Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/05/22 ore

POLITICA

Grillo piace ai giovani, ma è “protesta” senza alternativa di governo

Secondo un sondaggio di Renato Mannheimer, pubblicato dal Corriere della Sera, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo risulta essere il primo partito tra gli elettori under 23. Nella fascia elettorale dei 18-23enni, infatti, il movimento di Grillo riuscirebbe a conseguire il 30,4% di consenso, cioè il 17% in più che nella popolazione nel suo insieme. di Ermes Antonucci

Giudici in politica: i vertici della Magistratura hanno smesso di dormire

Dopo le discese in campo dell’ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia e dell’ex procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, la questione delle regole per i giudici che entrano in politica è stata sollevata da più parti.

Liste Pd, la fotografia di vecchi schemi

Con la stesura definitiva delle liste, il Partito Democratico è ormai pronto ad affrontare la competizione elettorale di febbraio. “Siamo noi la lepre da inseguire” ha dichiarato Bersani, manifestando la sicurezza di un partito che ora, ad eccezione di un opaco Monti, non vede rivali attorno a sé. di Ermes Antonucci

Casaleggio: "Gesù Grillo" e i suoi discepoli

Casaleggio ha deciso di tenere un’intervista con il quotidiano inglese The Guardian, perché in fondo – ad eccezione del Fatto – i media italiani sembrano non comprendere il suo genio commerciale e le sue capacità visionarie. Dice che con Berlusconi “era come vivere in Matrix”, ma poi arrivò lui a lanciare il blog di un comico: “Quando la gente si è resa conto che quello che diceva era vero, ha cominciato a dubitare delle altre informazioni che riceveva”...

Vendola e Fassina conservatori a sinistra: Monti mette il dito nella piaga

Le parole di Mario Monti a Radio Anch’io inquadrano i termini del grosso problema che rischia di condizionare l’azione e il destino del Partito democratico, schiacciato oltremisura – come si usa dire -  a sinistra e troppo lontano da quell’approccio liberale caldeggiato a più riprese su queste pagine.


La sinistra e la "questione liberale" (da Quaderni Radicali n. 106 - speciale marzo 2011) di Giuseppe Rippa

L’effetto semi-presidenziale del Governo Monti

La fine della legislatura porta con sé la fine del Governo tecnico timbrato Mario Monti. Quindi, è tempo di bilanci. Nei fatti il prodotto più evidente del Governo dei tecnici è stato quello di imporsi all’attenzione dell’opinione pubblica eclissando definitivamente il berlusconismo e l’anti-berlusconismo. di Zeno Gobetti