Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/24 ore

Perché Il 7 Ottobre è un attacco contro l’Occidente collettivo. 7 ottobre seconda parte dell’11 settembre


  • Anna Mahjar-Barducci

Il massacro del 7 ottobre è stato un attacco non solo contro Israele ma contro l'Occidente collettivo. Israele, il cuore delle radici e dei valori giudaico-cristiani del Wes, è l'ultimo avamposto in piedi dell'Occidente liberale al collasso, tanto uno stato d'animo quanto una vera e propria posizione fisica. 

 

Per essere chiari, quando parlo dell'"Occidente liberale", mi riferisco al concetto di "democrazia liberale" come inteso da Winston Churchill, Franklin D. Roosevelt, John F. Kennedy e Ronald Reagan e non il "liberalismo cosiddetto progressista" che non ha nulla a che fare con il liberalismo classico e ha più a che fare con una nuova ideologia totalitaria ispirata al marxismo.

 

Sulla scia della guerra dei sei giorni del 1967, il politico repubblicano e liberale italiano Ugo La Malfa disse: "La libertà dell'Occidente è difesa sotto le mura di Gerusalemme".[ 1] In effetti, questa frase è ancora più vera oggi. La battaglia a Gaza non è solo tra Israele e Hamas, poiché la posta in gioco non è solo l'esistenza di Israele, ma di tutto l'Occidente collettivo, di cui Israele fa parte.

 

Hamas non è interessato alla Palestina ma al Califfato

 

Hamas non sta combattendo solo per creare uno Stato palestinese (che la maggioranza degli israeliani accetterebbe se l'esistenza di Israele non fosse minacciata) ma per costruire un "polo islamista" che sfiderebbe il mondo unipolare guidato dall'Occidente. 

 

Come spiegato dall'autore, poeta e giornalista egiziano Dr. Mouna Al-Hilmi, figlia della rinomata scrittrice femminista egiziana Nawal Al-Sa'dawi, Hamas non è interessata a liberare la patria palestinese, perché, in definitiva, non riconosce l'idea dello stato nazionale e considera l'Islam come la patria.

 

"Da quando ha vinto le elezioni per la legislatura [nel 2006], il potere del terrorista Hamas è cresciuto, e poiché è un ramo dei Fratelli Musulmani, partecipa alla jihad [della Fratellanza] per stabilire un califfato islamico globale", ha scritto Al-Hilmi.[ 2]

 

Un califfato sarebbe il polo islamista che sia il Qatar (il principale patrono dei Fratelli Musulmani) che l'Iran (il patrono dell'Asse della Resistenza) stanno sponsorizzando nel mondo musulmano e arabo attraverso i loro proxy. La formazione di questo polo islamista è sostenuta da altre potenze antiliberali, come la Repubblica popolare cinese (RPC) [anche se con crescente disagio per la situazione interna Ndr], la Repubblica popolare democratica di Corea (RPDC) e la Russia di Putin che vogliono plasmare un mondo multipolare, in cui l'Occidente liberale (e i suoi alleati locali) saranno sconfitti.[ 3]

 

Se Israele vacilla, l'intero collettivo liberale occidentale sarà ferito

 

Il 7 ottobre è stata la parte II dell'11 settembre. Prima degli attacchi dell'11 settembre, l'Occidente pensava che "la fine della storia", l'idea di Francis Fukuyama che prevedeva che la democrazia liberale e i mercati liberi avrebbero prevalso come ordine globale permanente, sarebbe stata raggiunta. 

 

Tuttavia, il pensatore politico americano Charles Krauthammer ha parlato del "momento unipolare", poiché non era del tutto sicuro se sarebbe stato permanente o meno. Secondo il filosofo russo antiliberale Alexander Dugin, il "momento unipolare", iniziato nel 1991 (con il crollo dell'Unione Sovietica), si è concluso nel 2001. Ha sostenuto che questo sistema unipolare ha iniziato a erodersi con gli attacchi dell'11 settembre da parte di terroristi islamici al World Trade Center e con l'ascesa al potere del presidente Putin (nel 2000).[ 4]

 

Nel frattempo, dall'11 settembre, il liberalismo progressista ha iniziato a erodere l'Occidente dall'interno. Il liberalismo cosiddetto progressista, o cultura sveglia, è stato sponsorizzato anche da Cina e Qatar con l'obiettivo di portare al crollo dell'Occidente collettivo. 

 

Il Woke-ism (ideologia woke "sveglio") è infatti uno dei peggiori nemici della democrazia liberale ed è per questo motivo che è diventato il miglior alleato di altre forze anti-liberali, come i gruppi islamisti.

 

Sono riusciti ad aggiungere l'antisionismo come parte dell'infuso di una strega di cause intersezionali che coinvolgono questioni di genere, razziali, anti-capitaliste e altre questioni estremiste. Ancora più preoccupante è che questa combinazione tossica è stata ora mainstream in Occidente, nelle città governate dalla cosiddetta sinistra progressista e nelle istituzioni liberali d'élite.

