Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/02/24 ore

ESTERI

Omicidio Navalny. Chi accredita Putin? Conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa

“Un pugno al cuore dopo essere stato esposto per molto tempo a condizioni di congelamento: così, secondo una fonte citata dal Times, sarebbe stato ucciso Alexei Navalny, dopo che nei giorni scorsi la vedova Yulia Navalnaya aveva invece accusato direttamente il presidente Vladimir Putin di averlo fatto avvelenare con l'agente nervino Novichok…” - così l’Agenzia Ansa riporta le dichiarazioni di Vladimir Osechkin, fondatore del gruppo per i diritti umani Gulagu.net, che ne ha parlato al quotidiano britannico, avanzando anche questa ipotesi sulle cause della morte del dissidente russo… Sulla morte dell’oppositore russo, sulle sue cause, sul suo omicidio, sulle implicazioni che in Europa, in America, in Italia può avere, discutono nell’audiovideo di Agenzia Radicale Video che segue, Francesco Sisci, sinologo, giornalista e analista politico, con Giuseppe Rippa…

 

- Omicidio Navalny. Chi accredita Putin? Conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)

Il Qatar è il mediatore del conflitto in Medio Oriente o il cavallo di Troia a Washington?

Il Qatar ha deluso nuovamente il presidente Biden: la risposta di Hamas all’accordo proposto è stata, come ha dimostrato la reazione immediata del presidente e del segretario di Stato Antony Blinken, rispettivamente “esagerata” e “assolutamente inefficace”. Ciò è accaduto perché il Qatar non sta esercitando pressioni su Hamas. Si considera un semplice intermediario[3]. Il Qatar non sta esercitando pressioni su Hamas nonostante il fatto che in realtà il Qatar sia l'ancora di salvezza di Hamas: la sua speranza, il suo futuro, il suo potere di continuare a combattere e di tenere in ostaggio… di Yigal Carmon* (da Memri)

Milei vuole ricostruire il mondo liberale occidentale con Israele

Come promesso subito dopo la sua elezione, il presidente argentino Javier Milei ha scelto Israele per la sua prima visita ufficiale di Stato. Questa decisione dimostra non solo il fermo sostegno di Milei a Israele in tempo di guerra, ma anche il suo ruolo nella difesa dei valori occidentali. In effetti, Israele non può essere considerato un’entità geopolitica separata poiché fa parte dell’“Occidente collettivo”… di Anna Mahjar-Barducci (da Ynetnews)

2024: dove va la Cina? conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa

L’agenda politica internazionale è focalizzata su quello che sta accadendo in Medio Oriente, con il progrom del 7 ottobre da parte dei terroristi di Hamas nel sud di Israele, sul successivo ingresso delle truppe israeliane nel nord di Gaza, sui drammatici sviluppi che questa azione  sta avendo sulla popolazione palestinese di quei territori dopo tre mesi dall’inizio di questi eventi. Sullo sfondo la guerra scatenata dalla Russia con l’invasione il 24 febbraio 2022 delle Forze Armate della Federazione Russa in Ucraina. Conflitto che continua a generare migliaia di morti  e che non trova ancora nessuna soluzione diplomatica per la superamento di questo drammatico conflitto… Lo sfondo resta quello di un confronto tra le due potenze in campo (Stati Uniti e Cina) che segnano una implicazione decisiva nello scacchiere internazionale, esposto alla assenza di un ordine mondiale che - nel bene e nel male - segnava le tappe di confronti e scontri tra paesi e popoli nel mondo… Di questi temi appunto con il professor Francesco Sisci, giornalista (già professore all’Istituto di Studi europei presso l’Università del Popolo di Cina a Pechino), discute Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, nella conversazione audiovideo che segue in Agenzia Radicale Video

 

- 2024: dove va la Cina? conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)

Gaza e Cisgiordania: gli aiuti esteri non hanno aiutato la popolazione palestinese ma il terrorismo di Hamas e la corruzione dell’autorità Palestinese

Se l'Occidente non vuole trasformare la Cisgiordania in un'altra Gaza, dovremmo rivedere le nostre politiche di aiuti esteri.[1] Come scrisse una volta il grande giornalista economico Henry Hazlitt (1894-1993): "Gli aiuti esteri da governo a governo promuovono lo statalismo, la pianificazione centralizzata, il falso socialismo, la dipendenza, la pauperizzazione, l'inefficienza e lo spreco"[2] Gli aiuti esteri non hanno portato alcuna crescita al popolo palestinese. Le belle aree residenziali di Ramallah non sono state costruite con i soldi degli aiuti esteri, ma da americani-palestinesi che hanno deciso di investire personalmente nell’area… di Anna Mahjar-Barducci 

Russia, Ucraina, Hamas, Israele, Cina, Usa: mondo in crisi. Conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa

