Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/10/17 ore

RASSEGNA WEB

Non uccidiamo la speranza del popolo siriano

La risposta globale alla crisi siriana non sta funzionando. Per quasi cinque anni ormai, altro non abbiamo fatto che tamponare una ferita aperta con della carta velina. La ferita sta peggiorando, con il rischio di rovinare il futuro di intere generazioni e dare inizio a decenni d’instabilità.La risposta globale alla crisi siriana non sta funzionando. Per quasi cinque anni ormai, altro non abbiamo fatto che tamponare una ferita aperta con della carta velina. La ferita sta peggiorando, con il rischio di rovinare il futuro di intere generazioni e dare inizio a decenni d’instabilità. di Emma Bonino (dal corriere.it)

Scontro Italia-Ue. Il complesso di Calimero e la demonizzazione della Germania

L’attacco frontale di Matteo Renzi all’Unione europea, Ue, solleva almeno tre interrogativi. Innanzitutto i temi e i toni. Tentare di politicizzare i contenziosi sugli aiuti di stato è sempre controproducente, trattandosi di materie su cui il giudizio finale non spetta ai governi ma alla Corte di Giustizia. Su diversi altri temi l’Italia ha le sue ragioni, ma si tratta di materie su cui la discussione è aperta e dove abbiamo già ottenuto in parte soddisfazione. di Riccardo Perissich (da Affari Internazionali.it)

Utero in affitto, Bonino risponde ad Alfano: "La famiglia non si difende con carabinieri e galera"

La radicale Emma Bonino reagisce così alle dichiarazioni di Angelino Alfano sul giornale dei vescovi, l`Avvenire, dove il ministro dell`Interno dice: "La stepchild adoption rischia di portare il Paese verso l`utero in affitto, verso il mercimonio più ripugnante che l`uomo abbia saputo inventare. Vogliamo che l`utero in affitto diventi un reato universale. E che venga punito con il carcere, come i reati sessuali". (dal Fatto Quotidiano)

Re Magi donna a Madrid, l’offensiva dei troppo «corretti »

La Spagna, che (sia detto per inciso) non è ancora riuscita a darsi un governo, tra due giorni sarà politicamente compensata da una straordinaria novità. La sindaca di Madrid, Manuela Carmena, eletta a maggio con l’appoggio di Podemos - reduce dall’aver vinto battaglie per il ridimensionamento del presepe nel Palacio de Cibeles e per la celebrazione del Natale multietnico con tamburi africani, poesia serba e musica palestinese - ha ottenuto che la sera del 5 gennaio debuttino i Re Magi donna. di Paolo Mieli (dal corriere.it)

Cinque Stelle, epurazione continua?

Oramai è un’ossessione compulsiva: tagliare, espellere, cacciare, amputare. Una specie di rito di purificazione da osservare con puntuale meticolosità, come se la mistica della purezza non potesse fare a meno di indicare la figura del reprobo come minaccia per la setta. di Pierluigi Battista (da Corriere della Sera 29 dicembre 2015)

Spagna: Adios bipartitismo

Una luna di miele giunta al termine. È quella che ha regnato dai primi anni Ottanta del Novecento in una Spagna stabilmente bipartitica dove due partiti si sono alternati al potere, i conservatori del Pp (partito popolare) e i socialisti del Psoe (partito socialista operaio spagnolo). Dopo il voto del 20 dicembre non è più così. di Marco Calamai (da Affari Internazionali)

Utero in affitto: Bonino, contro gli abusi la via maestra delle regole

Portare avanti una maternità per conto di un`altra persona è certamente questione dì massima delicatezza, che si presta anche a forme di abusi. Ma è proprio per questo che servirebbero buone regole, capaci di distinguere nettamente tra azioni ispirate da solidarietà e consapevolezza e atti di sfruttamento criminale... di Emma Bonino (dal Corriere della Sera)

Pena di morte, la barbarie dell’Arabia Saudita e il silenzio dell’Italia

Siamo contro la pena di morte, ovunque. Per l’Europa l’abolizione della pena di morte non è soltanto un requisito per l’adesione all’Unione, ma addirittura un tratto identitario, una componente essenziale dei propri principi. E l’Italia, con una coerenza che ci fa onore, esercita da anni, soprattutto in ambito Nazioni Unite, una forte leadership nella battaglia per la moratoria delle esecuzioni in un’ottica esplicitamente abolizionista. di Roberto Toscano (da lastampa.it)

L’allarme degli avvocati penalisti: “Mortificato il diritto alla difesa”

Lo sciopero degli avvocati penalisti indetto dall’Unione delle Camere Penali proseguirà per altri due giorni (fino al 4 dicembre), ma nel frattempo gli organizzatori della protesta si sono riuniti a Roma in una manifestazione nazionale «per la tutela dei principi del giusto ed equo processo», ribadendo le ragioni della loro mobilitazione. Stop alla spettacolarizzazione dei processi, all’abuso dello strumento del «processo a distanza» (art. 146 bis c.p.p.) ed alla demonizzazione dell’istituto della prescrizione: queste le parole d’ordine dei penalisti riunitisi oggi alla Residenza di Ripetta. di Ermes Antonucci

La nuova frontiera dell’impegno politico nell’alt(r)a Costiera

Grazie alle ricerche condotte dal grande pedagogista brasiliano Paulo Freire, è stato di recente introdotto nel nostro linguaggio quotidiano il neologismo "coscientizzazione". Un termine non bello da pronunciare ma quanto mai efficace per definire il bisogno/valore di avviare nelle terre alte della Costa d'Amalfi un processo che conduca i nostri amministrati alla consapevolezza di se stessi, del proprio ruolo e della realtà che li circonda. di Raffaele Ferraioli (Sindaco di Furore)

Quell'addio a Valeria nella terra di nessuno

La gondola scivolava mesta ed è approdata a San Marco, con il corpo di Valeria, che fu bella, nella bara chiara. C'era l'Italia in quella piazza circondata in alto da croci, sulle cupole e sul campanile, ma la croce non è mai comparsa giù in basso, non è mai stato pronunciato nei microfoni il nome di Cristo. di Renato Farina (il giornale.it)