Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/09/19 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Trasformismo? Un fenomeno antico…

E cosi, finalmente, è arrivato il secondo governo Conte, o il Bisconte come scrivono alcuni, mentre il leghista dei pieni poteri è stato sconfitto, o meglio si è tirato un colpo da solo…e il “Grillino”, ammaccato alle europee dello scorso maggio e confluito nella maxialleanza di Bruxelles in favore dell’Ursula, viene ora affidato alle cure di qualche “conte…zio”  (di manzoniana memoria) per un corso di rieducazione celere. di Silvio Pergameno

Crisi di governo: camaleontismo che diventa sempre più gattopardismo

Ballon d’essai: come i palloncini lanciati per saggiare la direzione del vento, così le posizioni espresse dai partiti all’avvio di questa crisi di governo servono più che altro a fare “sondaggi”, a vedere se proseguendo il piede poggia sul sicuro o su una botola che cede. Capita così che, proprio come palloncini, si dissolvano nell’aria in un battibaleno per cui sulla scacchiera la disposizione delle pedine è continuamente cangiante. di Luigi O. Rintallo

Ma l’asse Renzi-Grillo non è un regalo a Salvini?

Va bene, il giornale unico come linea politica, Corriere-Repubblica, cerca di dare massima evidenza alla cosa, ma puntare sull’asse Renzi-Grillo per scongiurare il successo possibile (tutto è sempre da verificare), più che un modo per evitare nuove elezioni (che è il sogno dei parlamentari che temono di perdere la pensione per un solo anno di mandato) sembra un regalo a Salvini e rischia di compromettere ancora di più i rapporti con l’Europa. di G.R.

Crisi italiana e crisi europea nel contesto mondiale

Mentre bizantinismi e liturgie della “costituzione più bella del mondo”, come incrostazioni decennali nei tubi, intasano lo sbocco della crisi politica in atto in un malsano gorgoglio di velleità e furbizie da magliari, si ha il tempo di fare qualche considerazione sia sulle scelte che distinguono i vari orientamenti, sia sulle prospettive strategiche presenti sullo scenario non solo nazionale. Bisogna partire da queste ultime per cercare di definire meglio il contesto nel quale ci troviamo. Il 2016 è ormai considerata la data che fa da discrimine: è l’anno del referendum sulla Brexit e dell’elezione di Trump alla Casa Bianca. di Luigi O. Rintallo

Prime note sulla crisi di governo ...

Alla fine, a giovarsi dei consigli del napoletano Chitarrella è stato il milanese Salvini e non il campano Di Maio: il leader della Lega ha deciso di “sparigliare”, come nello scopone, e pare ormai convinto che l’esperienza di governo con i 5Stelle non possa continuare. Sul n. 115 di «Quaderni Radicali» (febbraio 2019), sin dall’inizio di quest’anno, avevamo rilevato il “falso cambiamento” del governo Conte, evidenziando come fosse stato “maieuticamente plasmato o subito” dal Quirinale all’insegna della “strategia di sempre dell’establishment italiano, contrassegnata dal consueto gattopardismo”. di Luigi O. Rintallo

“Spazzacorrotti”, carcere e retroattività: e la Costituzione?

In questo articolo, l’avvocato Fabio Viglione affronta le riforme introdotte dall’attuale governo nell’ordinamento penale: dall’abolizione della prescrizione alla soppressione delle riduzioni di pena, per concludere con una riflessione sulla “verità” parziale di una cronaca giudiziaria troppe volte caratterizzata dalla parzialità deformante. I tre ambiti, descritti con spirito laico e liberale, badando alle dinamiche concrete cui danno luogo, hanno in comune il fatto che prescindono dai due principi fondamentali fissati dalla nostra Costituzione: la presunzione di non colpevolezza e la finalità rieducativa della pena comminata dallo Stato... 

 

- Radicali, una separazione sbagliata intervista a Emanuele Macaluso

- Dal metodo laico e riformatore una prospettiva per la sinistra in Europa

   conversazione con Claudio Martellli

- Smontare la gabbia del conformismo rimanendo nell'alveo liberale intervista a Stefano Folli

- Un mondo radicale di Silvio Pergameno

- Maledetta Politica, il mondo radicale dopo Pannella di Giuseppe Rippa con Antonio Marulo

- Quaderni Radicali 116, conferenza stampa di presentazione