Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/03/20 ore

Wuhan. Fang Fang: Ringraziare il governo cinese per aver controllato il virus? No, dovrebbero essere loro a ringraziarci



di Fang Fang da Caixin (*)

 

Fang Fang, pseudonimo di Wang Fang, poetessa e autrice televisiva cinese, ha pubblicato un blog,  sul sito in lingua cinese di Caixin (una delle fonti indipendenti e più autorevoli all’interno della Cina sulla questione del coronavirus), così come   scrive la newsletter del PRNTT,  in cui attacca “l’arroganza” dei principali funzionari governativi nella città centrale di Wuhan, dopo il loro annuncio di organizzare una cosiddetta “educazione alla gratitudine” per assicurare che i residenti locali ringrazino adeguatamente il Partito comunista per il controllo dell’epidemia del coronavirus che, secondo i dati ufficiali, finora ha ucciso quasi 2.500 persone nella città.

 

L’articolo di Fang sostiene che piuttosto di sollecitare le lodi dai cittadini, i funzionari cinesi dovrebbero ringraziare gli operatori sanitari del paese, i pazienti malati e le famiglie in lutto per il loro sacrificio, la loro moderazione e cooperazione in mezzo a una grave tragedia umana. 

 

Traduzione parziale dell’articolo di Fang 

 

Che giornata splendida, luminosa. L’epidemia si sta concludendo e il contributo di tutti merita delle lodi. Su Internet, un numero crescente di persone chiede la graduale revoca dei blocchi in tutta la città.

 

Molti ospedali di Wuhan hanno già iniziato a riprendere i normali servizi di degenza. Molte persone con altre patologie sono morte durante l’epidemia, non avendo potuto ricevere le cure di cui avevano bisogno. L’epidemia ha causato questo tipo di catastrofi collaterali. Soltanto nel nostro palazzo, due anziani sono morti così. Se avessero avuto accesso alle normali cure mediche, forse non sarebbero morti ora. Un altro problema enorme è il numero di persone che ora devono affrontare gravi difficoltà finanziarie, senza mezzi di sussistenza o mezzi per prendersi cura delle loro famiglie. 

 

Durante una chiacchierata con un ex compagno di classe, la conversazione si è rivolta a come le persone organizzano i funerali e le cremazioni per i morti. Successivamente, ho contattato uno psicologo per chiedere come il popolo di Wuhan dovesse gestire la sua prossima sfida, vale a dire le migliaia di famiglie che cercheranno di organizzare le sepolture dei loro cari allo stesso tempo. In che modo la città dovrebbe superare questi giorni, gestendo ancora più traumi collettivi?

 

Lo psicologo ha affermato che, poiché la malattia è contagiosa, i becchini della città hanno rinviato le cerimonie di cremazione e conservato le ceneri dei defunti fino alla fine dell’epidemia. Solo allora chiameranno i parenti, consentiranno loro di venire a raccogliere e ceneri, e organizzare le cerimonie funebri. Suppongo che il governo dovrà aiutare a organizzare la raccolta delle ceneri di così tante migliaia di persone. 

 

Poiché questa calamità è causata dall’uomo, le persone devono essere i grado di esprimere il loro dolore prima di poterlo superare. Senza questa esternazione, sarà difficile andare avanti. Quando così tante famiglie hanno perso i propri cari, ognuno deve cercare le proprie reti di supporto. Le famiglie vulnerabili hanno bisogno di un aiuto sostanziale da parte del governo e della società; gli psicologi da soli non riescono a gestire tutto ciò. 

 

Un altro mio amico che comprende in qualche modo la natura del trauma psicologico ha affermato che le questioni veramente seri emergeranno solo quando il pubblico supererà la modalità di “risposta di emergenza”. Quando avrà fine l’epidemia, molte persone sperimenteranno periodi di disturbo post-traumatico da stress (PTSD). 

 

Molte famiglie in lutto non hanno solo perso i loro cari in circostanze improvvise e inaspettate, ma non sono neanche state in grado di stare al loro capezzale o di salutarli durante i loro ultimi giorni. Indipendentemente da come si trattano queste ferite, lasceranno delle cicatrici, e quindi prevedo che molte persone soffriranno di PTSD. Alcune persone doppiamente traumatizzate contrarranno anche il virus, condannandole a ripetere le stesse esperienze negative come un incubo ricorrente. Alcuni si intorpidiranno nel tentativo di evitare di provare dolore; altri ne diventeranno ipersensibili. 

 

Spero che l’epidemia finisca presto, ma temo il giorno in cui migliaia di famiglie di Wuhan provano a seppellire i loro morti. Non so se altri psicologi possano suggerire modi preziosi e fattibili per aiutare le famiglie dei defunti, e tutte le persone a Wuhan, a superare più facilmente questo ostacolo. 

 

Una parola di frequente ricorrenza nelle conversazioni in questi giorni è “gratitudine”. Funzionari di alto livello a Wuhan chiedono che la gente dimostri di essere grata al Partito Comunista e al paese. Trovo questo modo di pensare molto strano. Il nostro governo dovrebbe essere un governo popolare; esiste solo per servire il popolo. I funzionari del governo lavorano per noi, non viceversa. Non capisco perché i nostri leader sembrano trarre esattamente la conclusione opposta.

