Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/10/18 ore

LIBRI

Sentenza di morte, i tratti della Repubblica Sociale

Il 13 aprile 1944, settant’anni fa, a Montefalco, presso Perugia, due diciannovenni – come altri giovani della zona, vennero fucilati da un plotone di esecuzione della RSI perché condannati alla pena di morte, in base ai decreti di Rodolfo Graziani e di Mussolini, per renitenza alla leva (reato militare normalmente punito con due anni di reclusione, meno le normali attenuanti e le possibili scappatoie): Americo Fiorani e Luigi Moretti, entrambi di Montefalco, dove vivevano nella campagna del contado e dove erano stati catturati (si sospetta a seguito di una spiata) il 27 marzo precedente. di Silvio Pergameno

Francis Poulenc, una biografia

Nato a Parigi nel 1899 fin dalla prima infanzia comincia, grazie all'amore materno per la musica, a prendere lezioni di pianoforte e a soli diciannove anni viene già riconosciuto come compositore di talento. Eclettico e poliedrico musicista, Francis Poulenc ha scritto oltre un centinaio di opere, ma pur amando il nostro Paese, in particolare Venezia, non sono molti gli studi specifici in italiano che lo riguardano. di Elena Lattes

Pietre e segreti, Barbara Frale racconta la Roma dei Templari

Un tempo, chi entrava nell’Urbe dalla via Tiburtina si trovava dinanzi un’antica porta di pietra che aveva scolpite due teste di toro. Quella esterna, rivolta verso la campagna, era un lugubre teschio; l’altra, prospiciente la città, raffigurava invece un animale vivo. Le due teste simboleggiavano i viandanti che giungevano nella Città Eterna: affamati e stanchi nell’entrarvi, rifocillati e vigorosi nel lasciarla. di Gerardo Picardo

“Il capitello dell’Imperatore”, lezione di scrittura

Dicono: si legge poco masi scrive molto e, spesso, male. Infatti, molti vogliono scrivere. Anzi, vorrebbero essere autori di testi intelligenti, intriganti, dallo stile raffinato ed elegante. E non ci riescono. Come fare, allora? Un buon metodo è quello di prendere a modello un libro di qualità. di Adriana Dragoni

Lettere eretiche di Paolo Izzo

È nelle librerie il volume Lettere eretiche (Stampa alternativa ed.; pp.165), scritto da Paolo Izzo, segretario di Radicali Roma. Si tratta di una raccolta delle lettere inviate dall’autore a giornali e riviste, tutte pubblicate nelle rubriche delle varie testate, aventi per tema privilegiato la laicità e la tutela dei diritti civili. di Luigi O. Rintallo

 

Lettere eretiche, audiovideo conversazione con  Paolo Izzo (Agenzia Radicale Video)

Discorsi intorno alla figura di Berluschino

Tappa dopo tappa - Michele De Lucia ha scritto un libro che in mezzo a un fiorire di agiografie costituisce per ora l’unica voce piuttosto critica su Matteo Renzi disponibile in libreria, dalla quale si evince prima di tutto e una volta di più che il Rottamatore non cade dal pero. 

 

- Presentazione de Il Berluschino (audiovideo da radioradicale.it)