Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/08/17 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Partito Democratico: dal compromesso storico alla resa dei conti

A come procede l’interna discussione in atto (o dialogo tra sordi?) il PD sembra approdare a una conclusione fatale per un partito della sinistra: morire di scissione, senza nemmeno aver posto all’ordine del giorno il problema principale, quello delle origini, del ritorno alla purezza delle origini, secoli fa rivendicato dai movimenti religiosi che si ribellavano contro la corruzione e la decadenza della Chiesa… di Silvio Pergameno

Ryder Cup, a Roma si tappano le buche sbagliate

Nella repubblica democratica fondata sulla truffa sta trionfando l'idea - perdente - secondo la quale l'unico modo per abbassare l'alto gradiente di corruzione e ruberie ed evitare sprechi sia quello di rinunciare a fare, eliminando il problema alla radice, piuttosto che creare i presupposti e le condizioni per il rispetto della legalità. di Antonio Marulo

Diritti sociali e diritti civili: la “teoria” ammuffita di Carlo Freccero

Michele Emiliano versus Matteo Renzi: sottolinea le differenze nella corsa alla segreteria del Partito democratico. Il giochino è andato in scena su La7 nel corso del talk Tv pomeridiano Tagadà del 6 febbraio scorso e ha avuto tra i protagonisti accalorati il maestro del pensiero Carlo Freccero, in veste di antagonista a tempo perso che dispensa le sue perle di teorico, nelle more di un “impegnativo” ruolo di regime come Consigliere di amministrazione Rai in quota grillina. di Antonio Marulo

Parlamento e governo

I momenti di crisi politica profonda, quelli nei quali equilibri consolidati vengono meno e faticosamente, tra lotte e scontri e alleanze più o meno variabili, si dovrebbe tentare di costruire le basi di un futuro nuovo presentano ovviamente difficoltà che non solo si fa fatica ad affrontare, con rischi di gravità imponderabile, ma prima di tutto a capire. di Silvio Pergameno

La riforma della giustizia e l’amnistia

La riforma della giustizia scorre da anni, da decenni su un fiume di dibattiti, convegni, tentativi, realizzazioni legislative che nel campo penale, con intervento di politici sperimentati e di valenti esperti di diritto, però non arrivano mai a garantire processi rapidi, detenzioni preventive nei limiti strettamente indispensabili, funzione rieducativa della pena e prima ancora il rispetto per il senso di umanità, cui obbligano la nostra costituzione, il senso morale e la necessità di evitare che l’espiazione diventi una vendetta e non meno ad assicurare che l’intollerabile situazioni delle carceri non dia luogo ad esplosioni di violenza. di Silvio Pergameno 

Questione giustizia, questione civile

È la giustizia il fronte più delicato del nostro Paese? A giudicare dai nove milioni di processi penali pendenti e dalla sostanziale impossibilità ad ottenere nei processi civili il riconoscimento dei propri diritti appare proprio così. Per trovare conferma a questa interpretazione, basti pensare alle ripercussioni sulla vita reale delle persone a causa di queste gravi anomalie. di Giuseppe Rippa

 

- Amnistia o sistema criminogeno, audiovideo presentazione numero 113 di Quaderni Radicali

- Quaderni Radicali 113, Sommario e anteprima

- Maledetta Politica, Giuseppe Rippa presenta il nuovo numero di QR (guarda il VIDEO)