Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/06/24 ore

Coppa del Mondo: un appello alla squadra statunitense per mostrare solidarietà al popolo iraniano nella prossima partita contro l'Iran


  • Anna Mahjar-Barducci

 

 

 

Il vincitore morale della Coppa del Mondo 2022 è la squadra iraniana. Ieri la nazionale iraniana è rimasta in silenzio durante l'inno nazionale della Repubblica islamica prima della partita contro l'Inghilterra, in solidarietà con la rivolta contro gli Ayatollah.

 

I calciatori della squadra hanno voluto dire al mondo intero che non rappresentano il regime, ma piuttosto il popolo nella loro lotta contro la dittatura.

 

Eppure, secondo i manifestanti, la squadra iraniana non sta facendo abbastanza per sfidare il regime. Tuttavia, rimanendo in silenzio, i calciatori hanno sfidato la Repubblica Islamica in diretta tv, davanti alle telecamere di tutto il mondo.

 

La squadra ha poi perso contro l'Inghilterra, ma non era alla ricerca di una vittoria sul campo di calcio. Dopotutto, gli iraniani in patria hanno preferito fosse la squadra inglese a vincere la partita, poiché ufficialmente quella iraniana rappresenta ancora la Repubblica islamica.

 

Il difensore iraniano Hajsafi: i manifestanti "dovrebbero sapere che siamo con loro”

 

Tuttavia, durante una conferenza stampa domenicale, il difensore Ehsan Hajsafi ha apertamente sostenuto i manifestanti. Ha detto: "Dovrebbero sapere che siamo con loro. E li supportiamo. E siamo solidali con loro per quanto riguarda le condizioni". Ha poi aggiunto: "Dobbiamo accettare che le condizioni nel nostro Paese non sono giuste e la nostra gente non è felice... Siamo qui ma non significa che non dovremmo essere la loro voce o non dovremmo rispettarli".

 

Il media londinese Iran International ha riferito che l'attaccante Kaveh Rezaei ha espresso simpatia e critiche per la recente uccisione del popolo curdo a Mahabad e Javanrud. Rezaei ha dichiarato: "Smettete di uccidere i curdi... Uccidere i curdi equivale a uccidere l'Iran".

 

Potrebbe non bastare, ma in fondo ogni critica al regime verrà ripagata dalla squadra una volta tornata a casa.

 

La squadra iraniana giocherà contro gli Stati Uniti

 

Il 29 novembre la squadra iraniana giocherà contro gli Stati Uniti. Sarebbe bello che la squadra statunitense mostrasse solidarietà ai manifestanti iraniani, poiché i giocatori di football americano possono permettersi di esprimere liberamente la propria posizione contraria alla squadra iraniana.

 

A scuola, ai bambini viene insegnato che lo sport insegna i buoni valori, il rispetto, l'uguaglianza, la resilienza. L'Occidente non è stato abbastanza forte per opporsi all'organizzazione della Coppa del Mondo in Qatar, un paese sotto controllo per i maltrattamenti dei lavoratori migranti e le segnalazioni di violazioni dei diritti umani. Tuttavia, l'Occidente può ancora redimersi.

 

La squadra statunitense dovrebbe trovare la fiducia e il coraggio, sviluppati nello sport, per dimostrare che le persone in Occidente non sono indifferenti. Ad esempio, quando la squadra americana segnerà un gol, i calciatori possono togliersi la maglia e mostrare sotto un'altra maglia con il nome "Mahsa Amini" (Jina Amini, in curdo), la ragazza che è diventata il simbolo delle proteste in L'Iran, dopo essere stata torturata e uccisa mentre era in custodia della polizia “morale” della Repubblica Islamica, o con lo slogan della rivolta: “Donna, Vita, Libertà”.

 

Questo sta mostrando empatia e cameratismo

 

Qualcuno potrebbe dire che lo sport non dovrebbe essere "politicizzato". Eppure, questo sta mostrando empatia e cameratismo. È mettere in pratica i valori che lo sport insegna. Gli atleti negli Stati Uniti si sono inginocchiati in diverse partite. Non avrebbe senso che durante una partita con l'Iran, gli stessi atleti non difendessero i diritti umani, a sostegno della gente di un Paese che muore per la libertà.

 

L'Occidente può approfittare dei riflettori della Coppa del Mondo, uno degli eventi più seguiti del pianeta, e fare la storia con un forte messaggio contro la dittatura. In fondo questo è lo sport: la solidarietà.

 

*Anna Mahjar-Barducci è una ricercatrice senior MEMRI e da sempre collaboratrice di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale

 

___________________________________ 

 

 

1. Vedi clip MEMRI TV n. 994, i manifestanti iraniani celebrano la sconfitta iraniana contro l'Inghilterra nella Coppa del Mondo FIFA: Death To The Dictator!, 22 novembre 2022.

2. Cnn.com/2022/11/20/football/hajsafi-iran-protest-world-cup-2022-intl-hnk/index.html, 20 novembre 2022.

3. Vedi MEMRI Daily Brief n. 420, Restituiscile il suo nome curdo: Jina Amini, 10 ottobre 2022.

 

* da MEMRI Middle East Media Research Institute

 


Aggiungi commento