Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/24 ore

La formazione dell'Alleanza anti-liberale. Ma liberale non è sinonimo di ideologia Woke (sveglia)


  • Anna Mahjar-Barducci

 

 

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

Stiamo assistendo alla formazione di un'alleanza antiliberale contro l'Occidente. Per anni, Russia, Cina, Iran e Corea del Nord hanno cercato di plasmare un ordine mondiale multipolare, che avrebbe messo fine a quello unipolare guidato dall’Occidente… 

 

Come spiegato dal filosofo antiliberale Alexander Dugin, il XX secolo è stato caratterizzato da tre teorie politiche: liberalismo (la prima teoria), comunismo (la seconda teoria) e fascismo (la terza teoria). Il fascismo è emerso più tardi delle altre grandi teorie politiche e è scomparso prima di loro. L'alleanza tra la prima teoria politica (liberalismo) e la seconda teoria politica (comunismo) e gli errori di calcolo geopolitici di Adolf Hitler furono responsabili della scomparsa della terza teoria politica. 

 

La scomparsa del fascismo ha liberato il campo di battaglia per la prima e la seconda teoria politica (liberalismo e comunismo), che durante la Guerra Fredda hanno creato un mondo bipolare che è durato quasi mezzo secolo. Il crollo dell'Unione Sovietica del 1991 segnò la vittoria della prima teoria politica (liberalismo) sulla seconda (comunismo). Così, alla fine del XX secolo, l'unica teoria rimasta in piedi era il liberalismo.

 

Tuttavia, le forze sconfitte non accettarono la vittoria della democrazia liberale. Inoltre, sono emersi nuovi poli che rifiutano l'"egemonia occidentale", tra cui l'islamismo, una forza antiliberale guidata da Iran e Qatar; si è rafforzata dagli attacchi terroristici dell'11 settembre.

 

(Fonte foto: portavoce del PCC Global Times)

 

 

L'ingenuità dell'Occidente Sul PCC

 

Eppure, dopo il crollo dell'Unione Sovietica, l'Occidente pensava ingenuamente che la "fine della storia" - come previsto da Francis Fukuyama - si fosse materializzata e che non avesse più grandi nemici. Quindi, dopo aver sconfitto il comunismo, l'Occidente pensava che tutti si sarebbero uniti volontariamente al liberalismo e al capitalismo.

 

Questo è stato uno dei principali errori commessi dal presidente Bill Clinton, che ha portato la Cina (o, più precisamente, la Repubblica popolare cinese, RPC) nell'Organizzazione mondiale del commercio, pensando che il Partito comunista cinese (PCC) avrebbe abbandonato i suoi principi maoisti. Tuttavia, come spiegato da Andrew J. Masigan, consulente speciale del MEMRI China Media Studies Project e editorialista Philippine Star, la RPC ha appena "aspettato il suo tempo fino a quando non è diventata abbastanza ricca da sfidare gli Stati Uniti". Quindi, dopo aver sconfitto il comunismo nel 1991, gli Stati Uniti hanno finanziato un nuovo polo comunista (con caratteristiche cinesi, come lo chiama il PCC) che vuole distruggere l'attuale ordine mondiale.[1]

 

La crescita economica della Cina ha anche aiutato la Corea del Nord (Repubblica popolare democratica di Corea, RPDC), che è economicamente dipendente da Pechino. Vale la pena notare che il DPKR è uno stato socialista guidato dall'idea Juche (Juche, 주체, significa "sovravernità", "autosufficienza"), che promuove la sovranità e rifiuta l'Occidente collettivo (che include la Corea del Sud), il capitalismo e il liberalismo occidentale. Così, stabilisce le basi per un mondo multipolare, in cui l'unipolarità guidata dall'Occidente viene sconfitta e la "fine della storia" non accade.[2]

 

Il famoso accademico russo Sergey Karaganov, che è stato consigliere del Cremlino sulla politica estera per 12 anni, ha spiegato che per molti anni l'economia è stata il fattore centrale per i paesi e le società ("è l'economia, stupida"[3]). Tuttavia, la storia ha dimostrato qualcos'altro. "Sì, le persone sono guidate da interessi economici, ma quando sono parzialmente soddisfatte, quando al minimo nessuno muore di fame, si rivolgono ad altri interessi come la sicurezza, l'orgoglio nazionale, le opinioni ideologiche, gli stereotipi e i bisogni culturali - cioè fenomeni e valori di un ordine superiore", ha dichiarato Karaganov.[4]

 

Quindi, il PCC non aveva alcun interesse ad abbracciare la democrazia liberale occidentale, ma piuttosto usava l'ingenuità dell'Occidente per diventare economicamente più forte al fine di sostituire l'ordine unipolare guidato dall'Occidente con uno multipolare che serva l'interesse del PCC.

 

Il Revanchismo della Russia

 

Nel frattempo, l'Occidente non ha imparato dalla storia e, in particolare, da ciò che è accaduto nella prima guerra mondiale, che è stato uno dei più grandi disastri geopolitici del XX secolo. Dopo la prima guerra mondiale, quattro imperi, che rappresentavano parte dell'ordine mondiale di quegli anni, furono eliminati: gli imperi russo, ottomano, austro-ungarico e tedesco. Il dramma della prima guerra mondiale fu che generò il rafforzamento di due ideologie totalitarie del XX secolo: il nazismo e il comunismo

 

L'errore principale di coloro che hanno vinto la guerra è stata la loro incapacità di costruire un sistema, o, meglio, un nuovo ordine mondiale, in cui anche i perdenti avrebbero giocato un ruolo dignitoso. A causa di questa incapacità, dopo la guerra, il sentimento revanchista si sviluppò in Germania, e Adolf Hitler lo usò nella sua retorica per salire al potere. La prima guerra mondiale ha creato tutte le condizioni per l'inizio della seconda guerra mondiale.

 

Apparentemente, dopo la fine della Guerra Fredda, l'Occidente si è comportato come se fosse l'unico vincitore, dimenticando che i russi stessi avevano partecipato al crollo dell'Unione Sovietica montando "la più grande rivoluzione incruenta della storia", come sottolineato da George Kennan, sovieticologo e architetto degli Stati Uniti. Politica della Guerra Fredda. 

 

È degno di nota che lo statista russo Mikhail Gorbaciov, l'ultimo leader sovietico, ha dichiarato: "Negli affari internazionali, c'è un crollo della fiducia. Penso che se chiedi alle persone in tutti i continenti "Il mondo sta andando nella giusta direzione?" La maggior parte dirà "No". Tutto questo è iniziato quando è stata proclamata "la vittoria dell'Occidente" nella Guerra Fredda. La nostra vittoria condivisa nella Guerra Fredda è stata dichiarata un trionfo di una sola parte [cioè l'Occidente], che ora pensa che "tutto è permesso". Questa è la radice da cui sono sorti i disordini globali di oggi”.[5]

 

Secondo Dugin, il "momento unipolare" dell'Occidente (un termine coniato da Charles Krauthammer, a causa della sua incertezza sul fatto che sarebbe durato), iniziato nel 1991 con il crollo dell'Unione Sovietica si è concluso tra il 2000-2001 con l'ascesa al potere del presidente Putin e con gli attacchi dei terroristi islamici agli Stati Uniti l'11 settembre.[6]

 

Per quanto riguarda la Russia moderna, il processo di plasmare questa nuova ideologia anti-occidentale è iniziato con il storico discorso di Monaco di Putin del 2007, in cui ha sfidato l'ordine mondiale unipolare guidato dagli Stati Uniti. Putin ha detto: "Cos'è un mondo unipolare? Tuttavia, si potrebbe abbellire questo termine, alla fine della giornata si riferisce a un tipo di situazione, vale a dire un centro di autorità, un centro di forza, un centro di processo decisionale... È un mondo in cui c'è un padrone, un sovrano. E alla fine della giornata, questo è pernicioso non solo per tutti coloro che sono all'interno di questo sistema, ma anche per il sovrano stesso perché si distrugge dall'interno... Ritengo che il modello unipolare non sia solo inaccettabile ma anche impossibile nel mondo di oggi... Ciò che è ancora più importante è che il modello stesso è imperfetto perché alla sua base non ci sono e non possono essere basi morali per la civiltà moderna”.[7]

