Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/12/19 ore

RASSEGNA WEB

Il magistrato non combatte le ingiustizie

L’altro giorno, alla presentazione del “Bilancio di responsabilità sociale 2018 degli uffici giudiziari milanesi”, il capo della Procura della Repubblica di Milano, Francesco Greco, ha detto che il suo ufficio è impegnato a combattere il “circolo vizioso” determinato dalla corruzione internazionale, una pratica “che ha sostenuto regimi corrotti e dittatoriali”e “che incide direttamente o indirettamente sulla popolazione dei Paesi coinvolti”. di Iuri Maria Prado (da Il Dubbio)

Maggioranza senza futuro

Non è la prima volta che un governo di coalizione boccheggia davanti agli scogli della legge di bilancio, come insegna la storia della Prima e un po’ anche della cosiddetta Seconda Repubblica. E non è la prima volta che le settimane di fine anno si annunciano tormentate, quando il testo del faticoso compromesso (ieri sera in alto mare) arriverà in Parlamento. Tuttavia è la prima volta che un esecutivo appena nato — meno di due mesi fa — risulta essere così sfilacciato, privo di qualsiasi collante politico, non diciamo di un’idea condivisa del futuro. di Stefano Folli (da La Repubblica)

Travestite da notizie

Oggi mi chiedevo – per l’ennesima volta – come mai, sempre più spesso, il peggio della comunicazione social trovi ospitalità sui grandi siti web editoriali. I quali, anche per questa ragione, sono ormai diventati un ricettacolo di pettegolezzi e notizie irrilevanti aggiornato 24 ore al giorno. di Massimo Mantellini (da ilpost.it

Governo, un programma così generico che sembra un oroscopo

Quando, nell'omonimo racconto di Voltaire, il padre della principessa di Babilonia si rivolge all'Oracolo per conoscere il suo futuro, l'Oracolo risponde: «mélange de tout», «vita e morte, infedeltà e costanza, perdita e guadagno, felicità e disgrazie». È più o meno quello che leggiamo nei nostri oroscopi e, cosa assai più grave, nella bozza programmatica del nuovo governo. di Carlo Nordio (da Il Mattino)

Grillo elevato? Dove? De che? È passato il senso del ridicolo … di Marco Benedetto

Davanti all’ultimo delirio di Beppe Grillo, cosa avrebbe fatto un genovese di una volta? Avrebbe telefonato a una Croce Bianca, Verde, Azzurra che offrono assistenza e ambulanza da vari punti della Riviera che circonda Sant’Ilario. E avrebbero chiesto ai portantini di chiuderlo in luogo sicuro. di Marco Benedetto (da Blitz quotidiano)

L’economista Clyde Prestowitz: “Hong Kong non è una questione di mercati. È un conflitto tra democrazia e dittatura”

«Quanto sta accadendo ad Hong Kong è parte di un conflitto molto più ampio tra democrazia e chi nega di fatto lo stato di diritto ovvero Pechino». A dirlo è Clyde Prestowitz fondatore del Economic Strategy Institute e super consigliere del segretario al Commercio durante l’amministrazione di Ronald Reagan. intervista di Francesco Semprini (da La Stampa)

Carlo Nordio. Durata dei processi / Rischiamo un altro passo verso l’inciviltà giuridica

Quando, lo scorso gennaio, fu modificata la disciplina della prescrizione, il Governo promise che il suo effetto sarebbe stato differito all’inizio del 2020, unitamente alla più generale riforma della Giustizia e del processo penale. Questo perché la sospensione della prescrizione dopo la sentenza di primo grado, lungi dall’abbreviare la durata dei giudizi, ne avrebbe allungato a dismisura la pendenza, con grave danno soprattutto delle vittime in attesa di risarcimento: cosicché, con un processo più rapido, il problema si sarebbe risolto da sé. Ora il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha messo, per così dire, le carte in tavola, e tutti si sono accorti che anche se non sono carte truccate, sono quantomeno scombinate. di Carlo Nordio (da Il Messaggero)

Ambientalismo in Italia e in Europa. Cosa c’è che non va nella politica verde

Perché solo i verdi italiani, a differenza dei colleghi europei, non hanno registrato un successo alle elezioni europee nonostante il loro messaggio elettorale abbia coinciso con quattro mesi di piazze colme degli studenti dei Fridays for future e, soprattutto, con la loro celebrazione mediatica? Gran parte degli osservatori intervenuti sul quotidiano La Repubblica convergono su un giudizio critico sui verdi italiani che sarebbero troppo fondamentalisti, direbbero troppi no, incapaci di quel pragmatismo che consente ai loro colleghi tedeschi di diventare il partito più votato in patria... di Rosa Filippini (da l'Astrolabio giornale on line degli Amici della Terra Italia)

Venezuela. Parla l’ex sindaco metropolitano di Caracas Antonio Ledezma: "Maduro è ora in ostaggio della terrificante nomenclatura cubana”

Antonio Ledezma era sindaco metropolitano di Caracas. Più tardi, fu un prigioniero politico, torturato ma non deposto legalmente ... fino a quando non vinse un'elezione con lui impossibilitato a partecipare alle elezioni. Fu tenuto prigioniero, poi nella sua casa fino a quando non è riuscito a sfuggire al servizio Bolivariana Intelligence (Sebin), la Polizia di Stato, alla Guardia Nazionale, ai gruppi militari armati. Nascosto nel bagagliaio di una macchina, lasciò la sua casa e andò in Colombia all'alba, facendo l'occhiolino a un agente di frontiera. Ospitato dal governo di Bogotà, ha preso il primo aereo per Madrid. di Alberto  D. Prieto  @ADPrietoPYC (da El Españoll)

Gli abusi del potere

Qualche quotidiano segnala oggi come rilevante un post piuttosto ubriaco a congiunta firma di Carlo Freccero e Alessandro Di Battista, sul blog di Beppe Grillo, post che sono andato a guardare: lo rivelo con qualche imbarazzo sul modo in cui impiego il tempo. È che mi aveva incuriosito il fatto che per parlare di Julian Assange i due autori citassero molto il suo impegno contro “il potere”… di Luca Sofri (da Il Post)

Diego Fusaro, il filosofo candidato a Gioia Tauro. Padiglione Italia di Aldo Grasso

Sulla tomba di Karl Marx c’è questo epitaffio: «I filosofi si sono limitati a interpretare in modi diversi il mondo; si tratta ora di trasformarlo». Il filosofo Diego Fusaro, marxista immaginario, teorico di un pensiero che mescola «valori di destra e idee di sinistra», Gramsci e CasaPound, vuol diventare sindaco di Gioia Tauro: dalla turboteoria alla turboprassi. di Aldo Grasso (corriere.it)