Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/01/23 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Il tabù sul presidenzialismo

La commissione di esperti, che ha lavorato in questi mesi per discutere sulla  riforma della Costituzione, ha presentato il proprio lavoro conclusivo da alcuni giorni. L’impianto di discussione elaborato dal Ministro per le riforme Quagliarello ha posto una serie di domande agli esperti. Per quanto riguarda il tema della forma di Governo, il primo punto in discussione riguarda una scelta di fondo tra le due tradizioni principali di forme di governo presenti nella storia delle istituzioni occidentali. di Zeno Gobetti

Spionaggio, il "grande" scandalo

Una delle armi della politica più potenti, altamente morali e, talora sinistramente, divertenti sta nella trasparenza, arma tipica, per di più, della vera democrazia: un contropotere micidiale soprattutto per la sua capacità di ridicolizzare le pomposità sussiegose di chi conta poco ma tiene molto a un posticino nell’empireo dei grandi. di Silvio Pergameno

Italia, l’ex quinta potenza industriale del mondo

Politologi del livello di Piero Ostellino, intellettuali come Ernesto Galli della Loggia, nel denunciare entrambi, sul Corriere della Sera, i mali dai quali l’Italia è oggi dilaniata - o giornalisti come Salvatore Merlo che sul Foglio si sofferma in un’ampia riflessione sulla figura di Mario Montie sulla vicenda di Scelta Civica - finiscono tutti per incorrere in un errore di fondo, che questa Agenzia ha puntualmente denunciato nei giorni scorsi: offrono ampie considerazioni sullo stato di decadenza nel quale l’Italia oggi versa, ma senza alcun approfondimento di carattere storico sulla vicenda del nostro paese, senza cercare di comprendere come mai un percorso liberale in Italia è sempre stato accuratamente evitato dalle classi dirigenti ovvero apertamente combattuto. di Silvio Pergameno

I rischi di una svolta autoritaria

Se inanelliamo fatti, circostanze e interventi di quest’ultima settimana politica, è possibile ricavare una conclusione che porta inevitabilmente alla considerazione che è in atto un processo teso a pregiudicare in via definitiva la tenuta democratica del Paese. di Luigi O. Rintallo

Dl Cultura, un futuro dal passato

Diceva lo storico Pasquale Villari che il vero nemico dell’Italia del suo tempo era, più che l’ostilissima Austria, una certa “colossale ignoranza”. Altri tempi. Dall’alfabetizzazione delle masse al piccolo medioevo della cultura, giustificato da quella crisi nera che sembra non trovare risorse, perché, senza troppe ipocrisie, ammettiamo una buona volta che “si vive di solo pane”. di Ludovica Passeri

Sciopero generale: la novità di Cgil-Cisl-Uil

4 ore di sciopero con “manifestazioni di protesta a livello territoriale da oggi e fino al prossimo mese”. Lo scopo – annunciano i segretari di Cgil, Cisl e Uil – è quello di riuscire “a influenzare il dibattito parlamentare” sulla Legge di Stabilità. L’idea, evidentemente, è di quelle rivoluzionarie, in linea con il modo stantio e ammuffito con cui il sindacalismo italiano si muove da sempre. di Antonio Marulo