 

Il discorso del 2007 è stato il primo manifesto politico di Putin che ha determinato, e continua a definire, lo schema generale della politica della Russia, che mira a porre fine all'ordine mondiale unipolare dell'Occidente. Va sottolineato che la Russia non è ancora riuscita a plasmare un'ideologia, o, più precisamente, una "ideologia offensiva”.[8] Tuttavia, sa esattamente cosa sta combattendo in Ucraina: l'Occidente collettivo.

 

Il Polo Islamista

 

Come accennato, l'ordine unipolare ha iniziato a erodersi con gli attacchi dell'11 settembre da parte di terroristi islamici negli Stati Uniti. La necessità di plasmare un polo islamista è meglio compresa da Iran e Qatar, poiché entrambi sponsorizzano gruppi islamisti in Medio Oriente che aspirano all'egemonia islamica. Hamas, sponsorizzato dal Qatar e dall'Iran, è ora in prima linea nella battaglia per l'istituzione di un califfato islamista. Il funzionario di Hamas Fathi Hammad ha dichiarato: "Libereremo la nostra moschea di Al-Aqsa, e le nostre città e villaggi, come preludio all'istituzione del futuro califfato islamico. Pertanto, fratelli e sorelle, siamo alla soglia di un'era di civiltà islamica globale”.[9]

 

Va notato che il patto di Hamas si oppone fortemente al "Crusader West". Da quando è stato scritto nel 1988, prima del crollo dell'Unione Sovietica, la carta contrasta anche l'"Oriente comunista". Tuttavia, negli ultimi decenni, da quando la democrazia liberale è diventata il principale nemico di tutte le forze antiliberali, Hamas e i suoi mecenati si sono uniti non solo alla Russia moderna, ma anche alla RPC comunista e al DPKR, al fine di plasmare un ordine mondiale multipolare in cui l'Occidente collettivo, che include Israele, sarà sconfitto.

 

Secondo quanto riferito, il National Intelligence Service (NIS) della Corea del Sud ha confermato che Hamas sta anche usando armi di fabbricazione nordcoreana per combattere Israele nella guerra di Gaza. In precedenza, nel novembre 2023, i media hanno riferito che il leader nordcoreano Kim Jong Un aveva ordinato ai funzionari di trovare modi per "sostenere in modo completo la Palestina”.[10]

 

Newsweek, citando Guermantes Lailari, studioso dell’Università Nazionale di Chengchi a Taiwan e ufficiale in pensione dell’aeronautica americana, ha anche osservato che l’IDF aveva trovato enormi quantità di attrezzature militari e armi tecnologiche cinesi avanzate a Gaza.

 

Newsweek ha inoltre scritto: "Gli specialisti cinesi della guerra dei tunnel hanno contribuito a progettare e costruire i tunnel di Hamas... Due ingegneri di tunnel dell'Esercito di liberazione popolare cinese sono stati scoperti dall'IDF, il che significa che la Cina ha aiutato significativamente Hamas nella sua costruzione delle massicce reti di tunnel sotto la Striscia di Gaza”.[11]

 

Conclusione

 

Mentre Russia, Cina, Iran e Corea del Nord stringono legami più stretti (Putin ha recentemente visitato la Cina e la Corea del Nord), l'alleanza delle forze antiliberali sta anche cercando di guadagnare slancio con l'aiuto dei cosiddetti liberali progressisti, o, più precisamente, dei “sostenitori dell’ideologia woke”, che vengono utilizzati come quinta colonna per sconfiggere l'Occidente dall'interno.

