Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/05/24 ore

RIMANDI

Richiamo all’Occidente, G7, Atlantismo, Cina, Russia, Conte e gli ostacoli a Draghi. Di questo e di altro conversa Giuseppe Rippa, con Raffaele Cascone su Mediterranea Web Radio

Ripercorrendo la cronaca dell’ultima settimana, da G7 in Cornovaglia con il richiamo alla Cina per il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, soprattutto nel Xinjang, la patria degli uiguri; le questioni sorte sulla iniziativa cinese della via della Seta, con le implicazioni geopolitiche che sottende; i rapporti con la Russia; la valutazione sui sottili distinguo, indice di creazione di ostacoli, che il presunto nuovo capo del presunta associazione politica 5 Stelle Giuseppe Conte richiama nei confronto del presidente del Consiglio Mario Draghi. Di questo conversa Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, con Giuseppe Rippa su Mediterranea Web Radio Hub WRHM Italy… 

 

- Richiamo all’Occidente, G7, Atlantismo, Cina, Russia, Conte e gli ostacoli a Draghi. Di questo e di altro conversa Giuseppe Rippa con Raffaele Cascone (Mediterranea Web Radio Hub WRHM Italy)

Referendum Giustizia. Politica e magistratura: il difficile equilibrio. Angelo Panebianco sul Corsera

È bastato l’annuncio per scatenare un maremoto. Con onde alte che minacciano di abbattersi sui fragili equilibri della politica italiana. La raccolta delle firme dei referendum radicali sulla Giustizia appoggiati dalla Lega non è ancora partita ma ha già innescato movimenti trasversali forse destinati a rimescolare diverse carte a destra, a sinistra e al centro. In parte ha contato la scelta dei tempi: la magistratura non gode più del consenso incondizionato dell’opinione pubblica. In parte ha contato, e conta, il metodo: quella capacità di stabilire alleanze trasversali su specifiche battaglie politiche di grande rilievo che il Marco Pannella dei suoi dì migliori ha lasciato in eredità ai radicali. di Angelo Panebianco (da  Corriere della Sera)

Di Maio il pentito, la situazione in Israele, il semestre bianco . Conversazione di Giuseppe Rippa con Raffaele Cascone su Mediterranea Web Radio Hub

Luigi Di Maio ammette di avere contribuito anche lui, con il M5S, "ad alzare i toni e a esacerbare il clima", citando il caso del sindaco di Lodi dopo la notizia che in appello Simone Uggetti, ex sindaco Pd della città lombarda, nel processo per il caso piscine è stato assolto in Appello… Non era il caso di dimettersi da Ministro degli Esteri, se il pentimento era vero, per un soggetto politico che non era stato protagonista di nessun impegno politico prima di diventare vessillo, con altri 5 Stelle, del più bieco giustizialismo?

 

- Di Maio il pentito, la situazione in Israele, il semestre bianco . Conversazione di Giuseppe Rippa con Raffaele Cascone (da Mediterranea Web Radio Hub)

Paolo Mieli. Magistrati e indagini: lo strano metodo ungherese (*)

A seguito del monito — a ventinove anni dall’uccisione di Giovanni Falcone, della moglie e degli agenti della scorta — diciamo meglio dell’allarme del presidente della Repubblica sulle liti che minano la credibilità della magistratura, viene da domandarci: che fine ha fatto la «loggia Ungheria»? Stiamo parlando di quella quarantina di personaggi che — secondo le dichiarazioni rese dall’avvocato Piero Amara ai pm milanesi Paolo Storari e Laura Pedio nel dicembre del 2019 — avrebbero provocato, in associazione tra loro, un qualche danno al corretto funzionamento del nostro sistema giudiziario e forse non solo a quello. di Paolo Mieli (da Corriere della Sera 24 maggio 2021)

Guerra Hamas - Israele: lo scontro interno tra i palestinesi e altro… Conversazione di Giuseppe Rippa con Raffaele Cascone su Mediterranea Web Radio

La guerra tra Hamas e Israele, le implicazioni di una vicenda antica che negli ultimi anni ha avuto due aspetti ancora più rischiosi: lo scontro interno ai palestinesi tra l’Olp e Al Fatah da una parte e Hamas dall’altra con il  presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese e dello Stato di Palestina Abū Māzen oramai del tutto privo di credibilità e indeciso a tutto, al punto che si è fatto scavalcare da Hamas riuscendo a perdere le elezioni per non averle volute svolgere. E poi, al di là delle contraddizioni dello Stato di Israele, è evidente che comunque ha reagito agli attacchi missilistici da Gaza… Gli aiuti, sicuramente non pacifici dell’Iran, del Qatar, il filo rosso con la Turchia da parte di Hamas, il cui leader Haniyeh passeggia nel mercato di Doha nel Qatar mentre manda al massacro i palestinesi di Gaza, è una scenografia che non può non preoccupare e angosciare proprio pensando  ai due milioni di cittadini palestinesi di Gaza che, non sembrano animati da una grande passione per il gruppo militare e terroristico di Hamas e sono costretti a vivere nella misera e nella disperazione sotto una dittatura che non ha niente a che vedere con i sacrosanti diritti dei palestinesi della Striscia di Gaza… Di questo conversa Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali Agenzia Radicale, con Raffaele Cascone su Mediterranea Web Radio Hub WRHM Italy

 

- Guerra Hamas - Israele: lo scontro interno tra i palestinesi e altro… Conversazione di Giuseppe Rippa con Raffaele Cascone (Mediterranea Web Radio Hub WRHM Italy)

Salvare la giustizia... Conversazione di Giuseppe Rippa con Raffaele Cascone su Mediterranea Web Radio Hub WRHM Italy

Le vicende della Giustizia stanno terremotando uno dei pilasti dello Stato democratico e di diritto. La delegittimazione della magistratura è un dramma appunto della democrazia. La terzietà del giudice è l’appiglio fondamentale per il cittadino che potrebbe essere sopraffatto dai sistemi malavitosi, dalla corruzione, dalle potenze finanziarie. Il giudice resta l’ancoraggio che fornisce al più debole la speranza di non essere sopraffatto.

 

- Salvare la giustizia... Conversazione di Giuseppe Rippa con Raffaele Cascone (Mediterranea Web Radio Hub WRHM Italy)