Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/04/17 ore

RIMANDI

Riforma giustizia: senza l’Italia si blocca

L’Italia ha bisogno oggi più che mai, e prima che sia troppo tardi, di una riforma della giustizia. Senza di essa il rischio è di una gigantesca paralisi dell’attività amministrativa, del continuo e visibile peggioramento della qualità del ceto politico nel senso più largo, e, ancor prima, della degenerazione della sensibilità comune della società sul tema, tutte cose che si mescolano, si influenzano a vicenda, e ne vien fuori un effetto che, lo dico con qualche pena, abbassa il livello della civiltà giuridica italiana e compromette le possibilità stesse di una buona convivenza delle istituzioni. di Biagio de Giovanni (da Il Mattino)

Corte penale internazionale. La Russia sbatte la porta in faccia all’Aja

La Russia non vuole far parte della Corte Penale Internazionale, Cpi. Questo almeno quanto mostra la firma, il 16 novembre scorso, da parte del presidente Vladimir Putin del decreto n° 361 sull’intenzione della Federazione Russa di non diventare parte dello Statuto di Roma. di Cono Giardullo (da Affari Internazionali)

Le memorie postume di Marco Pannella

Era forse l’unico titolo possibile per un libro di Marco Pannella. Di certo il migliore: «Una libertà felice», memorie postume di un uomo per il quale non è facile trovare un aggettivo per definirlo senza apparire riduttivi. Sono centottanta pagine che a leggerle di un fiato sembra di sentire la voce del leader radicale, morto il 19 maggio scorso. di Alessandra Arachi (dal Corriere della Sera)

Turchia: dopo militari, magistrati, sindacalisti, giornalisti, Erdogan arresta 12 parlamentari filo-curdi

Nella notte tra il 2 e il 3 novembre, le autorità di Ankara hanno disposto l’arresto di Selahattin Demirtaş e Figen Yuksekdag, i due leader del HDP (Halkların Demokratik Partisi, Partito Democratico Popolare), formazione politica progressista e principale espressione della minoranza curda. (Centro Studi Internazionali)

La corsa populista verso il referendum

Come era prevedibile, la campagna per il referendum si sta trasformando in una rincorsa demagogica. Di qui al 4 dicembre si tenderà a discutere sempre meno nel merito della riforma Renzi-Boschi e sempre più si cercheranno scorciatoie per conquistare il consenso dell’opinione pubblica. di Stefano Folli (da la Repubblica del 25/10/2016)

Putin e Assad: I russi e i massacri in Siria. È come una nuova Cecenia

Bisogna fermare il massacro di Aleppo. Bisogna arrestare ad ogni costo i bombardamenti massicci, sconsiderati, indiscriminati (o, peggio, «discriminati», poiché prendono di mira principalmente i civili, i convogli umanitari e gli ospedali) che sono ricominciati ancora più intensi ad Aleppo. Nei giorni — o piuttosto nelle ore e quasi nei minuti che seguono — bisogna dire basta al diluvio di fuoco, di bombe a grappolo e al fosforo, ai barili di cloro sganciati a bassa quota sugli ultimi quartieri orientali della città controllati dai ribelli. di Bernard-Henri Lévy (da corriere.it)