06/07/22 ore

ESTERI

Cosa c'è in un nome? Gli 'Stati Uniti d'America' ​​in cinese: da paese ‘bello’ a quello ‘brutto'

La scrittura per riferirsi agli "Stati Uniti d'America" è cambiata più volte nel corso della storia cinese. In cinese mandarino, il nome completo degli "Stati Uniti d'America" è "Mei Li Jian He Zhong Guo" "Mei Li Jian" ("美利坚") è la traslitterazione delle sillabe "Ame-ri-ca", mentre " He Zhong Guo" (合众国) è la traduzione cinese della frase "Stati Uniti". Tuttavia, il termine comune usato per riferirsi agli Stati Uniti è la sua forma abbreviata: "美"("Mei")+ "国"("Guo"). Letteralmente "美" ("Mei") significa "bello", mentre "国" ("Guo") significa "paese" o "Stato". Quindi, 美国 ("Mei Guo") può essere inteso casualmente come "bel paese" o come "splendido stato". Vale la pena notare che i caratteri che formano la parola completa di "America", "Mei Li Jian" ("美利坚), significano letteralmente "bello" (美), "profitto" (利) e "resistenza" (坚). di Anna Mahjar-Barducci (da Memri)

Mosca aumenta la sua presenza nella regione del Sahel – A danno della Francia: il caso del Burkina Faso

La Russia sta cercando di aumentare la sua influenza nella regione del Sahel, cercando di sfruttare il sentimento anti-francese che si sta sviluppando nell'area. Dopo aver consolidato le sue relazioni con il governo del Mali, la Russia sta ora corteggiando il nuovo potere in Burkina Faso. A seguito del recente colpo di stato del 24 gennaio 2022, diversi sostenitori del tenente colonnello Paul Henri Sandaogo Damiba, presidente ad interim del Paese, hanno già chiesto di rafforzare la cooperazione con la Russia e di rompere la partnership del Paese con la Francia… di Anna Mahjar-Barducci* (da Memri)

Ecco una breve rassegna dell'influenza della Russia sul Mali - a scapito della Francia

Il 2 marzo 2022, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha approvato una risoluzione che condanna l'invasione russa dell'Ucraina. Il Mali è stato tra i 17 paesi africani che si sono astenuti dal voto (28 paesi africani hanno votato a favore della risoluzione, nessun voto è stato registrato da otto paesi e uno ha votato contro la risoluzione). Ultimamente, il governo del Mali ha avuto buone e confortevoli relazioni con la Russia. Il Paese è ora guidato dal leader della giunta militare colonnello Assimi Goita, un ufficiale militare che presta servizio come presidente ad interim dal colpo di stato del maggio 2021, il secondo colpo di stato del genere in nove mesi, da lui guidato… di Anna Mahjar-Barducci* (da Memri)

Ucraina: dietro l’aggressione. Mancato Ordine Mondiale, dittature, debolezze occidentali. Conversazione di Giuseppe Rippa con Luigi O. Rintallo

Quando il presidente russo Putin ha aggredito l’Ucraina, in una guerra che non si deve chiamare guerra, nonostante le migliaia di morti, ma operazione militare, ha affermato che a seguito di una richiesta di assistenza da parte delle "autorità" di Donetsk e Lugansk, la Russia "cercherà la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina" e "premerà per assicurare alla giustizia coloro che hanno commesso numerosi sanguinosi crimini contro civili pacifici, compresi cittadini russi”. Alla luce del massacro ancora in corso sul popolo ucraino la cosa appare addirittura incredibile…  Ma è evidente che al di là della inaccettabile aggressione dalle conseguenze tremende esistono antefatti che l’hanno determinata.… Di questi antefatti e della attuale situazione discute Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, con Luigi O. Rintallo, redattore storico della rivista e della agenzia…

Appello del clero della Chiesa ortodossa russa per la riconciliazione e la fine della guerra

Che un gruppo significativo di sacerdoti e diaconi della Chiesa ortodossa russa abbiano promosso un appello per la riconciliazione e la fine della guerra è un fatto di notevole rilevanza. Infatti Kirill (Cirillo I), il patriarca di Mosca e di tutte le Russie, è finito nel mirino per il suo silenzio a fronte dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia (Il Giorno 5 marzo 2022). Il fatto che negli ultimi giorni si sono moltiplicate anche all'interno della stessa chiesa ortodossa russa, della quale il primate è il primo punto di riferimento, le iniziative di critica aperta all'azione militare ha un valore grandissimo. L’Appello è un tentativo di convincere il patriarca a muoversi in prima persona - con una dichiarazione o un gesto simbolico. per cercare di "bloccare" Vladimir Putin. Kirill I, al momento, resta in silenzio. Nessuna parola esplicita contro l’attacco, anzi, il contrario...!!!

