Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

13/12/18 ore

POLITICA

Milano, il Consiglio comunale si riunisce 'dietro le sbarre'

Il consiglio comunale di Milano ha scelto una nuova e 'speciale' location per riunirsi: da Palazzo Marino al carcere di San Vittore. È dietro le sbarre, infatti, che l’amministrazione del capoluogo lombardo ha deciso di incontrarsi per dare un chiaro segnale di attenzione al mondo carcerario.

Le Regioni della Costituzione e le Regioni della partitocrazia

Un’ottima analisi del costituzionalista Michele Ainis oggi sul Corriere della Sera riporta all’attenzione la questione del ruolo delle regioni nel sistema istituzionale italiano, profondamente mutato dalla riforma del Titolo V nel 2001.

M5S, a Ferrara l'adunata dei delusi di Grillo

Domenica scorsa, a Ferrara, si è tenuto il raduno dei cosiddetti epurati grillini, cioè quegli esponenti del Movimento 5 Stelle che, avendo avanzato critiche sulla direzione centralistica e a tratti antidemocratica del duo Grillo-Casaleggio, sono stati puntualmente allontanati per mano del vertice stesso.

Emergenza Carceri, anche il ministro Riccardi chiede "clemenza"

Un decesso ogni due giorni, un suicidio ogni cinque: sono 140 i detenuti morti negli istituti di pena italiani da inizio anno, in 50 hanno preferito la morte a questa lenta, ma indefessa, strage di Stato. E' un'urgenza, quella della riforma della giustizia che, come ha recentemente ribadito, dopo mesi di silenzio, il Capo dello Stato (anche se non nelle forme auspicate di un messaggio alle Camere), non può più essere rimandata, ritardata, elusa e a sillabare a gran voce le parole 'amnistia', 'indulto', pare non siano più solo e unicamente i Radicali di Torre Argentina.

Mario Monti "moderatamente" accerchiato

Più che Monti, la salvezza della nostra nazione sembra chiamarsi “moderatismo”. Una definizione utilizzata in maniera esasperante nelle ultime settimane per indicare quel gran calderone centrista che ospita l’Udc, Fli, il movimento di Montezemolo, settori del Pd e del Pdl, tecnici del governo. Un modo contorto per indicare semplicemente una cosa: i sostenitori di un governo Monti-bis.

Le donne "qualunque" di Beppe Grillo

Che un gruppo di deputati e senatori grillini siederà nel nuovo Parlamento è certo, e ora l’obiettivo dell’ex comico genovese è diventato quello di massimizzare il futuro risultato elettorale, soprattutto di fronte al rischio costante di un calo di consenso (gli ultimi sondaggi danno il suo Movimento tra il 14 e il 17%, in flessione dopo la questione democratica interna). Come? Parlando a quelle fasce della società ancora largamente disinteressate al progetto grillino, per esempio, le donne.