi un anno di immobilismo incompetente.

Legge elettorale, il modello tedesco all'italiana

Nessuno si faceva illusioni. Il richiamo alla legge elettorale in vigore in Germania resta una semplificazione, perché poi, si sa, il diavolo si nasconde sempre nei dettagli. E la nuova proposta figlia dell'inciucio RenGrilSconi ne ha abbastanza per connotare i caratteri nazionali all'insegna del "primum comandare".

Giovanni Falcone, per ricordare

25 anni fa la strage di Capaci. Il 23 maggio 1992, sull’autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci nel territorio comunale di Isola delle Femmine, a pochi chilometri da Palermo Palermo il tremendo attentato. Vittime il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Gli unici sopravvissuti furono gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l’autista giudiziario Giuseppe Costanza. Quaderni Radicali pubblicò, in un suo libro-supplemento pochi mesi dopo quell’orrendo massacro, quasi tutti gli interventi che Falcone pronunciò, nei due anni prima della morte,  in convegni e interviste, più interventi di giornalisti, scrittori, magistrati e altri ancora che erano intervenuti sugli ultimi tormentati anni della vita del magistrato antimafia. Erano anni terribili, Falcone fu accusato dai “campioni dell’antimafia” di essere un cavallo di Troia della classe politica per controllare, legare le mani ai magistrati. Ecco cosa dicevano questi “campioni” dell’antimafia militante. Oggi tutti piangono Giovanni Falcone e con lui le altre vittime della strage… e nessuno ricorda quello stato di cose che si era venuto a creare…