Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/09/23 ore

POLITICA

Videomessaggio Berlusconi, il governo Letta non si tocca

L’unico messaggio di rilievo che è emerso dall’attesissimo video-intervento di Silvio Berlusconi – nel frastuono dei ripetitivi attacchi alla magistratura – è quello relativo alla volontà di non far cadere il governo Letta.

Omofobia, troppe opinioni sul reato

Prima le pregiudiziali di costituzionalità, respinte – con sommo rammarico di Lega Nord, Fratelli d'Italia e di 11 cattolici del Pdl - con 405 no e 100 sì attraverso uno scrutinio segreto. Poi la sospensione dell'esame del ddl per permettere al comitato dei nove di mettersi d'accordo tra di loro e presentare un testo condiviso.

Grillo, Costituzione da cambiare...anzi no, ma forse sì!

Può accadere, in definitiva, anche questo nel quotidiano show qualunquistico messo in atto dai 5 stelle: che ci si erga per convenienza a difensori assoluti della Costituzione pur chiedendo, allo stesso tempo, la cancellazione di un principio cardine della stessa Carta costituzionale e delle moderne liberaldemocrazie. di Ermes Antonucci

Finanziamento ai partiti: demagogia grillina a parte, la legge farsa ristagna in commissione

E' rimasto arenato per anni, poi la rotazione, un cambio di facciata e ancora lì: come la Concordia, il disegno di legge sul finanziamento pubblico ai partiti ristagna nelle calme acque della commissione Affari costituzionali, dove è stato rimandato la scorsa settimana dall'aula della camera.

Pannella: Referendum, le nostre firme contro lo scempio

Pubblichiamo di seguito la lettera che Marco Pannella ha inviato al direttore de 'Il Tempo', Gian Marco Chiocci, per ringraziarlo dell'impegno dimostrato con l'inchiesta su carcere e giustizia e per sottolineare ancora una volta l'importanza cruciale di firmare i 12 referendum radicali.

Di Pietro, alle origini dei Valori. Boccassini docet!

C'è chi ha creduto di essersene liberato. Lui invece non molla (a proposito...) e ricomincia da dove era partito: dai valori di una volta. Non ci sarà il suo nome sul simbolo: Antonio di Pietro sparisce, mentre alla "guida" del movimento, un po' come Lorenzo Cesa nell'Udc di Casini, c'è Ignazio Messina.