Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/05/22 ore

LIBRI

I Racconti del poeta di Cristiano Maria Carta

Cristiano Maria Carta è di nuovo sulla scena letteraria con un libro di narrativa I Racconti del poeta, edito da Edizioni Croce con prefazione di Pino Blasone. In tredici racconti su centodieci pagine, l’autore ci fa conoscere le sue più accattivanti vicissitudini, una sorta di diario scritto come un reportage esistenziale che fa vedere il mondo con i suoi occhi. Uno scorcio di ciò che esiste intorno a noi descritto in maniera particolare perché Cristiano Maria Carta è un poeta che in questo caso si cimenta in una narrazione, ragione per cui, l’autore sostiene che fa della “sintesi poetica” che a differenza della “scrittura prosaica” è più immediata, una dotta disquisizione che potrete trovare spiegata nella prefazione di Pino Blasone… di Giovanni Lauricella

Folli, Veltroni, Follini, Martelli con Emma Bonino parlano del libro di Spadaccia ‘Il Partito Radicale’

Sul ponderoso libro di Gianfranco Spadaccia (Il Partito Radicale - Sessanta anni di lotte tra memoria e storia - Sellerio editore) ritorneremo, come Agenzia Radicale e Quaderni Radicali, con una attenta disamina di questo che è sicuramente una ricostruzione seria e approfondita della vicenda del Partito Radicale, provando a testimoniare quello che direttamente abbiamo avuto modo di vivere in quella esaltante, magnifica e complessa avventura che ha attraverso larga parte anche della nostra vita. La presentazione del libro giovedì 20 gennaio, presso laFeltrinelli alla Galleria Alberto Sordi in Roma, offre però la possibilità per qualche riflessione partendo da quanto hanno detto coloro che hanno presentato il libro, moderati da Emma Bonino: Stefano Folli, Marco Follini, Claudio Martelli e Walter Veltroni.

 

- “Il Partito Radicale" di Gianfranco Spadaccia - Presentazione (Agenzia Radicale Video)

‘Graffio’, il primo romanzo di Tessa Rosenfeld

Una quasi cinquantenne frustrata che odia i bambini e gli adolescenti e probabilmente non sopporta nemmeno se stessa. La donna in questione è Nicoletta Poggiardo, detta Nikla originaria di un paesino del Salento, ma trasferitasi a Roma per lavoro dove incontra l’uomo del quale diventerà l’amante. Questo l’incipit di “Graffio”, il primo romanzo di Tessa Rosenfeld, pubblicato da Linea Edizioni… di Elena Lattes

Un tango per me, di Jan-Lilyth Albani. Una coinvolgente biografia

Un tango per me (Ed. Scuderi), è un romanzo prevalentemente autobiografico di Jan-Lilyth Albani, alias Pierpaolo Correale, direttore UOC di Oncologia Medica presso il Grande Ospedale Metropolitano di Reggio. Pur narrando la storia di Pietropaolo Rosacroce, un medico che riprende in mano la sua vita grazie al ballo, il libro si spinge oltre le vicende umane del protagonista con interessanti flash sulla civiltà occidentale che per interessi materialistici trascura non solo l’Umanità, ma anche la Bellezza dell’Arte… di Giovanna D’Arbitrio

Una società dentro le mura, di Andrea Yaakov Lattes

Dal 1555, anno in cui venne istituito da Papa Paolo IV Carafa, il ghetto di Roma andò degradando sempre più, fino a diventare una delle zone più malsane e sovraffollate di tutta la città. Nonostante questo, e nonostante le continue e incessanti vessazioni, la popolazione che vi risiedeva nel XVII secolo era molto attiva sotto tutti i punti di vista. Numerosi sono i documenti che lo testimoniano, ma i relativi studi finora pubblicati sono basati per lo più su fonti di origine cristiana. di Elena Lattes

Il suono rosso, romanzo di Elli Stern

Daniel è un giovane violoncellista che entra in una crisi profonda: nonostante il suo grande talento, peraltro riconosciuto e apprezzato, non riesce più a suonare come vorrebbe, si sente dubbioso, inquieto, disorientato, come se fosse “in un territorio sconosciuto, perfino quando cerca di suonare pezzi che conosce a memoria”; sembra che la musica prodotta non vada più secondo la sua guida. di Elena Lattes