Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/05/17 ore

STILE LIBERO

Bagnoli, Lettera aperta al sindaco di Napoli

Se il sindaco Luigi de Magistris avesse redatto il nuovo PUA di Bagnoli appena entrato in palazzo San Giacomo e avesse nominato un Commissario straordinario per la sua attuazione non avrebbe dato al presidente Matteo Renzi alcun motivo di occuparsi di Bagnoli. di Gerardo Mazziotti

Gli ortodossi in Israele (3)

La popolazione israeliana ha superato recentemente gli otto milioni di persone di cui circa  il 75% sono ebrei, poco più del 20% arabi (tra musulmani e cristiani) e il resto appartenenti ad altre minoranze (Bahai, Circassi, Drusi, Cristiani non arabi, ecc.). di Elena Lattes

  

Neturei Karta, i “Guardiani della città” di Gerusalemme (1) 

Israele, il “prezzo da pagare” all'estremismo di Tag Mehir (2)

Neturei Karta, i “Guardiani della città” di Gerusalemme

Proseguendo il percorso iniziato nel precedente articolo fra le minoranze oltranziste e talvolta anche violente, troviamo in Israele, all'estremità politica opposta dei Tag Mehir, o Giovani delle Colline, alcuni gruppi di haredim, o, come vengono definiti in Italia, ultra-ortodossi. Vestiti per lo più di nero, con pesanti cappotti e cappelli anche quando fa molto caldo, vivono in gran parte in quartieri specifici (il più emblematico è sicuramente Mea Shearim a Gerusalemme) e non vedono di buon occhio tutto ciò che è considerato non conforme alla Bibbia. di Elena Lattes

Sarona

Nell'agosto del 1871 un gruppo di templari provenienti dalla Germania acquistò dai greci un appezzamento di terreno a nord di Jaffo e, sullo stile di altri villaggi già costruiti a Gerusalemme e Haifa, nell'ottobre dello stesso anno, oltre quarant'anni prima che nascesse la vera e propria città, iniziarono la costruzione di una trentina di casette. di Elena Lattes

Israele, il “prezzo da pagare” all'estremismo di Tag Mehir

Tag Mehir, il cui nome significa “prezzo da pagare”, è composto sostanzialmente da adolescenti o poco più, spesso in rotta con le proprie famiglie che si propongono di “difendere” ogni centimetro di terra aggredendo chiunque tenti di impedirglielo. di Elena Lattes

“Dalla conoscenza alla crescita”, un modello israeliano da imitare per cooperare

Secondo Matteo Renzi, che nella recente visita in Israele ha presenziato ad un convegno sulla cooperazione scientifica tra Italia e Israele, il nostro Paese ha molto da imparare dalla “Start up Nation”, ossia lo Stato che non solo ha inventato, ma ha reso il modernissimo sistema delle start up uno dei principali, se non il più importante motore della propria economia e del proprio sviluppo. di Elena Lattes