Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/09/17 ore

Aghi di Pino

Quelle motivazioni non proprio d'Honneur per il Commandeur Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti è stato insignito del titolo di 'Commandeur de la Légion d'Honneur'. Come racconta il giornale di Casa, l'ambasciatrice Catherine Colonna ha sottolineato, nel corso della cerimonia a Palazzo Farnese, dapprima il percorso professionale di imprenditore di De Benedetti, "eccezionale e visionario" che ha "trasformato la fabbrica Olivetti, allora in crisi, nella società più competitiva d'Europa" (che poi sia finita male è un dettaglio) e reso la Cir "una delle più grandi holding italiane che conta oggi 14mila persone" (e spesso, nel tempo, sommersa dai debiti…).

Girano le pale demagogiche sull’elicottero di Renzi

L’elicottero su cui viaggiava il presidente del Consiglio Matteo Renzi è stato costretto, a causa del maltempo, ad un atterraggio di emergenza durante il suo tragitto Firenze-Roma. Solita cascata demagogica di critiche sul web (puntualmente sospinta da Grillo): "Prenda il treno come Mattarella!".

Al tram di Mattarella s’attacca il sindaco Nardella

Dopo il Papa uomo comune, un Presidente uomo comune, che al volo di Stato preferisce il volo di linea per Palermo, che rinuncia all’auto blu e sceglie un banale mezzo pubblico da Firenze a Scandicci.

Salvini in ogni santo “di Martedì”, ma non solo

Salvini l'onnipresente. Tanto per restare in tema di talk show e della solita compagnia di giro, che si alterna nella grande recita collettiva offertaci dalla televisione italiana, abbiamo provato a fare due conti circa la presenza - ormai costante - del leader della Lega Matteo Salvini in tv, basandoci sui due principali talk show, quelli del martedì sera (Ballarò e Di Martedì).

La lotta di Alessandro Di Battista per la fama nel mondo

In Italia abbiamo nel tempo imparato a conoscere la stella nascente del Movimento 5 Stelle, Alessandro di Battista: uno che non le manda di certo a dire; piuttosto le dice, direttamente, con sicumera, convinto di convincere. Come fece - racconta l'Espresso - dal palco di una festa grillina, "Italia5Stelle: "Nigeria, vai su Wikipedia: 60% del territorio è in mano ai fondamentalisti islamici di Boko Haram, la restante parte Ebola".

Caso Gullotta, l’Avvocatura del diavolo

Assolto nel 2012 dopo aver scontato ingiustamente 22 anni di carcere. Giuseppe Gulotta, il 57enne muratore originario di Alcamo (Trapani), condannato all’ergastolo nel 1990 per l’uccisione in Sicilia di due carabinieri e poi assolto con formula piena ben 22 anni dopo, sarà a breve finalmente risarcito. Almeno dal punto di vista economico.

Lady Pesc, il retroverso di Renzi

Quando, durante il semestre italiano, il presidente del consiglio Renzi ottenne che la titolare della Farnesina, Mogherini, fosse scelta quale "ministro degli esteri" dell'Ue, presentò la nomina come il segno del cambio di verso da lui impresso nel rapporto con le istituzioni europee. Di fronte alla crisi ucraina, si è ben visto che a contare davvero sono pur sempre i rapporti di forza reali.

Montezemolo, dal flop Italia 90 alla promozione di Roma 2024

L’addio alla Ferrari porta bene: dopo la nomina importante ai vertici della nuova Alitalia salvata dagli emiri, arriva per a Luca Cordero di Montezemolo l’incarico come presidente del Comitato promotore per le Olimpiadi di Roma 2024.

Civati, quel “liberale” che non t’aspetti

La Treccani definisce Liberaldemocrazìa il “Regime politico basato sulla combinazione del principio liberale dei diritti individuali con il principio democratico della sovranità popolare. Spesso viene usata, come sinonimo, l'espressione 'democrazia liberale'. In entrambi i casi si intende sottolineare che il riconoscimento della sovranità del popolo va di pari passo con l'intangibilità di una serie di libertà individuali (pensiero, religione, stampa, impresa economica)”.

Salvini, scommettiamo che…“mai più” Berlusconi-Lega?!

"Sono sicuro che non c'è un solo nostro elettore disposto a riscommettere sull'alleanza con Berlusconi; Silvio è il vecchio, se corre ancora lo fa senza la Lega". (cit. Matteo Salvini, 15 luglio 2012, fonte: repubblica.it)