Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/02/19 ore

POLITICA

Grillo e le contraddizioni in "Movimento"

Dalla democrazia interna del “movimento” ai diritti dei gay, quella che è finita è stata un’altra settimana fitta di contraddizioni grilline, ormai sempre più evidenti e facili da rintracciare. di Ermes Antonucci

 

- Quando il Porcellum era davvero una porcata

“Meno male che Silvio c’è!”

Con Berlusconi riscendono in campo gli anti-berlusconiani.“Meno male che Silvio c’è” è  il ritornello che sotto sotto viene cantato da qualche giorno da tutti quelli che in modo o nell’altro hanno fatto fortuna contro Berlusconi. Qualche mese fa scrivevamo della crisi dell’indotto provocata dall’uscita di scena del Cavaliere: “…fonte di guadagno inognidove del pianeta, musa ispiratrice per titolisti di giornali, comici e cabarettisti anche d'oltreoceano;...motivo del successo di capipopolo alla Di Pietro o di depositari di giustizia e verità...

Nozze Gay, la bega del Partito democratico

I matrimoni gay dividono il Pd. Il fatto non è poi così nuovo. Si conoscono infatti le differenze fra le due anime di un partito, con dna catto-comunista, su temi scabrosi come quello delle unioni civili, di fatto e/o omosessuali che in passato hanno partorito proposte di legge con acronimi bizzarri (Pacs,Dico, Didore…).

Grillo, quando il Porcellum era davvero una porcata

Ha detto Beppe Grillo: “L’attuale fregola per modificare la legge elettorale deriva dalla paura di mollare le poltrone, e forse anche il governo. Con il Porcellum, del quale per tutta una legislatura non è fregato nulla a nessuno, il M5S potrebbe ottenere il premio di maggioranza”.

Eppure, in proposito, per anni e fino a solo pochi mesi, il leader del Movimento 5 Stelle non la pensava proprio cosi. Leggere per credere. di Ermes Antonucci

Firme false: Formigoni "diffamatore". Il Pm chiede un anno di carcere

Ha attribuito ai Radicali un “complotto” non vero, accusandoli di aver manipolato le firme raccolte a sostegno della lista per le regionali del 2010. Per questo motivo il pm di Milano, Mauro Clerici, ha richiesto per Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia imputato per diffamazione a mezzo stampa, una condanna a un anno di reclusione e 500 euro di multa, senza attenuanti generiche.

Riforma elettorale, quale modello per la partitocrazia?

Si è decisamente riaperto il dibattito sul Porcellum, l'attuale legge elettorale così rinominata dal suo autore Roberto Calderoli: collegi, preferenze, spartizioni, poltronismi, dal Presidente Napolitano a Beppe Grillo ognuno dice la sua su come dovrebbero votare gli italiani alle prossime elezioni.