Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/05/24 ore

POLITICA

Renzi, Grillo e il senso del ridicolo perduto

Renzi vs Grillo: chi ha vinto? La domanda è scattata sui siti delle principali testate giornalistiche a caccia dell’ultima cliccata disponibile, dopo la consultazione in diretta streaming fra il premier incaricato e il capo del M5S. La prima risposta che viene in mente, dopo aver visto lo spettacolo, è che di sicuro ha perso il senso del ridicolo, da cui la politica italiana prende sempre di più le distanze. di Antonio Marulo

Renzi premier piace alla Merkel, lo ripete da tempo Giulio Sapelli

Lasciando da parte il complottismo ideologico che tanto piace a Grillo e al suo fantomatico “popolo della Rete”, di fronte all’improvvisa defenestrazione di Enrico Letta e alla possibile rapida salita di Matteo Renzi a Palazzo Chigi, appare quantomeno inevitabile provare ad interrogarsi sulle ragioni profonde di tale stravolgimento, intendendo con ciò gli interessi politici, finanziari ed economici che in maniera più o meno velata governano il contesto internazionale. di Ermes Antonucci

Corrado Passera, la “risorsa” che non sorge

È l’eterno discesista in campo. Nel senso che è sempre lì lì in procinto di fare il grande passo, mentre attende il formarsi di un partito fatto su misura per lui. Parliamo di Corrado Passera, banchiere e manager di stato col pallino ormai della politica per il bene del paese. di Antonio Marulo

Giustizia: il messaggio di Napolitano relegato in un venerdì di vuoti parlamentari

L’analisi che da tempo portiamo avanti rispetto alla struttura palesemente corporativa dello stato italiano, all’equilibrio immobile derivato dalla conservazione degli spazi di potere passivi e parassitari, ed al conseguente uso assolutamente improprio ed eterodiretto delle istituzioni “democratiche” come dei mezzi di informazione ha un riscontro chiassoso e omnipervasivo rispetto agli eventi che si susseguono sul palcoscenico di quel teatro dell’assurdo che ci ostiniamo a chiamare repubblica; una riprova difficilmente discutibile la si trova se si fa riferimento alla pluririmandata discussione dell’ultimo Messaggio alle Camere del Presidente della Repubblica sulla questione giustizia. di Roberto Granese

Corruzione, la palude italiana

L'Italia non è un Paese per onesti. E' quanto si evince dal primo rapporto sulla corruzione nell'Ue, presentato a Bruxelles dalla Commissaria agli affari interni, Cecilia Malmstrom. A livello europeo, chiariscono i numeri, il totale dei costi diretti della corruzione ammonta a 120 miliardi, un costo di cui il nostro Paese può 'vantare' la metà esatta: 60 miliardi di euro ogni anno, pari a circa il 4% del Pil.

Faraone e il giustizialismo, la ruota gira anche per Renzi

Il neosegretario democratico, che tanto si era infervorato nel chiedere a suo tempo le dimissioni del ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, coinvolta nel discusso quanto fumoso affaire Ligresti, questa volta ha deciso di indossare, di fronte al caso Faraone, la maschera del politico garantista, rifugiandosi in un silenzio tombale. di Ermes Antonucci