Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/05/24 ore

CRONACA

É morto Vincenzo Siniscalchi, tra i più grandi penalisti italiani. Il ricordo del suo allievo avv. Fabio Viglione

L’avvocato Siniscalchi è stato il mio maestro. È stato “l’Avvocato”. Se amo la professione lo devo a lui, ai suoi insegnamenti alla fortuna che ho avuto di potergli stare accanto per tanti anni, fin dal periodo della formazione. Tutto ciò che ho appreso lo devo a lui, alla sua straordinaria capacità di trasmettere valori senza mai salire in cattedra... di Fabio Viglione 

É morto il sociologo e accademico Domenico De Masi

Sabato 9 settembre Domenico De Masi, professore emerito di "Sociologia del lavoro", presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" di Roma, è scomparso. Già preside della facoltà di Scienze della comunicazione, è stato un appassionato studioso il cui interesse spaziava su molto campi, anche se la sua principale attenzione era dedicata alla sociologia del lavoro e alle dinamiche che definiscono i criteri delle organizzazioni, dello sviluppo e di conseguenza del sottosviluppo, ai modelli che studiano i sistemi urbani. Ma le sue curiosità spaziavano anche nelle dinamiche del tempo libero - si pensi a “l’ozio creativo” che definiva “unione di lavoro con cui produciamo ricchezza, di studio con cui produciamo sapere e di gioco con cui produciamo allegria”.

 

- Chi nega la felicità. Conversazione di Domenico De Masi con Giuseppe Rippa (Quaderni Radicali TV)

È morta Mary Quant. L’imprenditrice e stilista rivoluzionaria aveva 93 anni

A 93 anni Barbara Mary Quant, si è spenta serenamente, come annunciato dalla famiglia, nella sua abitazione nella contea di Surrey, in Inghilterra, la mattina del 13 aprile. Fu definita dallo scrittore Bernard Levin “l’alta sacerdotessa della moda degli anni Sessanta”. Imprenditrice, stilista, inventrice e simbolo di un’epoca, Mary Quant è conosciuta soprattutto per essere la mamma della minigonna: l’impatto di quest’invenzione, nel mondo della moda, fu paragonato a quello che ebbero i Beatles per la musica pop… di Giulia Anzani

Mare di Furore. Per ricordare Raffaele Ferraioli

Furore è un luogo metafisico, appartiene alla Costiera come la Costiera appartiene a Furore, sembra venir fuori da uno specchio, dalla notte che il giorno nasconde. Lo stesso rapporto del falco e la preda, che è il mare. Vi tornavo spesso, per incontrare un amico, Raffaele Ferraioli, sindaco da molti anni, tanti che la gente si scordava di quel titolo e lo chiamava "sindaco" come fosse il suo nome. Ora ch'è morto mi sembra che il paese si sia come allontanato, spostato da un misterioso vento. Raffaele lo chiamava "il paese che non c’è”… di Rino Mele (da ‘Cronache Salerno’)

L’indegna vicenda del treno Caruso raccontata da Gaetano Bonelli, direttore della Casa-Museo Enrico Caruso di Napoli

È il 2 agosto 2021. Sono trascorsi 100 anni dalla morte del tenore Enrico Caruso. In quest’occasione, Gaetano Bonelli (già direttore del Museo di Napoli - collezione Bonelli) inaugura la Casa-Museo Enrico Caruso nel luogo in cui il tenore nacque e visse la sua prima infanzia. In 45mq sono raccolte le testimonianze e i cimeli che raccontano Caruso a tutto tondo: il bastone da passeggio, lettere, caricature e ritratti, dischi originali, e tanto altro. di Giulia Anzani

Addio a un grande amico, Raffaele Ferraioli, il mitico sindaco di Furore sulla Costiera Amalfitana

Raffaele Ferraioli ci ha lasciato. Come può essere descritta una personalità poliedrica e curiosa, creativa e innovativa, visionaria e empirica come lo è stato Raffaele? In primo luogo era un poeta, una personalità dotata di un grado notevole di immaginazione e di sentimento. Tutt’altro estraneo però alla concretezza pragmatica. Un amministratore nutrito di vera leadership carismatica, sindaco per 39 anni di Furore che da “paese che non c’è” aveva trasformato in un luogo affascinante e intenso, con le multicolori invenzioni che hanno fatto di questo comune dell’alta costiera amalfitana, che scende degradando fino al fiordo che per taluni è una rìa nella quale penetra il mare. di Giuseppe Rippa