Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/05/24 ore

Giornalista senior saudita: … il tentativo dei Fratelli Musulmani di seminare il caos in Tunisia



di 'Abd Al-Rahman Al-Rashed

da Al-Sharq Al-Awsat (Londra), 27 luglio 2021 (da Memri)

 

Nella sua rubrica del 27 luglio 2021 sul quotidiano saudita Al-Sharq Al-Awsat, il giornalista saudita 'Abd Al-Rahman Al-Rashed ha elogiato il licenziamento del primo ministro Hichem Mechichi da parte del presidente tunisino Kais Saied e la sua sospensione dell'attività parlamentare. Il parlamento è guidato da Rached Ghannouchi, presidente dell'Ennahda Party, il partito dei Fratelli Musulmani (MB) nel Paese.

 

Secondo Al-Rashed, negli ultimi mesi la MB in Tunisia ha creato crisi artificiali e ha deliberatamente tentato di provocare il caos e portare il Paese al collasso, nella speranza di sfruttare l'anarchia che potrebbe derivare per riprendere il controllo del Paese. Definendo le mosse del presidente Saied "un'operazione di salvataggio per la Tunisia", Al-Rashed ha sottolineato che proprio come la MB è stata sradicata in Sudan e in Egitto, il suo governo sta fallendo in Tunisia, la sua ultima roccaforte nella regione. Ha aggiunto che la regola dei MB in Tunisia ha dimostrato che si tratta di un movimento religioso fascista che non ha posto nell'era attuale.

 

I seguenti sono estratti tradotti dalla sua colonna:

 

"Sembra che le porte si siano chiuse per il movimento MB. Anche la sua capitale alternativa, Istanbul, non accoglie più i suoi membri in fuga. Dopo l'Egitto e il Sudan, ora la Tunisia sta annunciando la morte del regno dei MB. La Tunisia era [per i Fratelli Musulmani - MB] prima porta [al potere] e il suo risultato più importante nell'ultimo decennio, e oggi è l'ultima delle sue roccaforti a cadere.

 

"La scomparsa del MB in Tunisia oggi non è una sorpresa, anzi, arriva anni più tardi del previsto. La sua caduta è stata causata dal fatto che era un partner del governo, e perché si è legata al caos, agli omicidi, e azioni volte a ostacolare maliziosamente il funzionamento del governo dopo che ne ha perso il controllo.

 

"Il presidente tunisino Kais Saied ha chiaramente avvertito che ciò che stava accadendo [nel paese] avrebbe probabilmente portato a un suo intervento. Ma [cioè il MB] pensava che non avrebbe osato [agire] e che avrebbe nuovamente controllato il paese... Le misure di emergenza [di Saied] sono arrivate come un'operazione di salvataggio prima di un crollo. Il parlamento era [recentemente] paralizzato, quindi [Saied] ha sospeso la sua autorità e ha anche licenziato il primo ministro dopo il fallimento del suo governo ...

 

"Loro [cioè il MB] volevano che lo status [del presidente] fosse meramente formale, ma è diventato la voce del cittadino tunisino. Oggi è un vero presidente, con l'opportunità di fissare [aree in cui] il governo e il parlamento è fallito. È difficile capire i fattori [che hanno portato] al caos artificiale che [recentemente] ha prevalso [nel paese]. Perché i leader e i membri del parlamento del partito di Ennahda non si sono tirati indietro negli ultimi mesi così come per neutralizzare la tensione? Probabilmente pensavano che la crisi avrebbe portato la gente in piazza e portato a una ripetizione dello scenario del dicembre 2010 [cioè le proteste e gli eventi della Primavera Araba che hanno fatto cadere il governo del presidente Zine El Abidine Ben Ali] e che per mezzo di questo caos avrebbero risalito la scala del potere.

 

"Il problema è che il partito di Ennahda vuole governare senza seguire le regole... e ora sta protestando contro le misure di emergenza [del presidente Saied] definendole una violazione della costituzione e un colpo di stato.

 

"Kais Saied è il presidente eletto e ha vinto nel 2019 con ampio margine. Come può un presidente eletto organizzare un colpo di stato contro se stesso? Quello che sta facendo in realtà è salvare il regime tunisino e la Tunisia come paese dal caos che è già evidente. L'impulso al cambiamento sono state le crisi del [sistema] sanitario, del costo della vita e della costituzione. La maggior parte di queste crisi sono state causate da tattiche dilatorie e tentativi deliberati di ostacolare [le soluzioni]. Ogni volta che il presidente voleva intervenire perché il Paese era sull'orlo del disastro, questi elementi [cioè il MB] hanno detto che dovrebbe rimanere nel suo palazzo. Mentre le crisi continuavano, il presidente aveva due scelte: dimettersi e affrontare future vessazioni da parte dei rivali che lo accusavano di incompetenza , o intervenire e annunciare il cambiamento necessario.

 

"La dimensione aggiuntiva della [attuale] campagna in Tunisia è [il suo collegamento con] la campagna anti-MB in Medio Oriente - [il MB] è stato sradicato dal Sudan nel 2019 e dall'Egitto nel 2013. Il MB in Tunisia ha avuto un possibilità di governare a lungo, [e il suo regime] è la prova che si tratta di un movimento religioso con un'agenda politica fascista che non trova posto in questa epoca”.

 

(da Memri)

 

 


Aggiungi commento