Di seguito l’appello con i primi firmatari del clero ortodosso russo…

L'intervista del quotidiano liberale russo Novaya Gazeta ai genitori di due soldati fa luce sul trattamento delle reclute da parte dell'esercito russo

Il 28 febbraio 2022 il quotidiano liberale Novaya Gazeta, curato dal premio Nobel per la pace Dmitry Muratov, ha pubblicato un articolo intitolato "Mamma, ti amo, se c'è un avviso funebre, non crederci subito" basato su interviste a due Donne russe, il cui figlio e nipote erano MIA in Ucraina. Dall'intervista emerge come i giovani russi siano ingannati o costretti a arruolarsi come soldati professionisti … e sono costretti a dare contributi all'esercito e persino a pagare le loro divise… Di seguito l'articolo della corrispondente speciale del giornale Irina Tumakova "Non siamo a conoscenza delle effettive perdite subite dall'esercito russo in Ucraina - scrive - . Numerose fonti citano numeri diversi, ma sono tutti terribili e non ci sono conferme o smentite da parte del ministero della Difesa russo. E non è passata nemmeno una settimana  dall'inizio dell'"operazione speciale”. L’articolo è stato pubblicato in inglese dal sito del Memri.

Russia. I critici di Putin esortano le élite russe: ‘Bloccarlo per scongiurare catastrofe nucleare nell'attuale crisi’

Il 27 febbraio 2022, Vladimir Putin ha messo in allerta speciale le forze di deterrenza nucleare russe. Mentre in Ucraina imperversava la guerra convenzionale e si parlava di guerra partigiana, la minaccia nucleare era sempre in agguato sullo sfondo. Lo stesso Putin vi ha alluso nel suo discorso alla nazione del 24 febbraio 2022, quando ha minacciato una risposta senza precedenti a chiunque avesse osato interferire con l'operazione. La stazione radio Echo of Moscow (*) ha pubblicato sul suo sito web due blog fortemente critici nei confronti di Putin che ri tornavano sulla minaccia nucleare. Il primo è di Dmitry Gudkov, un ex membro dell'opposizione sistemica… L’altro Abbas Gallyamov, ex scrittore di discorsi per Putin e consulente politico,sottolinea un’altra questione… Di seguito riportiamo la traduzione in italiano dei due interventi presa dal sito del Memri (**) in inglese…

La dimensione ideologica dello stallo tra Russia e Stati Uniti

Anna Mahjar-Barducci* è direttrice del MEMRI Russian Media Studies Project e da oltre venti anni è nella redazione di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale.  Il saggio che segue descrive un quadro della Russia di Putin che nel nostro Paese è pressoché sconosciuto…

Ci sono voluti più di 20 anni prima che il presidente russo Vladimir Putin definisse la nuova ideologia russa.[1] Tuttavia, lo sviluppo di questa ideologia è in corso sin dal primo giorno della nomina di Putin a Presidente della Federazione Russa, e probabilmente non è ancora sistematizzato e finalizzato. La Costituzione russa vieta l'instaurazione di un'ideologia di stato, ma molti intellettuali russi – e lo stesso Putin – hanno spinto per il ritorno di un'ideologia e di una “nuova idea russa”. Nella formazione della nuova ideologia russa, ci sono alcuni discorsi di Putin che possono essere considerati pietre miliari… di Anna Mahjar-Barducci (MEMRI Middle East Media Research Institute)

La nuova ideologia 'conservatrice' russa per contrastare il liberalismo

Il famoso accademico russo Sergey Karaganov descrive il discorso del presidente russo Vladimir Putin all'ultimo Valdai Forum di ottobre[1] come il "primo grande e forte invito a reinventare l'ideologia russa per la Russia e il mondo".[2] In effetti, il discorso di Putin può essere visto come un manifesto ideologico che cerca di riportare la Russia al centro della mappa politica mondiale. Karaganov, da dodici anni consigliere del Cremlino per la politica estera, spiega che per molti anni l'economia è stata il fattore centrale per paesi e società ("è l'economia, stupido"). Tuttavia, la storia dimostra qualcos'altro. "Sì, le persone sono guidate da interessi economici, ma quando sono parzialmente soddisfatte, quando come minimo nessuno muore di fame, si rivolgono ad altri interessi come la sicurezza, l'orgoglio nazionale, le opinioni ideologiche, gli stereotipi e i bisogni culturali, ovvero i fenomeni e valori di ordine superiore", afferma Karaganov.[3] … di Anna Mahjar-Barducci* (da Memri Middle East Media Research Institute)

Putin sta bluffando: non può permettersi di invadere l’Ucraina. La migliore strategia per l'Occidente è ignorarlo

Nel 2014 l'imperialismo russo si è manifestato con l'occupazione della Crimea nel tentativo di creare quella che a Mosca viene chiamata Novorossiya ("Nuova Russia"), un'area a nord del Mar Nero conquistata dall'Impero russo. Tuttavia, la Russia considera la sua espansione in Ucraina un'impresa incompiuta. I cosiddetti accordi di Minsk sono stati magistralmente ideati dal Cremlino per portare alla "federalizzazione" dell'Ucraina e di conseguenza far governare questi territori indirettamente e con forza da Mosca. Non molto tempo fa, Vladislav Surkov, ex aiutante del presidente russo Vladimir Putin, ha confessato di non riuscire ancora a credere che la delegazione ucraina abbia accettato le condizioni degli accordi di Minsk… dottor Vladislav L. Inozemtsev* (da Memri)

In Russia, il pensiero liberale è vivo, ma la politica liberale è morta

Ogni osservatore degli sviluppi politici della Russia sa che coloro che si oppongono all'attuale regime politico su basi democratiche sono spesso etichettati (e si considerano) "liberali". Questo può sembrare profondamente fuorviante per un analista occidentale dal momento che i "liberali" russi spesso non hanno nulla in comune con i "liberali" negli Stati Uniti… dottor Vladislav L. Inozemtsev* (da Memri)