Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/07/19 ore

ESTERI

Amnistia in Birmania, il regime perdona ma non convince

In coincidenza del viaggio negli Usa della leader dell’ opposizione birmana e premio nobel per la pace, Aung San Suu Kyi, e a pochi giorni dall’incontro su suolo americano del nuovo Presidente Birmano, Thein Sein, con i vertici di Stato Usa, previsto per il 24 settembre, la tv di Stato del Myanmar ha diffuso la notizia di una nuova amnistia prevista per 500 persone imprigionate nelle carceri del Mynmar, tra cui 80 condannati per reati di opinione.

Catalogna, la giornata dell'orgoglio

L’11 settembre è stato scelto, tanto tempo fa, per celebrare l’orgoglio e l’autonomia culturale del popolo catalano. Molti anni dopo (11.09.12), oltre 1milione e mezzo di persone (secondo il quotidiano spagnolo El Pais) sono scese nelle piazze tra le assolate strade antistanti le curiose case gaudiane, per ricordare al proprio governo e all’Europa intera, che l’identità di un popolo ha confini molto più profondi nel cuore che in limiti geograficamente ascritti e ribadire come prima, più di prima, che la regione catalana esiste e vuole “essere” per diritto di nascita.

Libia, Usa sotto attacco. Al Qaeda rivendica

“Innocence of Muslim”. Sarebbe questo il titolo del film, realizzato da un israelo-americano, Sam Bacile, e sostenuto dal pastore americano Terry Jones, famoso per aver bruciato in passato alcune copie del Corano, che inizialmente è stato considerato all'origine delle violenze esplose questa notte in Libia.

Miliziani armati, intorno alle 21.40 di ieri, hanno attaccato il consolato americano di Bengasi per denunciare la pellicola ritenuta offensiva per l'Islam e contro cui poche ore prima, al Cairo, altri manifestanti avevano protestato cercando di scalare i muri dell'ambasciata Usa e bruciando la bandiera americana.

Dagli Usa all'Afghanistan: il 'passaggio di proprietà' del carcere di Bagram

Il 10 settembre è stato formalizzato il passaggio di gestione del carcere di Bagram, a 40 km a nord di Kabul, dall’esercito statunitense al governo afgano. Il Parwan Detention Centre (noto come carcere di Bagram), ospita oltre 3000 talebani sospettati di terrorismo.

Cina, la 'tratta' degli stagisti alla Foxconn

Alla vigilia della presentazione dell’ultimo gioiellino della Apple, l’ IPhone 5, prevista per il 12 settembre prossimo, si rinnovano le polemiche sui modelli lavorativi utilizzati dalla Foxconn, azienda taiwanese che produce componenti elettronici per il colosso statunitense utilizzando forza lavoro cinese.

L’Arcivescovo Tutu sulla linea di Pannella su come iniziò la seconda guerra in Iraq

Le parole pronunciate nei giorni scorsi dell'arcivescovo Desmond Tutu sul processo cui vedrebbe bene imputati l'ex presidente americano George W. Bush e l'ex premier inglese Tony Blair ha acceso e creato dibattito in tutto il mondo; un dibattito scomodo, talmente tanto che oltremanica si è spostato il boccino dell'attenzione sui guadagni dell'ex premier nell'ultimo anno (ben 20milioni di sterline). di Andrea Spinelli Barrile

Corea del Sud, il Governo rivaluta la pena di morte

Il governo della Corea del Sud sta prendendo in considerazione la ripresa delle esecuzioni capitali nel tentativo di contrastare, in particolare, l'aumento degli omicidi di primo grado e degli stupri contro minori. Un alto funzionario governativo ha detto ai giornalisti che l’esecutivo ha bisogno di consenso sociale sull'opportunità di riprendere le esecuzioni, indicando che le autorità seguiranno l’opinione pubblica nel prendere una decisione.

Desmond Tutu: Bush e Blair alla sbarra!

L'arcivescovo anglicano sudafricano Desmond Tutu, premio Nobel per la pace, ha chiesto tra lo stupore di molti che l'ex premier britannico Tony Blair e l'ex presidente statunitense George W. Bush vengano processati dal tribunale internazionale dell'Aja per crimini di guerra.

Spagna, Scuola: Maschi vs Femmine, stop ai fondi pubblici

Stop ai finanziamenti pubblici alle scuole che ammettono all’interno delle proprie classi solo maschi o solo femmine. Accade in Spagna, dove, in virtù di una legge che, approvata dal precedente governo, afferma che “motivi di nascita, razza, sesso, religione o qualsiasi altra condizione” non possono essere addotti al fine di negare a un individuo l’iscrizione a una scuola, la Cantabria e l’Andalusia si sono viste riconoscere il proprio diritto a interrompere la concessione di fondi statali a questo tipo di istituiti.

Fratelli Musulmani, "Editto bulgaro" in salsa egiziana

I Fratelli Musulmani - vincitori alle elezioni parlamentari e a quelle presidenziali in Egitto - avrebbero perso molti consensi in pochi mesi. Per questo si starebbero attivando su più fronti per ovviare al problema. Nel mirino della Confraternita e dello stesso presidente Morsi sono finiti anche gli operatori dell’informazione.

Assange: Londra gioca la carta della diplomazia

Nello scontro a due contro l’Ecuador sul caso Assange, il Regno Unito si prepara alla prossima mossa. Affatto intenzionata a garantire ad Assange un “passaggio sicuro” verso l’Ecuador, infatti, Downing Street ha detto che al governo britannico spetta l’obbligo a procedere all’estradizione di Assange in Svezia dove dovrà rispondere alle accuse per abusi sessuali.