Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/10/17 ore

ECONOMIA

L'Industria, lo Stato e il Sindacato

Sono passate poche ore dalle dichiarazioni dell'amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne a proposito dell'impossibilità di fare impresa in Italia che è arrivata la risposta del ministro del Lavoro Enrico Giovannini "Ci sono molte imprese che in queste condizioni stanno continuando a investire, a crescere, a creare profitto e posti di lavoro. Questo nonostante le indubbie difficoltà". di Roberto Granese

Durt, il mostriciattolo a 5Stelle col bollino del viceministro Stefano Fassina

Fare per complicare le cose. Sembra essere questa la logica che ha mosso gli artefici del Durt (Documento unico di regolarità tributaria), inserito con un emendamento nel cosiddetto "Decreto del Fare", sul quale ci si sta azzuffando in questi giorni in Parlamento. di Antonio Marulo

Decrescita infelice, la fatica di Sisifo nella “Confusione globale”

2007-2013: sette anni di crisi, sette anni di vacche magre ai quali si spera segua un periodo di vacche grasse. Con questo auspicio biblico Victor Massiah ha introdotto l’incontro dello scorso 20 maggio presso la Residenza di Ripetta, a Roma, in vista del Rapporto 2013 sull’economia globale e l’Italia, realizzato dal centro Einaudi in partnership con Ubi Banca e l’Istituto Affari Internazionali. di Antonio Marulo

Ambiente e profitto, l'approccio sbagliato dei Paesi Ue nel rapporto dell'EEA

Nel rapporto Late lessons from early warnings  l'EEA (l'Agenzia Europea per l'Ambiente) traccia un quadro piuttosto fosco nell'illustrare quanto il Vecchio Continente abbia imparato dalle catastrofi ambientali del recente passato.

Monte Paschi Siena, Grilli apre l’ombrello su Mario Draghi

“A parte ciò, tutto va bene Madama la Marchesa”, recitava il testo di un’antica canzone. Così, il ministro dell’Economia ha fatto il dovuto per informarci che nonostante il caso del Monte dei Paschi di Siena, il sistema è sotto controllo.

Fiat mantiene le “promesse”: investimenti… e Cassa integrazione straordinaria !

Niente paura: la Fiat non ha alcuna intenzione di chiudere altri stabilimenti in Italia, dopo quello siciliano di Termini Imerese e l'Irisbus di Valle Ufita in provincia di Avellino. In più, mantiene ferma la promessa di voler fare nuovi e importanti investimenti. In compenso, e nel frattempo, scarica un po’ di costi sulla collettiva attraverso il ricorso a due anni circa di Cassa integrazione straordinaria.

Eurozona, quel miraggio nel deserto della crisi

"L'economia dell'eurozona è ancora debole, i mesi a venire saranno ancora difficili, i cittadini continuano a sentire l'impatto della crisi e la ripresa ci sarà solo nel 2014": lo ha detto il commissario agli affari economici Olli Rehn, incaricato di turno a spostare l’orizzonte temporale del ritorno alla crescita. di Antonio Marulo

Ici, anche l'Europa grazia la Chiesa

Nonostante la Commissione europea abbia giudicato “illegali” le esenzioni sull'Ici a favore della Chiesa tra il 2006 e il 2011, l'Italia non potrà procedere al recupero del mancato gettito perchè “impossibile”.

Anche la Sanità privata nel mirino della spending review

La spending review colpirà anche la Sanità e lo farà senza distinzione di classe. Il processo di deospedalizzazione prevede, infatti, riduzioni dei posti letto e tagli sia alle strutture pubbliche, sia alle case di cura accreditate. Per intenderci, quelle cliniche private che operano in convenzione con Servizio Sanitario Nazionale.

Caritas, i nuovi poveri di welfare

“Qualsiasi idiota può superare una crisi, è il quotidiano che ti logora”, scriveva Anton Cechov nei suoi 'Quaderni'. Parole che trovano un amaro riscontro nei dati contenuti nel 'Rapporto povertà 2012' della Caritas Italiana: il 33,3% degli italiani, in questi ultimi 3 anni di depressione economica-finanziaria, ha infatti chiesto aiuto ai centri diocesani per bisogni primari come una casa, un lavoro o servizi e beni materiali basilari per andare avanti.

Debito Pubblico, per i Paesi ricchi un ostacolo da Terzo mondo

Come in tempo di guerra, ma senza la guerra. Questa la situazione dei Paesi ricchi, in riferimento al livello del debito pubblico accumulato in rapporto al Pil (110%), secondo quanto emerge dalle parole del direttore esecutivo dell'Fmi Christine Lagarde, pronunciate nel corso dell'assemblea plenaria del Fondo.

Imu, quant'è difficile far pagare la Chiesa

No al regolamento del Tesoro per l'applicazione dell'Imu sugli enti non commerciali, Chiesa inclusa: è quanto ha deciso il Consiglio di Stato secondo cui il decreto in molte parti va oltre le competenze che erano state demandate dalla legge.

Era 'biomediatica': le nuove frontiere della S.V.O.D.

La sigla S.V.O.D sta per 'Subscribe Video on Demand' ed indica letteralmente la possibilità di vendere contenuti video in streaming online mediante abbonamento: un mercato che negli Stati Uniti nel 2012 ha superato il miliardo di dollari, con un aumento del 430% rispetto ai primi sei mesi del 2011.

Lavoro, Ichino: con la sindacalizzazione una Sinistra per "vecchi"

In un incontro organizzato dall’università Luiss Guido Carli dedicato alla questione generazionale in Italia, e più in generale alle sfide che i giovani si trovano ad affrontare nell’attuale sistema lavorativo, è intervenuto il senatore Pietro Ichino, che ha espresso un concetto molto interessante sulla relazione tra l’approccio tradizionale della sinistra con il mercato del lavoro e l’assenza di riforme nel settore. di Ermes Antonucci

La7 in vendita: il “Biscione” fa paura, lo “squalo” Murdoch no

Lunedì 24 settembre scade il termine per la presentazione delle offerte per la vendita di La7, e Mediaset, dopo le polemiche degli ultimi giorni circa uno suo interessamento, ha annunciato il proprio passo indietro. “Non partecipiamo alla gara per La7. Abbiamo ricevuto da Mediobanca l'invito a visionare i dati, ma i numeri hanno sconsigliato la società a impegnarsi con gli asset in vendita del gruppo Telecom. E le condizioni non sono cambiate” ha spiegato il gruppo del Biscione in una nota.