Mai come in questi ultimi giorni del 2023 il quadro politico internazionale si presenta complicato, rischioso e con prospettive dai risvolti che possono assumere caratteri drammatici. Russia, Ucraina, Hamas, Israele, Cina, Usa: abbiamo un mondo in crisi. Questo emerge in maniera più eclatante ma è noto come i conflitti sono molto più numerosi e la via dello scontro prevale come unica tragica risposta alle contese rimesse sempre più alla sorte delle armi, della guerra. Con l’obiettivo di provare a interpretare gli avvenimenti, le correlazioni e gli intrecci che hanno tra loro, Francesco Sisci, sinologo e giornalista (già professore all’Istituto di Studi europei presso l’Università del Popolo di Cina a Pechino), discute Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, nella conversazione audiovideo che segue…

 

- Russia, Ucraina, Hamas, Israele, Cina, Usa: mondo in crisi. Conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)

Aggressioni e guerre: alla ricerca dell’ONU da riformare. Conversazione con Mihail Doble con Giuseppe Rippa

Le aggressioni, i progrom, le guerre (si pensi alle violenze armate contro l’Ucraina e al conflitto scatenato da Hamas contro Israele), che drammaticamente ci accompagnano ancor di più in questi ultimi mesi e anni (non dimenticando i tanti conflitti, sanguinosi e massacratori, che sono in atto in tantissime parti del mondo), fanno emergere un dubbio sull’effettivo ruolo dell’ONU, che si presenta paralizzato e paralizzante, con limiti strutturali e organizzativi, pieno di anacronismi e ambiguità, che finiscono per annullare il suo ruolo, o quello che dovrebbe essere il suo ruolo… Quella che segue è l’audiovideo di una conversazione per Agenzia Radicale Video con Mihail Dobre (diplomatico, già Ambasciatore presso la Santa Sede della Romania e professore di Politica estera, diplomazia e relazioni internazionali presso la Facoltà di Storia dell’Università di Bucarest), con Giuseppe Rippa direttore di Quaderni Radicali (rivista che ha dedicato molti numeri alla importanza dell’ONU e alla sua crisi) e Agenzia Radicale.

 

- Aggressioni e guerre: alla ricerca dell’ONU da riformare. Conversazione con Mihail Doble con Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)

Cisgiordania: due palestinesi giustiziati a Tulkarem da palestinesi della cosiddetta Brigata dei martiri al-Aqsa perché sospettati di collaborare con Israele

Palestinesi, membri della presunta Brigata dei martiri al-Aqsa, hanno linciato e poi giustiziato a Tulkarem (città della Cisgiordania, sotto il controllo dell'Autorità Palestinese) due uomini palestinesi sospettati di collaborare con Israele.

I loro cadaveri, sono stati esposti pubblicamente e la folla scattava foto con grande eccitazione…

Prova di rivolta fallita. Arabi-israeliani contro Hamas. Conversazione Anna Mahjar-Barducci / Giuseppe Rippa

George Deek, giovane ambasciatore arabo cristiano di Israele in Azerbaigian, paese musulmano, ha fatto conoscere i risulta di un recente sondaggio da cui emerge che la quasi totalità degli arabi israeliani, di fatto quasi tutti palestinesi, sono contro Hamas, il suo terrorismo, e si sentono profondamente legati allo Stato di Israele… Con Anna Mahjar-Barducci, ricercatrice senior del Memri, l’istituto di ricerca sui media del Medio Oriente e da sempre collaboratrice di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, che vive a Gerusalemme, conversa Giuseppe Rippa partendo proprio dal sondaggio dell’ambasciatore Deek…

 

- Prova di rivolta fallita. Arabi-israeliani contro Hamas. Conversazione Anna Mahjar-Barducci / Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)

Se una parte del mondo accademico diventa avamposto antiebraico. Conversazione F. Sisci / G. Rippa

“Il mondo accademico si divide sulla guerra in Israele e Palestina”. Scrive il Corriere della Sera “… Quasi quattromila professori e ricercatori universitari di vari atenei di tutto il Paese hanno sottoscritto un nuovo appello per il cessate li fuoco immediato che condanna i «crimini di guerra» e il «genocidio» in corso nella Striscia a seguito delle «brutali azioni» di Hamas (così viene definito li massacro di giovani, donne e bambini del 7 ottobre scorso)….  interrompere immediatamente la collaborazione con le università e i centri di ricerca israeliani…”. Di questo e delle contraddizioni delle civiltà che si ritengono democratiche hanno discusso, nella conversazione che segue il prof Francesco Sisci, analista politico e giornalista e Giuseppe Rippa direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale.

 

- Se una parte del mondo accademico diventa avamposto antiebraico. Conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)

La guerra silenziosa della Cina contro l’India

Se la Cina non spara un solo proiettile, ciò non significa che non stia combattendo. Guarda i porti e le basi militari in Africa, dove la Cina ha attraccato le sue navi da guerra militari e ha costruito enormi basi anche senza sparare un proiettile. La Cina, sotto la maschera del Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC), che fa parte dell’iniziativa cinese “One Belt, One Road”, sta cercando di occupare l’intera regione evitando lo scontro diretto. Tuttavia, dietro le quinte, la Cina sta investendo ingenti somme di denaro per scatenare una guerra su vari fronti… di Rudam Azad* (da MEMRI)

Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie