Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/06/17 ore

ESTERI

Caucaso, quel confine strategico per l'Europa

Nella regione montuosa del Caucaso, fra l’Occidente e l’Oriente, bagnata dal Mar Nero e dal Mar Caspio, si incrociano e si sovrappongono gli interessi internazionali di potenze mondiali, quali la Russia, l’Europa, la Turchia e l’Iran. di Francesca Pisano 

L'Europa e l'euroscetticismo della Gran Bretagna

L’Inghilterra non ha la moneta europea, e questo rende molto diversa la situazione. C’è un malcontento per le regole che sono imposte da Bruxelles. Il problema è che l’unificazione della Germania ha cambiato tutti gli equilibri d’Europa, e nessuno ha ancora digerito le implicazioni di questa unificazione. intervista a James Bone 

UE, lo squilibrio fra poteri

Oggi assistiamo a uno squilibrio nelle relazioni fra gli organi dell’Ue, dopo che il Trattato di Lisbona ha istituzionalizzato in via definitiva il Consiglio Europeo fornendogli il potere di esercitare una funzione non normale di iniziativa legislativa e, soprattutto, di prendere le decisioni che in passato costituivano prerogativa del Consiglio dei ministri degli esteri. intervista a Gianni Bonvicini 

La Libia non trova pace dopo Gheddafi

E’ sempre più denso il caos che pervade tutt’oggi la Libia, una condizione che tormenta il Paese sin dalla Dichiarazione di Liberazione dell’ottobre 2011, emanata dopo la caduta del Rais. Persistono i conflitti fra il partito conservatore dell’Alleanza delle forze nazionali - che è al governo con il primo ministro Ali Zeidan - e le diverse spinte rivoluzionarie esistenti. di Francesca Pisano

Vedere per capire: riflessioni su prospettive di pace in Medioriente. Conferenza di Marco Paganoni

In tanti sostengono di sapere qual'è la soluzione e il più delle volte si sente dire che l'unica, e a portata di mano, è due Stati per due popoli”. Questa la riflessione da cui è partito l' intervento di Marco Paganoni, docente universitario, direttore del portale Israele.net e, negli anni Novanta del bollettino NES Notizie e Stampa, invitato dall'Associazione Romana Amici d'Israele in occasione dell'iniziativa promossa dalla Federazione Nazionale di celebrare il sessantaseiesimo anniversario dell'indipendenza dello Stato mediorientale con una serie di conferenze dedicate all'informazione e all'attualità organizzate nelle varie sedi locali. di Elena Lattes

Nigeria, terrore in nome di Allah

“L’educazione occidentale è peccato”. Nel significato letterale del suo nome, l’organizzazione fondamentalista islamica, Boko Haram, esprime almeno in parte gli obiettivi che mira a realizzare nello Stato della Nigeria, senza esclusione di colpi. Il rapimento di più di 240 giovani, dal collegio di Chibok, avvenuto a metà aprile, si rivela l’atto più folle ed emblematico che i terroristi si siano spinti a compiere, oltre l’islamismo, la violenza, il loro stesso nome. di Francesca Pisano

Schröder-Putin, la Festa di compleanno

La stampa tedesca dà rumorosamente la notizia, che arriva anche al Corriere della Sera, della festa dei Settanta anni dell’ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder a San Pietroburgo. Sulle scale del palazzo Jusupov, (quello dove avvenne l’omicidio di Rasputin) sono state scattate le foto del caloroso abbraccio tra il “festeggiato” e un suo ospite, oggi non amatissimo dalla stampa (forse anche dall’opinione pubblica) tedesca: Vladimir Putin. di Roberto Granese

Ucraina, gli accordi che non reggono

A Ginevra la scorsa settimana Stati Uniti, Russia, Unione Europea e Ucraina avevano raggiunto un accordo, anche se molto modesto, inteso ad allentare la tensione dei giorni precedenti: cessazione delle violenze, sgombero degli edifici pubblici occupati dalle cosiddette milizie federaliste delle regioni orientali, che debbono deporre le armi (con la promessa di un’amnistia) e rimozione delle tende dei nazionalisti ucraini da piazza Maidan a Kiev. di Silvio Pergameno

La Politica estera come banco di prova per l'Unione Europea

“Se si vuole prendere voti oggi, gli Stati uniti d’Europa sono impresentabili”. Le parole di Franco Frattini - intervenuto con Massimo D’Alema ed Emma Bonino alla presentazione del Rapporto sulla politica estera italiana, curato dall’Istituto affari internazionali – fotografano lo stato dell’arte a poco più di un mese dalle elezioni europee. di Antonio Marulo

Siria, la crisi rediviva

Siamo ancora qui, in Siria. Proprio ieri nel villaggio di Kfar Zeita, situato nella provincia di Hama, al centro del Paese, c’è stato un nuovo attacco chimico. Le accuse si susseguono, vicendevoli e univoche, come sempre, fra il governo siriano e la Coalizione nazionale siriana (Cns) – sostenuta dall’Occidente - sulla responsabilità per questo ennesimo atto di guerra, compiuto ai danni della popolazione. di Francesca Pisano

Ucraina, Kiev contro Mosca: "Fomenta la secessione"

Pugno duro del governo di Kiev: a due giorni dai disordini nelle regioni russofone dell’Est del paese, le autorità ucraine hanno ripreso il controllo degli edifici governativi occupati nei giorni scorsi dai separatisti fedeli a Mosca.