 

Come accennato in una precedente analisi MEMRI, "democrazia liberale" era il concetto che è stato compreso da Winston Churchill, Franklin D. Roosevelt, John F. Kennedy e Ronald Reagan, mentre il "liberalismo progressista" non ha nulla a che fare con il liberalismo classico e più con una nuova ideologia totalitaria ispirata al marxista.[12] Non è quindi un caso che TikTok, di proprietà della società internet cinese ByteDance, stia diffondendo l'ideologia woke in Occidente.

 

Quindi, le forze antiliberali si stanno preparando militarmente e ideologicamente per la battaglia finale contro la democrazia liberale.[13] Tuttavia, una domanda risuona fortemente: l'Occidente collettivo è pronto per questa lotta?

 

*Anna Mahjar-Barducci è una ricercatrice senior MEMRI e collabora da anni a Quaderni RadicaliAgenzia Radicale

 

 

______________________________________________ 

 

 

[1]Vedi il numero di spedizione speciale MEMRI 11220, Rinomato Esperto Filippino Masigan: "La Cina È Il Frankenstein [Mostro] dell'America"; "Il Dominio Su Taiwan E Le Corsie Marittime È La Base Di Potere Di Cui La Cina Ha Bisogno Per Proiettare La Sua Influenza In Tutto Il Mondo - Porta La Cina Un Passo Più Vicino Alla Detronizzazione Degli Stati Uniti", 21 Marzo 2024.

[2] Vedi il numero di spedizione speciale MEMRI 11415, Filosofo Russo Dugin Sulle Relazioni Russia-Corea Del Nord: I Bisogni Della Russia "Juche", L'ideologia Di Stato Della Corea Del Nord, 24 Giugno 2024.

[3] Vedi Nytimes.com/1992/10/30/opinion/on-my-mind-it-s-the-economy-stupid.html, 30 ottobre 1992.

[4] Vedi la serie di inchieste e analisi MEMRI n. 1616, La Nuova Ideologia "conservatrice" Della Russia Per Contrastare Il Liberalismo, di Anna Mahjar-Barducci, 11 Gennaio 2022.

[5] Vedi MEMRI Special Dispatch No. 10185, Mikhail Gorbaciov Nel 2016: La Russia Deve "tornare A Un Percorso Di Vera Democrazia", 6 Settembre 2022.

[6] Vedi MEMRI Daily Brief No. 611, Perché Il 7 Ottobre È Un Attacco Contro Il Collettivo West – Il 7 Ottobre È Stato La Parte II Dell'11 Settembre, di Anna Mahjar-Barducci, 27 Giugno 2024.

[7] Vedi la serie di indagine e analisi MEMRI n. 1619, La Russia-USA Standoff: La dimensione ideologica, di Anna Mahjar-Barducci.

[8] Vedere la serie di indagine e analisi MEMRI n. 1616, La Nuova Ideologia "conservatrice" Della Russia Per Contrastare Il Liberalismo, di Anna Mahjar-Barducci, 11 Gennaio 2022.

[9] Vedi il numero di spedizione speciale MEMRI 11009, Leader Di Hamas: Il Nostro Obiettivo È L'istituzione Del Califfato Islamico Globale, Non Solo Della Liberazione Della Palestina, 8 Dicembre 2023.

[10] Spedizione speciale n. 11408, Alto Funzionario Di Hamas Ali Baraka: La Corea Del Nord Fa Parte Della Nostra Alleanza, 19 Giugno 2024.

[11] Newsweek.com/china-waging-proxy-war-israel-opinion-1910156, 17 giugno 2024.

[12] Vedi MEMRI Daily Brief No. 611, Perché Il 7 Ottobre È Un Attacco Contro Il Collettivo West – Il 7 Ottobre È Stato La Parte II Dell'11 Settembre, di Anna Mahjar-Barducci, 27 Giugno 2024.

[13] Vedi MEMRI Daily Brief No. 615, Le Forze Anti-Liberali Si Stanno Preparando Per La "Battaglia Finale" Contro l'Occidente, di Anna Mahjar-Barducci, 1 Luglio 2024.

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

 


Aggiungi commento