Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/04/17 ore

Le Brevi

Bielorussia, condanna a morte per duplice omicidio

Pavel Selyun, 23 anni, era stato condannato a morte per duplice omicidio lo scorso mese di giugno e la sentenza è stata confermata dalla Corte Suprema che ha esaminato l’appello, ha detto la portavoce della Corte, Maria Lappo. Selyun è stato arrestato nell'agosto 2012 su un treno, mentre lasciava la città di Grodno portando con sé la testa dell’uomo che aveva ucciso, chiusa in una borsa.

Burqa, il Canton Ticino dice no

No al burqa. E' quanto hanno deciso gli elettori del Canton Ticino, che, indetto il referendum, hanno votato a favore della norma che vieta la dissimulazione del volto in pubblico. Il provvedimento, approvato con il 65,4% dei voti, verrà iscritto nella Costituzione del cantone italofono, prima realtà svizzera chiamata a esprimersi in merito al velo integrale.

Siria, l'Onu ha le prove sul gas Sarin

"I reperti chimici, medici e ambientali che sono stati rinvenuti forniscono prove chiare ed evidenti: l'agente nervino sarin è stato usato..."

Egitto, bacio velato fa il giro del mondo

Una foto che mostra una coppia di giovani che si bacia in strada in un Paese arabo sta facendo il giro del mondo dopo essere stata postata sul sito di Facebook di un egiziano, tale Ahmed ElGohary, con l'apparente intento di diffondere un'immagine di "rottura" difficilmente accettabile nel mondo islamico.

GB, il giudice le intima 'giù il velo'

Un giudice nel Regno Unito ha ordinato a una britannica convertita all'Islam di togliere il velo quando dovrà testimoniare nel corso del suo processo per intimidazione.

Nozze gay, i primi sì della Nuova Zelanda

“Enormi felicitazioni alle coppie che si sono scambiate oggi le fedi nuziali. L'uguaglianza nel matrimonio è arrivata finalmente in Nuova Zelanda”. Così Conrad Reyners, dell'associazione Campagna per l'uguaglianza nel matrimonio, ha salutato la celebrazione delle prime nozze omosessuali nel Paese dell'Asia Pacifica, il quattordicesimo al mondo ad avere autorizzato il “sì” tra persone dello stesso sesso.

Egitto, scontri al Cairo: è stato d'emergenza

124: sarebbe questo il numero dei manifestanti rimasti uccisi al Cairo durante lo sgombero da parte dell'esercito dei sit-in pro Morsi. Tra i morti ci sarebbero anche due reporter: il 59enne Mick Deane di Sky News e la 26enne Habiba Ahmed Abd Elaziz, di Xpress.

Marijuana legale in Uruguay, il sì della Camera

La Camera dei deputati dell'Uruguay ha approvato la legalizzazione della marijuana, provvedimento che dovrà ora essere ratificato dal Senato. 50 sono stati i voti favorevoli su 96, dopo 14 ore di dibattito e grazie ai voti del Frente Amplio (coalizione governativa di sinistra), che detiene la maggioranza anche in Senato.

Pussy Riot, niente libertà vigilata per la leader Nadia

Un tribunale russo ha respinto la richiesta di scarcerazione di Nadia Tolokonnikova, leader del gruppo ''Pussy Riot'', arrestata in seguito alla ''preghiera punk'' anti Putin, avvenuta lo scorso anno nella cattedrale ortodossa di Cristo Salvatore a Mosca.

Stupro di gruppo, Consulta: no al carcere preventivo obbligatorio

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 275 comma 3 del Codice di procedura penale, nella parte che prevede l’obbligatorietà della custodia cautelare in carcere per chi è accusato di violenza sessuale di gruppo, anche se esistono gravi indizi di colpevolezza: occorre cioè valutare caso per caso e se possibile, applicare misure alternative secondo il criterio del “minore sacrificio necessario”.

Russia, Navalny è stato scarcerato

Alexei Navalny è stato scarcerato in via provvisoria a condizione che non lasci Mosca, un giorno dopo essere stato condannato a cinque anni di carcere per appropriazione indebita.