Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/06/19 ore

CRONACA

Italiani e Ogm, lo spread della conoscenza

L'opinione degli italiani riguardo alle piante geneticamente modificate è molto meno contaminata da pregiudizi di quanto si sia pensato fino ad oggi, ma c'è bisogno (e desiderio) di una maggiore informazione sull'argomento. Sono questi i due punti fondamentali emersi durante la conferenza “Gli italiani e gli Ogm” organizzata a Roma da Futuragra, l'associazione di agricoltori che si batte per l'introduzione delle biotecnologie in Italia.

Rifiuti, una vergogna tutta italiana

Sui rifiuti il nostro Paese sta dimostrando molta più vicinanza alla sponda opposta del Mediterraneo che non al Continente: la soluzione romana sul "modello Napoli" ne è solo l'ultima, emblematica, dimostrazione. E' vergognoso il sistema rifiuti in Italia, è vergognosa la mentalità corrente, facilona e pressapochista, sono vergognose le amministrazioni incapaci di incardinare un minimo sistema di raccolta differenziata e di riciclo.

Sperimentazione animale, la medicina non è pronta a farne a meno

“E' una legge molto, molto, molto rigorosa, che protegge la salute e rispetta gli animali”. Sono queste le parole con cui il Senatore Ignazio Marino, Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sull'efficacia del Servizio Sanitario Nazionale, ha descritto l'attuale normativa italiana sulla sperimentazione animale durante il congresso 'Perché è ancora necessario sperimentare sugli animali prima che sugli umani' di Roma, organizzato dall'Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano.

Rifiuti a Roma, 'modello Napoli': partono i bastimenti...

Con l'approvazione del bando di gara europeo che permetterà ad Ama di trasferire 350mila tonnellate di rifiuti all'estero nel solo 2013, il disastro gestionale sui rifiuti di Roma è al suo apice storico: nonostante i proclami del sindaco, il quale ha spiegato che "con questi provvedimenti l'emergenza non c'è", è evidente che questa soluzione rappresenta la certificazione del baratro in cui la Regione Lazio ed il Comune di Roma hanno trascinato la città.

Carcere, in prigione anche da morto

Ancora storie dall'inferno carceri. A 10 mesi dalla morte di Tiziano De Paolo, giovane detenuto morto a Regina Coeli per un’overdose, la salma ancora non è stata messa a disposizione della famiglia a cui, per adesso, è stato negato il diritto del “ultimo saluto” al proprio caro.

Rifiuti di Roma, via libera al bando Ama per l'esportazione

Le voci avevano cominciato a circolare già qualche tempo fa, ma solo oggi il Cda di Ama ha dato il via libera al bando di gara europeo per l'esportazione dei rifiuti di Roma Capitale verso paesi terzi: i rifiuti in eccesso (circa 1200 tonnellate su una produzione totale, giornaliera di 1800) potrebbero così essere trasferiti all'estero o in altre regioni italiane per scongiurare eventuali emergenze.