Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/06/18 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Il 5 marzo

Finalmente è arrivato il 5 marzo. Durante la campagna elettorale quando qualche sconsiderato (…?) chiedeva quali prospettive ci fossero per il nuovo governo dopo le elezioni, tanti rispondevano che bisognava aspettare l’esito del voto, risposta anche giusta, ma insieme una scusa per trarsi d’impaccio. Ora ci siamo, ma l’interrogativo rimane ancora senza risposta. La prima indicazione verrà ora Presidente della Repubblica, con la fornitura dell’incarico a formare il nuovo governo, ma comunque i partiti e le formazioni politiche tutte, vincitori e perdenti, dovrebbero ben dedicarsi a profondi esami di coscienza. di Silvio Pergameno

Al voto coi populismi?

Siamo ormai al voto e ci arriviamo in una condizione di vuoto. Proprio mentre in Germania i due maggiori partiti bloccano i populisti  e in Francia prende corpo il rilancio dell’Europa, qui in Italia sono mancate proposte adeguate alle sfide di oggi; e solo negli ultimi giorni, da parte di alcune forze politiche è arrivato qualche discorso sensato. Soprattutto nessuno ha aggredito il problema più grosso: quello dell’astensionismo. Qualcuno ha cercato di sfruttarlo; ma non è la stessa cosa. di Silvio Pergameno

Elezioni: il protagonismo complice dei media

Leggere l’intervista di Massimo Rebotti a Marco Travaglio, pubblicata dal «Corriere della Sera», serve se non altro a capire una parola che può risultare ostica come “autoreferenzialità”. Non che sia anomalo che i giornalisti si intervistino tra loro, ma certo è singolare come sempre più essi si pongano al centro della scena in questi tempi di campagna elettorale. di Luigi O. Rintallo

Domenica 4 marzo si vota …

Domenica si vota… o almeno siamo chiamati a recarci alle urne, ma è scontato che molti italiani resteranno a casa o andranno alla partita o al cinema…magari non al mare, data la stagione… Non è una questione di qualche unità o di qualche decimo nella percentuale in più o in meno di votanti… la questione è che a queste elezioni si è arrivati perché la legislatura in corso, giorno più o giorno meno, è arrivata - faticosamente - al termine senza che la classe politica sia stata all’altezza dei problemi sul tappeto. E senza che vi sia stato un vero tentativo da parte dei responsabili della cultura e dell’informazione di affrontare a fondo il problema, di cercare di capire, prima di tutto, invece di vivacchiare… di Silvio Pergameno

Un partito che manca

Presentate le liste, si è aperta una campagna elettorale che rivela caratteri singolari. Non si tratta tanto del fatto, ampiamente sottolineato, che candidati e dirigenti politici si rivolgano agli elettori, sollecitandone il voto con gran dispiego di promesse tanto allettanti quanto… fantasiose o che vantino le buone cose fatte: succede sempre nelle campagne elettorali. E non potrebbe essere altrimenti... di Silvio Pergameno

Crisi migranti: Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo, ma male. Ripensare la Cooperazione Internazionale

Con la crisi dei migranti in Italia, sempre più politici hanno iniziato ad affermare che l'unica soluzione è "aiutarli a casa loro." L'idea di fondo è che molti "migranti economici" rimarrebbero nei loro paesi, se ci fossero le necessarie condizioni sociali. Nessuno dei politici, però, ci dice che l'Italia sta già aiutando le popolazioni dei paesi in via di sviluppo "a casa loro". di Anna Mahjar-Barducci