 

Il 7 ottobre, Hamas ha lanciato un attacco a lungo preparato contro Israele con l'obiettivo di sconfiggere la componente più forte dell'indebolimento dell'Occidente. Come i loro alleati in Occidente, gli islamisti vogliono vedere un fermento permanente e una rivolta fino al raggiungimento della vittoria finale.

 


 

 Se Israele vacilla, l'intero collettivo liberale "Ovest" (che è composto anche da Corea del Sud, Taiwan e Giappone) sarà profondamente ferito. La Cina si sentirà fiduciosa di invadere Taiwan e occupare il Mar Cinese Meridionale, la Corea del Nord cercherà di unificare la penisola da Baekdusan a Hallasan,[5] La Russia prenderà il controllo dell'intera Ucraina e potrebbe usare armi nucleari tattiche, l'Iran e il Qatar riporteranno il mondo musulmano al VII secolo radicalizzandolo ulteriormente. 

 

Questa è una battaglia lanciata dagli oppositori di quello che viene definito il dominio liberale occidentale: Russia, Cina, mondo islamista (legato da Qatar e Iran) e i loro quinti alleati editorialisti incorporati come zecche nella società occidentale. "Dopo tutto, questa è una lotta tra il mondo multipolare e il mondo unipolare", ha scritto Dugin, aggiungendo che è arrivato il momento della battaglia finale contro l'Occidente.[ 6]

 

È ora di unire l'occidente collettivo

 

Le forze anti-liberali si stanno organizzando e si stanno unendo per sconfiggere l'Occidente collettivo che ancora non capisce cosa c'è in gioco. La cospirazione contro l'Occidente viene condotta dall'interno e in prima linea a Gaza e in Libano. Se l'Occidente liberale non si unisce per difendere i suoi valori e la verità, la sua scomparsa è destinata ad accadere. 

 

La lotta si avvicina al suo culmine e la notte si avvicina. Recentemente, il presidente argentino Javier Milei ha dichiarato: "La verità non è mai andata alla sconfitta a causa dell'opposizione, lo ha fatto solo quando i suoi amici sono troppo deboli per difenderla".[ 7]

 

Apparentemente, il liberalismo sarà sconfitto non perché si è opposto, ma perché l'Occidente si è permesso di diventare troppo debole per difendere la propria libertà.

 

*Anna Mahjar-Barducci è una ricercatrice senior MEMRI e collabora da anni a Quaderni Radicali e Agenzia Radicale

 

_____________________________________ 

 

 

[1] Ugo La Malfa (16 maggio 1903 – 26 marzo 1979) è stato un politico italiano e un importante leader del Partito Repubblicano Italiano (Partito Repubblicano Italiano; PRI), che è associato al liberalismo. La citazione di La Malfa in italiano è: "La libertà dell'Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme".

[2] Vedi il numero di spedizione speciale MEMRI 10939, Giornalisti Egiziani: Hamas È Un'organizzazione Terroristica Decisa A Distruggere Israele E Gli Ebrei; Il Suo Attacco Del 7 Ottobre Ha Coinvolto Crimini Di Guerra Simili all'ISIS, 5 Novembre 2023.

[3] Vedi MEMRI Daily Brief No. 569, L'appello Di Putin Per La Multipolarità: Quanto È Buono Per Gli Stati Uniti?, Di Anna Mahjar-Barducci, 12 Febbraio 2024.

[4] Vedi la serie di inchieste e analisi n. 1534, Cina, Russia E La Creazione Di Un Ordine Mondiale Multipolare – Una Prospettiva Russa, Di Anna Mahjar-Barducci, 5 Ottobre 2020; MEMRI Daily Brief No. 569, L'appello Di Putin Per La Multipolarità: Quanto È Buono Per Gli Stati Uniti?, Di Anna Mahjar-Barducci, 12 Febbraio 2024.

[5] Baekdusan (Montagna Baekdu) è la montagna più alta della Corea del Nord. Si trova al confine tra Cina e Corea del Nord. Hallasan è una delle tre montagne principali della Corea del Sud ed è il punto più alto del paese. Vedi il numero di spedizione speciale MEMRI 11404, La Retorica Nordcoreana Ottiene Il Sostegno Tra I Manifestanti anti-Israele, 18 Giugno 2024.

[6] Spedizione speciale MEMRI n. 10982, Filosofo Russo Anti-liberale Dugin: "È Arrivato Il Momento Della Battaglia Finale", 28 Novembre 2023.

[vii] L'8 maggio 2024, il presidente argentino Javier Milei ha tenuto un discorso per la Giornata dell'Olocausto (Yom HaShoah), citando il rabbino Samson Raphael Hirsch. Casarosada.gob.ar/informacion/discursos/50478-palabras-del-presidente-de-la-nacion-javier-milei-en-el-cck-con-motivo-del-acto-por-el-dia-internacional-del-holocausto, maggio 8, 2024.

 

(immagini del 7 ottobre e dell'11 settembre)

 

da MEMRI Middle East Media Research Institute

 

 


Aggiungi commento