Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

15/10/19 ore

Bielorussia, condanna a morte per duplice omicidio



Pavel Selyun, 23 anni, era stato condannato a morte per duplice omicidio lo scorso mese di giugno e la sentenza è stata confermata dalla Corte Suprema che ha esaminato l’appello, ha detto la portavoce della Corte, Maria Lappo. Selyun è stato arrestato nell'agosto 2012 su un treno, mentre lasciava la città di Grodno portando con sé la testa dell’uomo che aveva ucciso, chiusa in una borsa.

 

Due giorni prima aveva ucciso in città l'uomo insieme a sua moglie, probabilmente geloso per la loro relazione. La polizia disse che Selyun, così come le sue due vittime, erano satanisti. Selyun è stato riconosciuto colpevole di omicidio, vilipendio di cadavere e furto.

 

La Bielorussia è l'unico paese in Europa a mantenere la pena di morte, praticata con un colpo d’arma da fuoco alla nuca del condannato. Il presidente Alexander Lukashenko ha concesso la grazia a un solo detenuto nel braccio della morte negli ultimi 20 anni, nel 1999. Quella di Selyun è la quarta condanna capitale nota di quest'anno in Bielorussia. (fonte Nessuno tocchi Caino)


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna