Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/06/24 ore

Ogm, divieto d'accesso in Europa



L'Europa alza bandiera bianca e decide di bloccare il processo di autorizzazione della messa in coltura di nuovi prodotti OGM sul territorio dell'UE fino alla metà del 2014, periodo in cui la Commissione Europea concluderà il proprio mandato.

 

Braccia alzate, dunque, di fronte all'ostruzionismo decisionale messo in atto da alcuni Stati membri e alla conseguente impossibilità di varare un regolamento in materia che raggiunga una maggioranza qualificata di Paesi tale da consentire o vietare l'introduzione di nuove colture OGM.

 

L'ennesimo fallimento comunitario nel conseguimento di un obiettivo fortemente osteggiato soprattuto dagli 8 Stati membri dell'Unione (Francia, Germania, Lussemburgo, Polonia, Austria, Bulgaria, Grecia e Ungheria) che dall'inizio dell'anno hanno adottato delle clausole di salvaguardia per proibire la coltivazione di Organismi Geneticamente Modificati sul proprio territorio.

 

In 14 anni in Europa hanno ottenuto semaforo verse due sole colture OGM: la patata Amflora (Basf) e il mais Monsanto Mon810. Per quest'ultimo si era già ottenuta l'autorizzazione che necessitava adesso di un rinnovo: il tutto verrà invece congelato in attesa che i Paesi membri si accordino tra di loro.

 

In realtà, secondo il regolamento europeo, se le capitali non raggiungono una maggioranza in grado di decidere, la Commissione ha facoltà di procedere sulla base del parere scientifico dell'Efma (agenzia alimentare).

 

Ma, come spiegato da Frederic Vincent, portavoce del commissario europeo alla Salute Tonio Borg, per il prossimo anno e mezzo almeno “la Commissione non intende proporre agli Stati membri di adottare nuove varietà di OGM destinate alle colture in campo fino a quando non ci sarà una decisione del Consiglio Ue sulla proposta avanzata dall’esecutivo per regolamentare la coltura di Ogm in Europa”. Come dire, smettete di fare capricci o a letto senza cena (ogm o bio che sia). (red)


Aggiungi commento