Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/04/17 ore

Le Brevi

In Egitto col kalashnikov, Putin dona simboli di pace ad Al Sisi

Un kalashnikov Ak-47 è stato donato dal presidente russo Vladimir Putin a quello egiziano Abdel Fattah al Sisi durante la sua visita al Cairo. Un sito egiziano riporta la foto di Putin che estrae il fucile mitragliatore da un contenitore grigio sotto gli occhi dell'ex-generale Sisi con un accenno di sorriso. Nel riportarlo il sito egiziano Egypt Independent cita l'agenzia statale russa Russia Today. (fonte Ansa)

Niente selfie, siamo iraniani

I giocatori della nazionale di calcio dell’Iran, impegnati in Australia nella Coppa d'Asia, non potranno più farsi dei 'selfie' con le tifose, altrimenti rischiano di essere rispediti a casa, ma anche altre punizioni. 

Arabia Saudita, la fatwa contro i pupazzi di neve

In Arabia Saudita nevica. Fatto insolito che può sollevare questioni religiosi in merito al fatto se sia lecito fare un pupazzo di neve. La cosa ha scomodato un influente teologo della penisola arabica, tale Mohammad Saleh Al Minjed, che ha emesso in proposito la fatwa, un editto religioso.

Pena di morte, la Giordania interrompe moratoria di fatto

È tra i paesi che prevede la pena di morte, anche se per otto anni non si sono eseguite condanne: una moratoria di fatto, interrotta purtroppo ieri dalla Giordania con 11 impiccagioni al sorgere del sole.

Sciopero Generale, la donna del ponte ha detto sì

È tradizione che gli scioperi in generale, ma nel particolare anche quello Generale, indetti dai grandi sindacati, cadano sempre subito prima – di venerdì – o immediatamente dopo il week end - di lunedì. I maligni hanno sempre detto che trattasi di scelta tecnica ponderata con un bel ponte, per invogliare magari alla partecipazione utile e dilettevole all’evento di protesta. Anche per il prossimo sciopero generale, la Cigl non ha voluto rinunciare a quella che nel tempo è diventata prassi consolidata.

Alitalia, Montezemolo spicca il volo

Un uomo per tutte le stagioni…e per tutti i mezzi di trasporto. Così Luca Cordero di Montenzemolo, dopo le gomme con Fiat-Ferrari e le rotaie con Italo treno, mette le ali e vola con Alitalia. Il cda della compagnia ha infatti individuato l’ormai ex presidente di molte cose come presidente designato della nuova Alitalia.

Marijuana, l’assoluzione stupefacente di un “coltivatore diretto”

Come per l’America che estende in molti stati la legalizzazione della marijuana anche in Italia può anche succedere di poter coltivare la piantina proibita senza incorrere in sanzioni. Anche se le motivazioni sono diverse, come si evince dall’esito di un processo ai danni di un coltivatore diretto al primo piano di una abitazione a Samassi, a 40 km da Cagliari.

Eutanasia, Brittany Maynard ha messo fine alla sua vita

Brittany Maynard, la ragazza americana 29/enne colpita da un cancro in fase terminale, che aveva annunciato in un video di voler mettere fine alla sua vita il 1° novembre, ha messo in atto la sua ultima volontà.

“Nozze gay” sul Nilo, in carcere per un video

«Incitamento alla dissolutezza» e «pubblicazione di immagini indecenti», con questa accusa erano stati arrestati a settembre; poi in sede di processo sono stati condannati da un tribunale del Cairo a tre anni di carcere, ma solo per aver postato su facebook il video di un presunto “matrimonio gay”. Questa assurda sorte è toccata a otto ragazzi egiziani.

Iran, carcere per la ragazza della pallavolo

E' stata condannata a un anno di reclusione Ghoncheh Ghavami, la giovane britannica di origine iraniana sotto processo in Iran per aver cercato di assistere a una partita di pallavolo maschile a giugno. Lo ha reso noto il suo avvocato.

Commessi-robot, i lavori che non esisteranno più

In un recente convegno sugli obiettivi di Europa 2020 l'ex ministro del Lavoro nel governo Letta, Enrico Giovannini sottolineava il fatto che il 40% delle tipologie di lavoro di oggi fra 15 anni non esisteranno più. Chissà se fra questi includeva anche quello dei commessi di negozio, anch'esso minacciato – oltre che dal faidate dei supermercati - dalla robotizzazione spinta, come dimostrerebbe la notizia - riportata dall'Ansa - che per gli acquisti natalizi la catena Usa di grandi negozi di ferramenta Lowe's ha deciso di impiegare due robot al posto dei tradizionali lavoratori cosiddetti stagionali.