Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/07/18 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Ratzinger, la scelta di un uomo solo

Le dimissioni del pontefice regnante rappresentano senza dubbio un fatto di grande rilievo nella storia della Chiesa, anche se il diritto canonico prevede la possibilità che il Papa lasci il trono, mentre l’esistenza di veri precedenti è almeno assai dubbia. di Silvio Pergameno

Eni-Finmeccanica, attenti a non svalutare gli ultimi gioielli di famiglia

Nelle ultime settimane si è fatta complicata la vita di Eni e di Finmeccanica. Due inchieste per corruzione internazionale hanno messo i vertici aziendali nei guai. La situazione però non può essere trattata alla stessa stregua di tante altre di ordinario malaffare seguendo logiche di beghe interne. In gioco non ci sono solo la carriera e la libertà personale di qualche manager in odore di tangenti, ci sono anche il destino e le fette di mercato di due aziende che fanno gola a tanti avvoltoi d’oltreconfine, pronti a lanciarsi sugli animali feriti. di Antonio Marulo

Bersani vs Monti vs Vendola, a sinistra la solita manfrina subalterna

La scenografia è miseramente la stessa. Il centrodestra gioca la disperata carta Berlusconi che, oramai prossimo alla pensione dopo un ventennio di disastri come uomo di governo, si è trovato di nuovo al centro della squallida geografia politica italiana, non solo con i suoi mezzi economici e le sue smargiassate, ma grazie alle sprovvedutezze di una sinistra subalterna e ripetitiva nei suoi errori. di Giuseppe Rippa

La “questione liberale”: l’affanno del PD e gli errori dei radicali

Nel suo intervento sul sito «The Front Page», Claudio Velardi ha evidenziato come il PD sia passato dal voto utile al voto necessario, ricorrendo ancora una volta all’armamentario dell’anti-berlusconismo per imprimere il segno decisivo a una campagna elettorale giocata di rimessa. di Luigi O. Rintallo

Grillo, il voto “utile” di un radicale confuso

“Secondo me il voto utile, là dove non c’è la lista “Amnistia Giustizia e Libertà”, è l’M5S, segnatevelo”. A dare questo consiglio è stato il senatore radicale Marco Perduca, dalla propria pagina Facebook. Il movimento di Grillo, secondo Perduca, rappresenterebbe la naturale alternativa alla lista radicale nei territori in cui questa non è riuscita a raccogliere il numero sufficiente di firme e quindi a presentarsi alle elezioni. di Ermes Antonucci

Le scarpe spaiate di Achille Lauro

Nominato Cavaliere del lavoro per meriti industriali il 15 novembre 1938 (anno di leggi razziali in Italia) l'armatore sorrentino Achille Lauro è stato forse il primo politico delle "proposte shock": consigliere nazionale della Camera dei Fasci e delle Corporazioni, amico intimo di Galeazzo Ciano e presidente del Napoli calcio, nel secondo dopoguerra Lauro si è gettato a capofitto nel mondo della politica per risollevare le sorti di un paese, l'Italia, all'epoca povero e disgraziato sotto la minaccia comunista proveniente dall'est. di Andrea Spinelli Barrile