Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/06/17 ore

CRONACA

La toppa disciplinare sul conflitto Robledo-Bruti Liberati alla Procura di Milano

Dovrà trasferirsi a Torino e non potrà più fare il pm, Alfredo Robledo, il procuratore aggiunto protagonista del grave scontro all'interno della procura di Milano con il suo capo Edmondo Bruti Liberati. A deciderlo è stata la sezione disciplinare del Csm, ma non risolvendo l'epocale conflitto tra le toghe milanesi (sul quale si attende ancora, invano, un verdetto), bensì pronunciandosi su un'altra vicenda, che vedeva coinvolto Robledo con l'accusa di aver avuto uno “scambio di favori” con l’avvocato della Lega Nord Domenico Aiello. di Ermes Antonucci

Cucchi, tutti assolti

Tutti assolti, anche i medici per insufficienza di prove. Con questa motivazione la corte d'appello di Roma ha emesso una sentenza che farà molto discutere al processo per la morte di Stefano Cucchi, arrestato il 15 ottobre 2009 per droga e deceduto una settimana dopo nell'ospedale 'Sandro Pertini'.

Napolitano, l’interrogatorio senza la Trattativa

Il Presidente della Repubblica ha reso testimonianza per il processo stato–mafia; si era raccomandato per la trasparenza della sua deposizione (il file è stato subito consegnato al traduttore), ma le notizie sono trapelate lo stesso e Repubblica ha espressamente riferito che le risposte di Napolitano di cui essa riferisce sono state ricostruite attraverso i racconti di tre diverse fonti, che hanno assistito all’audizione. di Silvio Pergameno

I tre dinosauri, la negligenza architettonica di Roma

La città dello spettacolo è stata la recente linea guida architettonica generalmente adottata prima della conclamazione della crisi economica. Edifici di grande richiamo facevano da cartellone pubblicitario per città trasformate in meta di incuriositi spettatori, alimentando una sete turistica visiva e artificiosa, stimolata da un gioco manipolatorio prevalentemente mediatico, adesso drasticamente ridimensionato al punto che di questa vicenda sono rimasti incompiuti gli abbozzi di alcune costruzioni, che ora sono diventate argomenti di tali contese quasi fossero ingombranti "cadaveri eccellenti". di Giovanni Lauricella

Lombardia terra dei nuovi emigranti

“Partono 'e bastimente pe' terre assaje luntane...Cántano a buordo: só' Napulitane!..." Così si cantava una volta, in dedica a chi lasciava il porto di Napoli per cercare fortuna. Gli emigranti erano perlopiù meridionali e la destinazione preferita le Americhe. Oggi, invece, i nuovi emigranti, in continua crescita (nel 2013 sono partiti 94.126 contro i 78.941 del 2012), preferiscono non allontanarsi troppo e ciò che sorprende partono in gran numero dalla Regione più ricca d’Italia.

Se Juventus-Roma conta più dell’articolo 18: ne discuterà il Parlamento

Il gioco del calcio come metafora della vita e specchio riflesso e impietoso della crisi italiana? Seguendo sgomenti le ripercussioni Parlamentari di Juventus-Roma, pare proprio che sia così. Il deputato del Pd Marco Miccoli, nonché – immaginiamo - tifoso romanista, ritiene infatti “che la partita di ieri, trasmessa in tutto il mondo, abbia dato una pessima immagine del Paese".