Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/06/24 ore

POLITICA

Reato di clandestinità, l'esperimento malriuscito di Grillo

E’ già stata archiviata trionfalmente come l’ennesima prova di democrazia diretta. Ma, a ben vedere, la votazione avvenuta sul blog di Beppe Grillo tra gli iscritti al suo M5S circa l’abrogazione del reato di clandestinità, non ha fatto altro che confermare tutti i limiti insiti in una concezione della democrazia alquanto distorta. di Ermes Antonucci

Rimestare, la vera tradizione dell'informazione italiana

Sono anni che i vizi da Malebolge insiti dal Trecento nell’antropologia culturale del popolo italiano tendono a creare una fame spasmodica, prontamente saziata dai media, nei confronti di polemiche, polemicucce, scismi, spaccature, critiche unilaterali e ricerca del vizio di fondo che unifica nel comune destino di ruffiani, adulatori, ipocriti, ladri, seminatori di discordia e falsari un po’ tutti, dal vicino di pianerottolo, al Cardinale o al Presidente della Repubblica; se poi si può far leva sul lato “umano” di personaggi che della loro “rigida” condotta fanno una bandiera, il gossip dell’inciucio all’italiana è soddisfatto pienamente. di Roberto Granese

Rimpasto di Governo, Renzi alla prova dei fatti da Prima repubblica

Matteo Renzi sta facendo di tutto per mostrarsi diverso e nuovo. Tuttora manda a dire che il cambio dei ministri (come da manuale Cencelli e secondo i nuovi equilibri di potere) non interessa e "non è all’ordine del giorno". Non sarebbe quindi una questione di nomi, piuttosto di fatti che mancano. Sarà vero? di Antonio Marulo

Custodia cautelare, la Camera approva la riforma

Più misure alternative, meno arresti. Approvata dall'assemblea di Montecitorio - con 290 voti favorevoli, 13 contrari e 95 astenuti - la riforma della custodia cautelare: il provvedimento passerà ora al vaglio del Senato.

Lavoro, la bozzAct di Renzi

Diciamolo pure: un po’ di delusione inizia ad affiorare. Annunciato in pompa magna le settimane scorse con il suo nome cool dal profilo international, l’atteso Job Act dello staff di Matteo Renzi resta per ora una classica lettera d’intenti tutta da definire e da capire, derubricata come bozza su cui si è chiamati a partecipare per suggerimenti e integrazione, prima del sospirato parto. di Antonio Marulo

Sardegna, la fuga di Grillo e del M5S

Di fronte alla responsabilità di governo, il Movimento 5 Stelle scappa. La compagine grillina non è riuscita a trovare un accordo sul candidato da presentare alle elezioni regionali del prossimo 16 febbraio in Sardegna, dove alle scorse politiche la lista stellata si affermò come primo partito con il 30% dei voti. Il Movimento di Beppe Grillo, quindi, non parteciperà al voto. di Ermes Antonucci