Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/05/22 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Chi non ama i referendum?

A pochi giorni dalla conclusione della campagna di raccolta firme sui Referendum radicali - #giustiziagiusta e Cambiano noi - emergono con chiarezza due dati: il primo riguarda il fatto che i temi oggetto delle proposte referendarie sono rimasti marginali al dibattito politico ed hanno avuto come di consueto scarso risalto mediatico; il secondo si riferisce alla inquietante assenza del Partito Democratico alla dialettica e al dibattitto intorno ai referendum. Circostanza quest'ultima che non può essere ignorata da chi ha a cuore e si batte per imporre il tema della questione liberale all'interno della sinistra italiana. Ne parla il direttore di Agenzia Radicale e Quaderni Radicali Giuseppe Rippa. (Video)

Letta bis

Emerge una certa spavalderia, non ingiustificata, dietro la fattiva modestia con la quale Enrico Letta si dichiara sicuro del fatto proprio e fa mostra di non temere le minacce del Cavaliere quando fa la voce grossa: se mi cacciate, faccio cadere il governo e si va alle elezioni. di Silvio Pergameno

Renzi, l'abbraccio rischioso di Repubblica

Non siamo fra coloro che considerano il fenomeno Renzi una costruzione mediatica. Il sindaco di Firenze sta provando a dare risposte a istanze vere, alle quali il grosso del Pd era impermeabile. Senza dubbio, però, il quotidiano la Repubblica e l’area editorial-politica che fa riferimento a Carlo De Benedetti ormai da decenni colmano a modo loro le lacune della sinistra e ne condizionano fortemente i destini. di Danilo Di Matteo

G20 di San Pietroburgo, lo stato cattivo delle cose

Come era facilmente prevedibile sul piano della terribile vicenda siriana il G20 non ha segnato alcun progresso ed ha anzi fatto emergere la debolezza della posizione americana e l’irremovibilità del presidente russo, anche se dalle sue dichiarazioni è emersa una precisazione non priva di rilievo. di Silvio Pergameno

 

G20, la crisi siriana nelle mani di Putin

Russia e Siria: è uno degli aspetti fondamentali della presente crisi mediorientale. Il leader russo si sta muovendo per crearsi una posizione gestibile e spendibile nella vicenda, dal cui esito molto dipenderà dell’avvenire della regione. di Silvio Pergameno

Bisessualità, l'evoluzione della specie secondo Veronesi

“Oggi sono lui, da domani poi se lo vuoi sarò lei, sarò solo lei” cantava Daniele Silvestri qualche annetto fa. E il tempo passa, l'oggi è ancora confuso, ma il domani è già certo: “i bisessuali domineranno l'umanità”. Parola di Umberto Veronesi. di Florence Ursino