Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

09/12/22 ore

POLITICA

Pd, la guerra fra correnti (delle correnti, nelle correnti...)

Dopo la settimana di fuoco “presidenziale”, domani si terrà la direzione nazionale del Partito Democratico che dovrà decidere chi guiderà fino al congresso il partito, ormai in assoluto disfacimento. A spiccare non sono solo lotte tra correnti, ma perfino tensioni all’interno delle stesse fazioni in conflitto.

Napolitano picchia duro, "Applausi!"

A ogni bastonata un applauso scrosciante. Così Giorgio Napolitano nel suo discorso d’insediamento certifica la totale prostrazione di un Parlamento impotente che alla fine ha deciso di rimettersi nelle mani del Capo dello Stato rieletto.

Giorgio Napolitano Bis

Mai dire mai. Sembra una frase fatta, ma calza a pennello su Giorgio Napolitano. Fino all’altro giorno il Presidente uscente aveva infatti ribadito il no all’ipotesi di bissare. Poi, però, dopo la drammatica giornata di ieri e il pellegrinaggio di questa mattina al Colle dei principali partiti, si è lasciato convincere e ha accettato la ricandidatura. Ne è seguita, alla sesta votazione, la sua rielezione alla Presidenza della Repubblica con 738 voti contro i 217 andati a Stefano Rodotà.

Destroyed, il Pd affossa anche Prodi

E sì, Il Pd ha attivato davvero il dispositivo di autodistruzione. Almeno questo dice la seconda drammatica giornata di elezioni presidenziali, che ha visto Romano Prodi, molto di più di Franco Marini, letteralmente impallinato dai franchi tiratori.

Gabanelli e l'elogio dell'incompetenza

A proposito di Quirinale, quello di Anna Finocchiaro non è l’unico caso curioso di questa bizzarra stagione politica. Ce n’è un altro, se vogliamo, più singolare, legato a Milena Gabanelli. di Antonio Marulo

Il caos presidenziale

Il Movimento 5 Stelle ha scelto, tramite votazioni online, il suo candidato alla presidenza della Repubblica: Milena Gabanelli. Una giornalista di indiscussa competenza ed esperienza, la prima tuttavia a condividere gli ovvi dubbi circa la sua capacità di porsi a capo di uno Stato: “Sono commossa ma sopravvalutata”. di Ermes Antonucci