Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/08/17 ore

DIRITTI E LIBERTA'

Caso Bernardini – La coltivazione domestica di cannabis è ancora reato?

“Singoli casi giudiziari che possono essere di particolare interesse per verificare lo stato della giurisprudenza in Italia”. Questo il senso dell’iniziativa del Comitato radicale per la giustizia Piero Calamandrei e che mira a mettere in evidenza non questioni astratte ma casi giudiziari, che possono capitare  qualunque cittadino. Si viole verificare quali regole, norme e prassi sono state applicate in alcuni procedimenti giudiziari. Il primo è appunto quello che si può definire il "Caso Bernardini" …

 

- Caso Bernardini – La coltivazione domestica di cannabis è ancora reato? La discrezionalità nell'attivazione dell'azione penale obbligatoria (Audiovideo da Radio Radicale)

Alabama (Usa): Ronald Bert Smith giustiziato

Ronald Bert Smith, 45 anni, bianco, è stato giustiziato. L’esecuzione è durata molto più del previsto, 34 minuti, e secondo i giornalisti presenti, che in passato avevano presenziato a diverse altre esecuzioni, ha presentato alcuni aspetti “mai visti prima”. Smith è stato dichiarato morto da un medico dopo 34 minuti dall’immissione in vena della prima dose di sedativo.

Nessuno tocchi Caino al commissario Mogherini: ponga questione su pena di morte e diritti umani in Iran

In occasione del seminario “Business Italia-Iran: un’analisi costi benefici” patrocinato da United Against Nuclear in Iran (UANI) che si è svolto il 22 novembre alla “Sala di S. Maria in Aquiro” presso il Senato della Repubblica, Nessuno tocchi Caino ha rivolto un appello a Federica Mogherini, l’Alto Rappresentante per la Politica Estera dell’Unione europea, perché ponga “la questione della pena di morte e più in generale del rispetto dei Diritti Umani al centro di incontri, relazioni, intese, piani di aiuto e sviluppo, anche economici e commerciali, con la Repubblica Islamica dell’Iran”.

Caso Franco Mastrogiovanni, chi tortura è senza pena

«Caro zio Franco, sono TUTTI responsabili della tua morte, medici e infermieri. Ma, ai medici, rispetto alle condanne di primo grado, sono state ridotte le pene e revocata l'interdizione dai pubblici uffici. TUTTI continueranno a lavorare. Continuerà a lavorare il medico che ha ordinato di legarti mentre dormivi, quello che ha deciso che non dovevi essere mai slegato, quello che ha deciso che la tua famiglia era meglio tenerla lontana da te, quello che ti ha sentito russare anche se morto da ore, quello che ha pensato che a un cadavere si potesse fare un massaggio cardiaco.

Usa: Tre risultati negativi e uno positivo per il movimento abolizionista

La giornata elettorale dell’8 novembre ha portato 3 risultati negativi per il movimento abolizionista, e uno positivo. In California è fallito per la seconda volta il tentativo di abolire la pena di morte per via referendaria. Nel 2012 con una percentuale 53/47 gli elettori non avevano approvato una proposta di legge per abolire la pena di morte.