Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/09/19 ore

EDITORIALI E COMMENTI

L’Europa e il sovranismo

Nel dibattito politico quotidiano l’Europa viene spesso, anzi quasi sempre chiamata in causa quando si parla di temi cosiddetti internazionali, che poi toccano quasi sempre problemi interni… In tempi di fiacca economica, poi, è naturale che venga in causa il discorso sulla crescita, sull’insufficienza di un’inflazione che non va oltre l’1%, mentre quella auspicata in tempi normali si aggira sul doppio e quando, come oggi, occorre uno stimolo particolare sarebbe auspicabile una spintarella ancor più forte, come in realtà fa soltanto – nell’ambito delle sue competenze - Mario Draghi, Presidente della BCEdi Silvio Pergameno

Tatticismo inutile senza cultura liberale. A margine del presunto machiavellismo di Renzi

Renzi? Oggi è un grosso problema”. Così si sarebbe espresso il neo-ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, rivolto alla sua omologa tedesca Michelle Müntefering che chiedeva delucidazioni sulle iniziative dell’ex premier fiorentino. Inevitabile, per chi leggeva del “siparietto” riportato sulla stampa, pensare che in realtà Franceschini pronunciava quelle parole più a sé stesso che all’interlocutrice straniera, quasi ad evocare una sua personale apprensione. di Luigi O. Rintallo

Il no di De Benedetti al Conte due condizionato da Renzi

La settimana politica seguita alla investitura del secondo governo Conte è stata contrassegnata da pronunciamenti, talora imprevisti.  Lunedì 9 settembre, alla prima puntata dopo la pausa estiva, il talk show di Lilli Gruber «Otto e mezzo» ha avuto come ospite Carlo De Benedetti, a lungo editore del Gruppo Repubblica-Espresso, il quale non ha lesinato le critiche sia verso il nuovo governo, sia nei confronti del suo principale promotore e cioè Matteo Renzi. di Luigi O. Rintallo

La patria europea e la statua di D’Annunzio a Trieste

Il ministro degli Esteri croato ha tirato in ballo i valori europei per reagire sdegnato alla statua di un Gabriele D’Annunzio seduto su una panchina intento a leggere un libro, inaugurata a Trieste in occasione del centesimo anniversario dell’impresa di Fiume, quella che portò alla creazione tra l’agosto del 1920 e il 30 dicembre dello stesso anno della Repubblica del Carnaro, al libero Stato di Fiume... di Enrico Rufi

Sul secondo governo Conte …

La crisi di agosto si è risolta abbastanza rapidamente – nonostante le ferie, il caldo…(fattori politici molto rilevanti…di questi tempi…) – e con il passaggio dal governo Conte 1al governo Conte 2, cioè con lo stesso Capo del governo. Ma qui è già possibile una prima osservazione: infatti si può ben ritenere che si tratti di un solo governo, che a un certo punto del suo corso ha cambiato maggioranza (da destra a sinistra)… con una sorta di rimpastone a cura dello stesso premier. La faccenda ha fatto un certo scalpore e si è dato molto rilievo a questa innovazione, si è addirittura parlato di trasformismo… di Silvio Pergameno

Il profilo di una democrazia incerta

Di fronte a un governo non commentabile (né, per come si è formato, commendabile), se non altro per come in economia pensa di intraprendere la politica di aumento del deficit che fino a ieri si contestava al governo gialloverde, è preferibile adottare il comportamento che auspichiamo per tagliare le unghie a una burocrazia invadente e paralizzante: occuparsi solo del controllo di legittimità, anziché di quello di merito. di Luigi O. Rintallo