Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/05/22 ore

POLITICA

Grillo, Casaleggio e l’amore americano

Ha suscitato molte polemiche l’elogio rivolto dall’ambasciatore Usa in Italia, David Thorne, nei confronti del Movimento 5 Stelle, durante un incontro con gli studenti del Liceo Visconti di Roma. “Voi giovani siete il futuro dell’Italia. Voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il Movimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento” ha affermato Thorne. di Ermes Antonucci

Il Pd e gli intellettuali di complemento

L’avvio delle consultazioni al Quirinale è previsto per il 19 marzo e il rischio, molto concreto, è che l’incertezza emersa dalla tornata elettorale si trasformi ufficialmente in stallo politico, cioè in ingovernabilità. E’ in questo clima di insicurezza che il Pd, ancora stordito, ha deciso di fare ricorso ad una delle armi classiche con cui il centrosinistra è solito affrontare periodicamente – ed inutilmente – i propri fallimenti: l’appello degli intellettuali.

Rimborsi elettorali, lasci o raddoppi?

L’interruzione anticipata (Grillo adiuvante) della Legislatura testé iniziata potrebbe riservare una sgradita sorpresa ai cittadini e cioè che il finanziamento ai partiti risulti raddoppiato.

Pannella, il voto di un popolo privato della democrazia

Il voto per Beppe Grillo è stato l’unico voto libero, di dissenso, che nelle scorse elezioni si poteva ragionevolmente esprimere a livello di massa, ed è un voto che non è stato determinato dall’online, come dicono tutti.

Finanziamento pubblico ai partiti, quel referendum (radicale) tradito e dimenticato

“Se un obbligo ci fosse, sarebbe quello della memoria, e noi abbiamo la memoria corta” scriveva Camus. Così, mentre Renzi approfitta dell'onda d'urto a 5 stelle, Bersani tentenna e Grillo vomita a ogni 'tweet sospinto' tutto il suo disprezzo per un 'fu' governo di ladri e corrotti, l'italica coscienza si affretta a recuperare quella volontà, espressa due decenni fa e subito dimenticata, resuscitata oggi dal pifferaio magico al rivoluzionario suon di 'aboliamo il finanziamento pubblico ai partiti'.

 

- Rimborsi elettorali, lasci o raddoppi? di Silvio Pergameno

La crisi di coscienza politica del Partito democratico

La gravità di una tendenza ormai classica all’interno del centrosinistra è quella di provare a colmare il proprio vuoto programmatico attraverso la formazione di alleanze tanto improduttive quanto precarie. Fondate, quindi, più su una spartizione di cariche ed uffici – nella miglior consuetudine partitocratica – che sulla condivisione di reali contenuti politici. di Ermes Antonucci