 

Come ha detto il professor Feng Tianyu dell’Università di Wuhan: “Quando si tratta di esprimere gratitudine, non invertire mai il rapporto delle persone con i loro sovrani”. Feng continua dicendo che non dobbiamo cercare oltre Marx per una critica su come una visione dei sovrani come benefattori esige che il popolo si prostri in omaggi. Nel 1875, Marx scrisse nella sua “Critica al programma Gotha” che detestava la socialdemocrazia nazionale di Ferdinand Lassalle, e che la gente aveva bisogna di educarsi seriamente sull’idea della nazione.

 

Dato il rispetto che Feng comanda a Wuhan e nella provincia circostante di Hubei, possiamo tranquillamente supporre che il gruppo di leader in arrivo presterà ascolto alle sue parole? Sì, dobbiamo essere sinceramente grati che l’epidemia sia sostanzialmente sotto controllo. Ma quelli che dovrebbero alzarsi e mostrare gratitudine sono quelli al governo. 

 

Il governo deve esprimere la propria gratitudine alle migliaia di famiglie che hanno visto morire i loro cari nell’epidemia. Nel mezzo di questo disastro inaspettato, che li ha lasciati neanche con la minima possibilità di dare ai loro parenti defunti un funerale adeguato, hanno sopportato un grande dolore e esercitato ammirevole moderazione. Quasi nessuno ha fatto storie.

 

Il governo deve ringraziare gli oltre 5.000 malati gravi che giacciono ancora negli ospedali, chiusi in un’aspra lotta con la morte. La loro tenacia e persistenza hanno impedito all’elenco dei morti di allungarsi più rapidamente. 

 

Il governo deve ringraziare tutte le 40.000 persone del personale medico, sia i locali che quelli arrivati da altre parti della Cina, per aver strappato vita dopo vita dalle grinfie della morte a grande rischio personale.

 

Il governo deve ringraziare gli organizzatori, i lavoratori e i volontari che si sono precipitati per ogni strada e vicolo durante la quarantena. Senza di loro, questa città non sarebbe stata in grado di funzionare.

 

E il governo deve essere soprattutto molto grato ai 9 milioni di cittadini di Wuhan, che sono rimasti al chiuso e non si sono mai avventurati fuori. Senza la loro disponibilità a superare gravi difficoltà e cooperare con le autorità, non saremmo mai stati in grado di controllare l’epidemia. 

 

Ora che abbiamo raggiunto questo stadio, nessuna parola può descrivere adeguatamente i sacrifici del popolo di Wuhan. Dico al governo: devi frenare la tua arroganza e offrire umilmente grazie ai tuoi padroni – in questo caso, le milioni di persone di Wuhan.

 

Ora è il momento migliore per riflettere su ciò che è accaduto e indagare su chi è responsabile. 

 

Un governo sensibile e coscienzioso che comprende il desiderio di conforto della sua gente istituirebbe rapidamente un gruppo investigativo e inizierebbe immediatamente una ricostruzione dettagliata dell’epidemia dall’inizio alla fine, al fine di scoprire chi ha perso le possibilità di fermarlo prima, chi ha deciso di nascondere la verità dal pubblico, chi l’ha coperto per salvare la propria faccia e chi ha deciso che la vita delle persone era secondaria alla correttezza politica. Quante persone hanno contribuito a creare questo disastro? Le persone devono sapere, al più presto, chi si assumerà la responsabilità.

 

Allo stesso tempo, il governo dovrebbe anche sollecitare i dirigenti chiave, i responsabili della propaganda e della salute, nonché i lavoratori dei media e i funzionari degli ospedali con un gran numero di morti, a fare immediatamente un esame di coscienza e a dimettersi volontariamente dalle loro cariche se hanno ingannato il pubblico o causato vittime inutili. La legge deciderà se le loro azioni costituiscono un reato.

 

Eppure la mia impressione è che pochi funzionari del governo cinese riflettano sui loro misfatti, e tanto meno si dimettano volontariamente a causa loro. In tal caso, forse il minimo che il pubblico possa fare sarebbe scrivere una petizione per sollecitare le dimissioni di funzionari che considerano la politica come la loro linfa vitale ma trattano la vita delle persone come sporcizia. Come possono quelli con il sangue sulle mani continuare a puntare il dito contro la gente di Wuhan e Hubei?

 

Supponiamo invece che 10 o 20 funzionari consegnano volontariamente le loro dimissioni; ciò non dimostrerebbe che il nostro attuale gruppo di funzionari ha ancora qualche briciolo di coscienza?

 

Questa sera ho ricevuto un messaggio da un noto autore. Dice qualcosa di molto profondo: “Chi poteva aspettarsi che un’altra catastrofe avrebbe colpito Wuhan?” Nel futuro, quella meravigliosa parola, “gratitudine”, diventerà imbronciata e sporca? E nel presente, diventerà una parola politicamente troppo sensibile per il dibattito pubblico?

 

*  da Caixin (traduzione da newsletter Partito Radicale)

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna