Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/07/24 ore

La retorica nordcoreana guadagna sostegno tra i manifestanti anti-israeliani



(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

La retorica nordcoreana sta guadagnando sostegno tra i sostenitori anti-israeliani in Occidente. In particolare, dopo il massacro del 7 ottobre, l'attivista pro-Corea del Nord Ju-Hyun Park del Nodutdol For Korea Community Development ha promosso la Corea del Nord (ufficialmente Repubblica Popolare Democratica di Corea, RPDC) tra i sostenitori anti-israeliani negli Stati Uniti. Stati, sulla base della condivisione da parte di nordcoreani e palestinesi di una lotta comune contro l’“imperialismo”.

 

L'organizzazione Nodutdol si descrive come un gruppo di "coreani diasporici e compagni con sede nelle terre indigene occupate conosciute come Stati Uniti e Canada", aggiungendo che il suo obiettivo è "organizzarsi per un mondo libero dall'imperialismo e per la ri/unificazione, la crescita della Corea” e la liberazione nazionale." In una dichiarazione di solidarietà con la Palestina, Nodutdol ha scritto: "Dal fiume al mare, la Palestina sarà libera. Da Baekdusan a Hallasan, la Corea sarà una”.[1]

 

Una dichiarazione di Nodutdol in solidarietà con la Palestina ha sottolineato la lotta comune della Corea del Nord e dei palestinesi contro i loro nemici comuni: l'Occidente e "l'imperialismo". L’obiettivo dell’organizzazione è incoraggiare i manifestanti anti-israeliani a sostenere la Corea del Nord, soprattutto nei campus statunitensi, tracciando parallelismi tra la divisione della Corea e “l’occupazione sionista”.

 

Di seguito sono riportati estratti della dichiarazione di Nodutdol:

 

 

"C'è una ragione per cui la Nakba e la divisione della Corea avvennero entrambe nel 1948, sostenute dagli stessi interessi imperialisti"

 

 

"Come coreani antimperialisti, siamo inequivocabilmente dalla parte della Palestina, del suo popolo e della sua resistenza armata contro l'occupazione sionista...

 

"Come coreani la cui patria è divisa, sappiamo che l'imperialismo è il nostro nemico comune. Dopo la nostra liberazione dal colonialismo giapponese e l'inizio della costruzione socialista indipendente in Corea, gli Stati Uniti hanno diviso il nostro paese in due e hanno bombardato e ucciso indiscriminatamente il nostro popolo. una delle ragioni per cui la Nakba e la divisione della Corea avvennero entrambe nel 1948, sostenute dagli stessi interessi imperialisti."

 

“Sia la Corea che la Palestina sono siti geograficamente strategici per il controllo dell’impero statunitense sul mondo. Occupare la Corea da agli Stati Uniti un punto d’appoggio nell’Asia orientale, e finanziare l’occupazione sionista della Palestina da agli Stati Uniti un punto d’appoggio in Medio Oriente. Gli Stati Uniti lo sanno una Corea indipendente e una Palestina libera rafforzerebbero le lotte di liberazione ovunque e minaccerebbero la spartizione imperialista del mondo.

 

"La guerra eterna degli Stati Uniti in Corea ci mostra che un cessate il fuoco non pone fine a un'occupazione. Nonostante il cessate il fuoco della guerra di Corea del 1953, il nostro paese rimane diviso e in guerra oggi. 70 anni dopo, gli Stati Uniti stanno ancora occupando il sud e sanzionando il nord. Il cessate il fuoco non ha posto fine alla guerra, le ha solo dato nuova vita. Chiediamo quindi qualcosa di più di un semplice cessate il fuoco immediato a Gaza. Chiediamo la fine dell’occupazione sionista della Palestina, una volta per tutte.

 

"Come popolo che vive nel cuore dell'impero americano, è nostro dovere stare dalla parte della Palestina. Il sionismo non è una religione. È un'ideologia politica creata per servire il capitale occidentale, radicata nel razzismo e nel colonialismo. Le forze sioniste bombardano gli ospedali palestinesi addestrano anche la polizia che ci terrorizza qui negli Stati Uniti. Chiediamo a tutti i coreani di sostenere il popolo palestinese nella sua lotta contro il nostro nemico comune e invitiamo tutti coloro che leggono questa dichiarazione a sostenere materialmente le organizzazioni palestinesi e ad unirsi a un'organizzazione se non ci sei già stato…"[2]

 

 

La Corea del Sud, sostenuta dagli Stati Uniti, si è alleata con Israele” mentre “la Corea del Nord ha armato i palestinesi e fornito addestramento militare

 

 

Nel tentativo di ottenere sostegno per la Corea del Nord, Nodutdol ha descritto la Corea del Sud come un alleato dell’”imperialismo” che non dovrebbe ricevere alcun sostegno: “La Corea del Sud, sostenuta dagli Stati Uniti, si è alleata con Israele. I due hanno firmato un accordo di libero scambio nel 2019, e Israele regolarmente fornisce armi militari alla Corea del Sud. Sebbene la legge impedisca alle società di difesa sudcoreane di vendere a “paesi impegnati in conflitti”, stanno lavorando per aggirare questo ostacolo aumentando le vendite di armi agli Stati Uniti, che poi le venderanno a Israele. D’altro canto, la Corea del Nord è stata solidale con la Palestina per decenni. 

 

Nel corso degli anni ’70 e ’80, la Corea del Nord ha armato i palestinesi e ha fornito addestramento militare ai combattenti per la libertà della Palestina. Fino ad oggi, la Corea del Nord rifiuta di riconoscere Israele, definendolo un “satellite imperialista”. .'"[3]

 

In un'altra dichiarazione, l'organizzazione ha aggiunto: "In Corea del Sud, l'amministrazione Yoon si è astenuta dal voto delle Nazioni Unite per chiedere un cessate il fuoco. Aziende come Hyundai hanno fatto affari in Israele per anni e hanno tratto profitto dall'oppressione del popolo palestinese. E gli Stati Uniti vendono armi a Israele prodotte dalle società di difesa della Corea del Sud. Rifiutiamo la fedeltà della Corea del Sud a Israele. Parliamo come un unico popolo per unirci al coro internazionale che chiede la liberazione della Palestina.[4]

 

 

Ju-Hyun Park: "Dopo tutte quelle bombe, la RPDC (Corea del Nord) è ancora in piedi"

 

 

Alla sessione di chiusura della Conferenza popolare per la Palestina del 26 maggio 2024 a Detroit, l'attivista Ju-Hyun Park di Nodutol per lo sviluppo della comunità coreana è stato invitato a tenere un discorso. Davanti una folla che cantava "con la nostra anima e il nostro sangue, ti redimeremo, Al Aqsa!" e "Lunga vita all'Intifada!" Ju-Hyun Park ha dichiarato: "Il sionismo sta utilizzando un manuale molto vecchio, ma non ha imparato la lezione che l'America si è rifiutata di imparare, ovvero che quel manuale non funziona. Dopo tutte quelle bombe, la RPDC - Corea del Nord - esiste ancora oggi. Dopo tutte le bombe, dopo tutti i massacri a Gaza, la resistenza palestinese è ancora lì, anzi è più forte che mai che il sionismo non sta seppellendo Gaza, sta semplicemente scavando la propria tomba.

 

"Quando parliamo della nostra solidarietà condivisa, ciò che intendiamo è una lotta congiunta. Non intendiamo solo che crediamo nelle stesse cose. Non intendiamo solo che proviamo sentimenti reciproci. La RPDC non ha mai riconosciuto il sionista tumore che porta il nome di Israele. Nel corso della sua storia, la solidarietà tra il popolo coreano e quello palestinese non è stata solo morale ma materiale. Dove ha ricevuto la sua formazione George Habash?Era a Pyongyang.”

 

Clicca qui per vedere una clip del video di Ju-Hyun Park su MEMRI TV.

