Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

15/07/24 ore

DIRITTI E LIBERTA'

È morta Lucy Salani, l’unica donna transgender sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti

Nella notte tra 21 e 22 marzo, quando la primavera sta timidamente esplodendo in questa parte di mondo, muore Lucy Salani: l’unica donna transgender sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti. Avrebbe compiuto 99 anni ad agosto. La sua intera vita è esempio di caparbietà, resistenza, orgoglio… di Giulia Anzani

Le forze dell'ordine pakistane rapiscono donne beluci

I rapimenti di donne beluci in Pakistan da parte delle forze di sicurezza pakistane per reprimere l'aspirazione all'indipendenza dei beluci stanno causando proteste in tutto il Balucistan. Spesso queste donne vengono arrestate senza mandato, inviate in luoghi segreti, private di un avvocato e torturate fisicamente e psicologicamente… Secondo l'ONG pakistana Voice for the Baloch Missing Persons (VBMP), "più di 45.000 persone sono state fatte sparire con la forza dall'esercito pakistano e più di 5.000 persone scomparse sono state 'uccise e scaricate' nell'ultimo decennio”… di Rudam Azad (da Memri)

La TV iraniana trasmette la ‘confessione’ sotto minaccia di Majid-Reza Rahnavard, giustiziato il 12 dicembre 2022 per ‘ribellione contro Dio’

Il 13 dicembre 2022, un giorno dopo che il manifestante iraniano 23enne Majid-Reza Rahnavard è stato giustiziato dal regime iraniano per “ribellione contro Dio” e per essere stato falsamente accusato di aver ucciso due membri del Basij, Channel 3 dell'Iran ha trasmesso un video di Rahnavard che “confessava “ ai suoi crimini. Nel video, Rahnavard ha affermato di essere "l'obiettivo del nemico" e che merita di essere condannato a morte tre volte...

Iran. Lettera aperta al ministro Antonio Tajani: interrompere le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica

Ministro Tajani, Le chiediamo oggi di compiere un atto coraggioso, per mostrare sostegno al popolo iraniano e ribadire i nostri valori liberali. L'Italia deve pertanto prendere l'importante decisione di interrompere le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica ed espellere l'ambasciatore iraniano a Roma. La nostra ambasciata a Teheran deve quindi essere chiusa. A livello europeo, dobbiamo inoltre chiedere l'inserimento del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica (i pasdaran) nell'elenco dei soggetti terroristici… di Anna Mahjar-Barducci

Seconda impiccagione in Iran, dopo Mohsen Shekari, Majid Reza Rahnavard. Subito convocazione straordinaria di Senato e Camera per mostrare sostegno al popolo iraniano

 

Il 12 dicembre mattina, il regime iraniano ha "giustiziato" il secondo manifestante, sotto gli occhi inermi dell'Occidente. Il suo nome era Majid Reza Rahnavard e aveva soltanto 23 anni. È stato impiccato nella città di Mashhad, pochi giorni dopo l'uccisione del primo condannato a morte per le proteste in Iran. L'8 dicembre, infatti, il mondo ha appreso la notizia dell'impiccagione di Mohsen Shekari, anche lui di soli 23 anni, ucciso dopo una detenzione di appena due mesi nel carcere di Evin. Shekari, come Rahnavard, era stato condannato a morte per il reato di "Moharebeh", ovvero di "guerra contro Dio"... di Anna Mahjar-Barducci e Giuseppe Rippa