Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/06/24 ore

Ostaggi israeliani. Noa Argamani, liberata a Gaza, era prigioniera di un giornalista di Al-Jazeera



Noa Argamani, liberata in queste ora a Gaza, è una ragazza di 25 anni,era stata rapita dai miliziani di Hamas al Festival rave Supernova nel deserto del Negev ed era diventata uno dei simboli dell'attacco del 7 ottobre. 

 

Il video del sequestro della studentessa israeliana, mentre in lacrime veniva separata dal fidanzato e gridava aiuto - scrive l’agenzia di stampa AdnKronos -, era circolato nelle prime ore del massacro. Una clip di dieci secondi, che ha fatto il giro del mondo, dove si vede la ragazza caricata sul retro di una moto, che grida "non uccidetemi" e viene portata nella Striscia di Gaza. La giovane studiava all'Università Ben Gurion di Israele. Una ragazza come tante che, appassionata di musica, che era andata a ballare con il suo Avinatan, sequestrato anche lui”.

 

Noa era tenuta prigioniera nella casa di Abdallah Aljamal, fotoreporter e scrittore/redattore sia di Al-Jazeera che del gruppo Cronaca palestinese

 

Abdallah Aljamal residente a Gaza ha riferito spesso delle proteste in corso per la “Marcia del Ritorno” presso la recinzione che separa Gaza da Israele.

 


 

Durante l'operazione, Abdallah e diversi membri della sua famiglia sono stati uccisi mentre tentavano di impedire il salvataggio di Noa.

 

 


Aggiungi commento