08/03/21 ore

LIBRI

Della Gentilezza e del Coraggio, di Gianrico Carofiglio. Riflessioni su politica e altri temi

Della Gentilezza e del Coraggio- breviario di politica e altre cose” di Gianrico Carofiglio (Ed. Feltrinelli), è un invito a smorzare gli attuali toni della comunicazione, sia pubblica che privata, in cui l'aggressività esplode in forme di prevaricazione, ritenendo che chi urla più forte possa vincere nel ridurre al silenzio l'interlocutore. L’autore invece si pone l’obiettivo di dimostrare che la vera forza risiede nella capacità di argomentare, evitando sterili polemiche proprio attraverso la gentilezza, virtù che meglio esprime il coraggio di un proficuo confronto con gli altri... di Giovanna D’Arbitrio

Armi, Acciaio e Malattie, di Jared Diamond. La teoria del caso contro la supremazia razziale

Armi, Acciaio E Malattie - Breve storia degli ultimi tredicimila anni (titolo originale Guns, Germs and Steel: The Fates of Human Societies), di Jared Diamond (Ed Einaudi), vincitore il Premio Pulitzer per la saggistica nel 1998, riscuote ancora successo e ristampe a livello internazionale… di Giovanna D’Arbitrio

Il sociologo detenuto, di Alessandro Lamaccio. Prefazione di Enrico Rufi

Il sociologo detenuto. Una storia etnografica (Herald Editore) è un libro di Alessandro Limaccio. L’autore è in carcere - come riporta la quarta di copertina - dal 1995 quando, aveva 23 anni. Condannato a quattro ergastoli ostativi per cinque omicidi dei quali si è sempre proclamato innocente… Può vantare due primati: è il primo detenuto in Italia ad aver conseguito un dottorato di ricerca in sociologia dietro le sbarre nel 2017, ma anche il primo detenuto in Italia a rifiutarsi di chiedere permessi per poter proclamare con più forza la propria innocenza. Quella che segue è la prefazione di Enrico Rufi, redattore di Radio Radicale con un dottorato in Letteratura francese alla Sorbona…

Da isola dei dannati a terreno possibilità per rimettersi in gioco, Luigi Pagano racconta quarant’anni di carcere

Nelle pagine de Il Direttore gli anni di piombo e la scommessa dell’Icam. Le riforme necessarie per inclusione sociale e pene alternative. Quel visionario napoletano che cantava Ma mì a Sabella. Il giorno in cui il killer Barra gli offrì la testa delle Br. Storie da dentro. Da dietro le sbarre. Ma anche voce di umanità che si leva dai gironi dell’inferno carcerario. Testimonianza di potere responsabile tra rotonde e bracci, padiglioni malandati e riforme sempre necessarie, secondo lo spirito dell’articolo 27 della Costituzione e l’indicazione del trattamento rieducativo per i detenuti. Raccontano tutto questo le pagine di Luigi Pagano, Il Direttore. Quarant’anni di lavoro in carcere”…  di Salvatore Balasco

La Misura del tempo, di Gianrico Carofiglio. Il dolente scorrere del tempo

Finalista al Premio Strega 2020, La Misura del tempo di Gianrico Carofiglio (Ed.Einaudi), è senz’altro un romanzo particolare, in equilibrio tra racconto giudiziario e il tema del dolente scorrere del tempo. Nel risvolto anteriore di copertina si legge:  “Col passare del tempo i luoghi della città mi ricordano sempre più intensamente sensazioni e fantasticherie del passato remoto. Un’epoca di stupore. Ecco, certi luoghi della città mi fanno sentire nostalgia per lo stupore, essere storditi dalla forza di qualcosa. Mi piacerebbe tanto, se capitasse di nuovo”.di Giovanna D’Arbitrio

Conversazione con il prof. Mihail Dobre sul suo libro: ‘La Romania alla fine della guerra fredda’

Nel suo libro La Romania alla fine della guerra fredda, condizione geopolitica e opzioni di sicurezza, uscito nel dicembre 2020 nella collana Saggi di Storiografia della casa editrice Rubbettino, Mihail Dobre, professore di Politica estera, diplomazia e relazioni internazionali presso la Facoltà di Storia dell’Università di Bucarest. Un lavoro che coniuga elementi di analisi politica e teorica, con una accurata ricostruzione storica non disgiunta a una lettura critica che si muove su una base di documentazione diplomatica, molto spesso inedita e una originale lettura storica. Dalle dinamiche recenti e dal suo potenziale sviluppo, che ha nelle radici che il libro descrive, le sue ragioni e condizioni, prende le mosse la conversazione che segue, che il prof. Mihail Dobre tiene con il direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale Giuseppe Rippa

  

- Conversazione con il prof Mihail Dobre sul suo libro: ‘La Romania alla fine della guerra fredda’

(Agenzia Radicale Video)