 

 

 

 

Ju-Hyun Park: “C’è una ragione per cui gli Stati Uniti vogliono la Corea divisa e la Palestina occupata allo stesso tempo”

 

 

Il 9 luglio 2023, il Movimento giovanile palestinese e altre organizzazioni hanno tenuto una manifestazione davanti al quartier generale delle Nazioni Unite a New York City a sostegno della resistenza palestinese a Jenin e del terrorista imprigionato Walid Daqqa, che faceva parte di una cellula del movimento palestinese. Il Fronte popolare per la liberazione della Palestina (FPLP) composto da arabi israeliani che rapì il soldato dell'IDF Moshe Tamam nel 1984, gli cavarono gli occhi e lo castrarono prima di sparargli.

 

Alla manifestazione, l'attivista Ju-Hyun Park ha espresso il suo sostegno alla resistenza palestinese "con ogni mezzo necessario". Ha affermato che la Corea del Nord addestra e arma la resistenza palestinese da decenni. Ha citato il leader nordcoreano Kim Il-Sung che ha affermato che il popolo coreano "sosterrà risolutamente il popolo palestinese nella liberazione della propria patria". Ju-Hyun Park ha anche affermato che coreani e palestinesi hanno un nemico comune e che avranno un futuro comune quando "l'imperialismo sarà caduto e noi avremo costruito il socialismo al suo posto”.

 

Di seguito è riportata la trascrizione di Ju-Hyun Park alla manifestazione:

 

Ju-Hyun Park: "Stiamo lottando per la liberazione nazionale e la riunificazione della nostra patria, e siamo fermamente al fianco della lotta palestinese. Siamo qui oggi perché detestiamo l'illegale prigionia di Walid Daqqa da parte dell'entità sionista. Siamo qui oggi perché disprezziamo la colonizzazione sionista della Palestina. E siamo qui oggi perché amiamo l’umanità, perché amiamo la libertà e amiamo la Palestina e il suo popolo. Siamo qui oggi perché sosteniamo il diritto dei palestinesi di resistere all’imperialismo e alla colonizzazione con ogni mezzo necessario .

 

"Sostieni questo diritto? Tutte le persone hanno il diritto di resistere con ogni mezzo necessario?

 

Folla: “Sì!

 

Ju-Hyun Park: "I palestinesi hanno questo diritto?”

 

Folla: “Sì!"

 

Ju-Hyun: "Hai capito bene?

 

Folla: “Sì!"

 

Ju-Hyun Park: "Come coreani, sappiamo che l'imperialismo è il nostro nemico comune. C'è una ragione per cui gli Stati Uniti vogliono la Corea divisa e la Palestina occupata allo stesso tempo. Gli imperialisti tremano al pensiero della nostra indipendenza, perché è la nostra dipendenza che li mantiene ricchi. C’è una ragione per cui la Nakba e la divisione della Corea sono iniziate nello stesso periodo, sostenute dagli stessi interessi. C’è una ragione per cui mentre le multinazionali sudcoreane hanno copiato dal sionismo, la Corea del Nord ha passato decenni ad armare e addestrare la resistenza palestinese.

 

"Kim Il-Sung una volta disse che il popolo coreano continuerà a sostenere risolutamente il popolo palestinese nella liberazione della propria patria. Rimarremo sempre compagni d’armi stretti del popolo palestinese e arabo nella lotta contro il nemico comune. Siamo qui oggi per adempiere a tale obbligo. Condividi questo obbligo?”

 

Folla: “Sì!"

 

Ju-Hyun Park: "Condividi questo obbligo?”

 

Folla: “Sì!"

 

Ju-Hyun Park: "Il riconoscimento del nostro nemico comune, della nostra storia comune e del nostro futuro comune, quando l'imperialismo sarà caduto e al suo posto avremo costruito il socialismo: ecco perché siamo qui oggi”.

 

Clicca qui per vedere una clip della manifestazione su MEMRI TV.

 

 

 

 

 

_______________________________ 

 

 

[1] nodutdol.org/koreans-for-palestinian-liberation/

 

[2] nodutdol.org/koreans-for-palestinian-liberation/

 

[3] nodutdol.org/koreans-for-palestinian-liberation/

 

[4] https://nodutdol.org/us-koreans-for-palestine/

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

 


Aggiungi commento